Cerca nel blog

lunedì 28 settembre 2015

Nutrire il pianeta: la bio di Gino Girolomoni presentata a EXPO2015

NUTRIRE IL PIANETA: A EXPO 2015 IL LIBRO DEDICATO AL PADRE DEL BIOLOGICO ITALIANO


Sarà presentato il prossimo 30 settembre all'Esposizione Universale il libro "La terra è la mia preghiera. Vita di Gino Girolomoni padre del biologico" dedicato al pioniere del bio italiano.


30 settembre 2015  -  ore 15.00

 

Auditorium Cascina Triulza - EXPO Milano

 

Isola del Piano (PU), settembre 2015 – Parlare di agricoltura biologica quando nessuno sapeva nemmeno cosa fosse: era il lontano 1971 quando, per primo, Gino Girolomoni ha gettato le basi per un'agricoltura rispettosa delle persone e del pianeta permettendo la rinascita, dopo l'abbandono di molti, del territorio delle colline marchigiane. Oggi la vita di Gino, agricoltore, sognatore, uomo di fede e imprenditore illuminato scomparso nel 2012, è raccontata nel libro del giornalista Massimo Orlandi "La terra è la mia preghiera" edito da EMI Edizioni (con la prefazione di Vandana Shiva), che sarà presentato mercoledì 30 settembre presso l'Auditorium di Cascina Triulza nell'ambito di EXPO 2015. La presentazione avverrà in occasione del convegno "Il Bio nel piatto. Cooperazione biologica e ristorazione collettiva", organizzato da Fedagri-Confcooperative. Oltre all'autore interverrà Giovanni Battista Girolomoni, presidente della Cooperativa Agricola Gino Girolomoni.

 

Un vero e proprio modo di "Nutrire il Pianeta" quello di Gino e della Cooperativa Girolomoni, la cui storia inizia appunto negli anni Settanta quando Gino Girolomoni, giovane sindaco del comune di Isola del Piano, cominciò a promuovere iniziative volte a valorizzare e sostenere l'antica civiltà contadina: corsi di agricoltura biologica e convegni attiravano intellettuali, giornalisti e tecnici da tutta Italia. "Nel corso della presentazione del libro – spiega Giovanni Battista Girolomoniracconteremo di come l'intensa attività culturale ed economica portata avanti da Girolomoni con la Cooperativa ha contribuito in modo sostanziale a fermare la fuga dalla campagna e a spingere gli agricoltori a riprendere le loro attività, tornando ad abitare vecchie case ormai abbandonate e custodendo la terra con un'agricoltura che non utilizza sostanze chimiche di sintesi". Per la prima volta la vicenda umana, spirituale e professionale di Gino Girolomoni viene raccontata in un libro che narra la nascita della prima cooperativa agricola biologia in Italia con il marchio "Alce Nero" (oggi "Girolomoni").

 

Nel corso del convegno "Il Bio nel piatto. Cooperazione biologica e ristorazione collettiva" verrà poi approfondito il tema della diffusione del biologico in relazione alla ristorazione collettiva, con riferimenti alla  normativa nazionale e ai dati analisi della domanda di questa particolare categoria di prodotti. Parteciperanno, tra gli altri, il Vice Ministro delle Politiche Agricole Andrea Olivero e il Coordinatore del settore biologico dell'Alleanza delle cooperative agroalimentari Andrea Bertoldi.

 

FONDAZIONE GIROLOMONI

La Fondazione culturale che oggi prende il nome dal suo fondatore, Gino Girolomoni, è stata fondata nel 1996 con il nome di Fondazione Alce Nero. Il suo scopo primario è la conservazione e l'archiviazione degli scritti, dei documenti e del patrimonio librario lasciati da Gino Girolomoni, nonché la divulgazione del suo pensiero, la prosecuzione degli eventi culturali da lui avviati e la valorizzazione dei luoghi in cui la vita e il paesaggio agrario, grazie a lui e alla moglie Tullia Romani, hanno ritrovato significato e potenzialità economiche. La Fondazione trova sede presso il Monastero di Montebello, tra Urbino e Isola del Piano nella provincia di Pesaro-Urbino.   


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI