Cerca nel blog

mercoledì 23 settembre 2015

Mercato immobiliare (Gate-away) - le opportunità delle fiere in Europa con il primo padiglione italiano: alto il numero di richieste di immobili da Germania e Belgio

Fiere Immobiliari

Gate-away.com, finalmente il padiglione italiano a Second Home International per Belgio e Germania


Rossi "Ci impegniamo per offrire nuove opportunità di business nel mercato immobiliare"

Dopo l'esperienza positiva di Utrecht, arrivano le edizioni di Bruxelles e Monaco

Una bella casa in Italia. Il desiderio di molti stranieri che si dedicano alla ricerca di un posto al sole, visitando fiere di settore come quella di Second Home International, fra le più importanti in Europa.
E l'Italia, o meglio gli operatori del mercato immobiliare italiano, che in questi anni non hanno colto in pieno l'opportunità di investimenti consistenti, quasi rinunciando alla presenza su piazze dall'enorme potenziale come quella belga e tedesca.

Questo lo scenario che ha spinto Gate-away.com, il primo portale italiano dedicato agli stranieri che vogliono comprare casa in Italia, ad impegnarsi su fronte offline con una partnership con Fairs Consult, gli organizzatori di Second Home International, per promuovere nel 2015 il primo padiglione italiano nelle tre edizioni della fiera.
A marzo, Utrecht ha restituito buoni risultati: l'Olanda è stata un forte incentivo per le prossime edizioni di Bruxelles (dal 25 al 27 settembre) e Monaco (dal 9 all 11 ottobre), che promettono opportunità concrete di investimenti immobiliari nel nostro Paese.

"Le informazioni sui profili dei visitatori, oltre 20mila ogni anno, aiutano a farsi un'idea su quanto importante sia partecipare e sostenere la 'destinazione Italia' rispetto altri Paesi concorrenti. Ci stiamo impegnando con iniziative non strettamente legate a Internet  - spiega Simone Rossi, direttore generale di Gate-away.com -  per creare nuove opportunità di business e incentivare l'incontro fra domanda e offerta. In ballo non c'è solo il settore strettamente immobiliare ed edilizio, ma tutto ciò che gravita attorno al concetto di compravendita e destinazione turistica: banche e società finanziarie, consulenti, studi legali compagnie aeree, professionisti del design, dell'artigianato, tutto ciò che interessa le eccellenze paesaggistiche ed enogastronomiche. Un forte sviluppo delle compravendite di case italiane da parte di stranieri - sottolinea Simone Rossi - avrebbe una portata ulteriore".

I redditi dei visitatori di Second Home International (olandesi, belgi e tedeschi) sono spesso sopra la media rispetto ai Paesi di provenienza. Solitamente sono persone che hanno in programma di comprare una casa entro l'anno, come investimento, per le vacanze o per affittarla Sempre più spesso per trasferirsi e abitarci in maniera definitiva, magari dopo la pensione.

A Bruxelles, dove si terrà a settembre la prossima edizione della fiera, sono attesi circa 5mila visitatori, mentre a Monaco, per l'edizione di ottobre che è la prima in assoluto in questa città per Second Home International, si stima un'affluenza di almeno 4mila visitatori. "Belgio e Germania sono fra i cinque Paesi da cui arrivano più richieste di immobili italiani - commenta Walter Di Martino, responsabile marketing di Gate-away.com -, rispettivamente al quinto e terzo posto nella classifica, insieme con Gran Bretagna, Usa e Francia. La Germania ha registrato un incremento delle richieste di immobili italiani pari al 64,3% rispetto al 2014, con un budget medio di circa  450mila euro. Il Belgio è cresciuto del'8,4% con un budget medio di circa 390mila euro. Nonostante le cifre consistenti - prosegue Walter Di Martino - , l'interesse non è diretto solo alle fasce di prezzo più alte per immobili di lusso: è in forte aumento la richiesta di case fino a 250mila euro. Ciò significa maggiori opportunità per chi ha una proprietà da vendere e una possibilità in più, visto che il mercato interno langue".

Mentre i tedeschi sembrano prediligere la Liguria, i belgi mostrano una preferenza per la Puglia: "Lo scarto nelle  preferenze fra le varie regioni italiane registrate dal nostro portale - chiarisce Di Martino - è meno forte per la Germania, mentre per il Belgio le differenze fra una zona o l'altra sono più nette. Per questo, periodicamente stiliamo delle classifiche e analizziamo i trend: i fattori in gioco nella scelta di una casa sono molti e possono variare nel medio periodo. Con Internet il potenziale compratore è molto più informato ed esigente".

Ma quali sono le caratteristiche più ricercate? Sia per i tedeschi che per i belgi la scelta cade con più frequenza su case indipendenti e già abitabili al momento della compravendita, ma quasi il 10% delle richieste sono per immobili da ristrutturare. In generale, una richiesta su tre include la presenza del giardino, mentre quasi una su due quella di una proprietà con terreno. La piscina non è più un elemento determinante, anche se continua ad essere una componente che può fare la differenza nell'acquisto. I potenziali acquirenti stranieri sono alla ricerca della casa ideale in Italia: è importante mostrare ciò che il mercato immobiliare italiano offre.

Grottammare (AP), 23 settembre 2015

:: :: :: :: ::
Gate-away.com è il primo portale immobiliare dedicato agli stranieri che desiderano comprare un immobile in Italia. Il sito è multilingue: fornisce servizi che facilitano e aiutano la promozione del patrimonio immobiliare italiano verso il mercato estero. Ogni potenziale acquirente straniero può valutare le proprietà selezionate da Gate-away.com messe in vendita da agenzie immobiliari o privati, ricevendo supporto affinché il processo di acquisto divenga più semplice.


--

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI