Cerca nel blog

lunedì 27 aprile 2015

La Fondazione Barilla da’ il benvenuto alla Carta di Milano


Invita le 100 organizzazioni che hanno aderito al Protocollo di Milano, oltre ai 15.000 sottoscrittori on-line, ad aderire al progetto sul diritto al cibo
Parma, 27 aprile 2015 –  Il 28 aprile  verrà presentata la Carta di Milano, il documento voluto dal Governo Italiano come eredità di Expo Milano 2015. La Fondazione Barilla Center for Food and Nutrition (BCFN) con il  suo Protocollo di Milano ha ispirato il lavoro del Governo, portando all'attenzione pubblica il tema della sostenibilità alimentare e realizzando - con la sua rete di esperti mondiali - una proposta di azioni puntuali sui cui ottenere il consenso degli Stati che partecipano ad EXPO 2015.  
Oggi il BCFN invita le oltre 100 organizzazioni e i 15.000 cittadini che hanno sottoscritto on-line il Protocollo di Milano a dare il loro pieno sostegno alla Carta di Milano, la più importante legacy di Expo 2015 alla comunità mondiale.
La Carta di Milano è lo strumento che permetterà ai cittadini, in occasione di Expo Milano 2015, di costruire e vincere la sfida del diritto al cibo sano, sicuro e nutriente per tutti come diritto umano fondamentale. Si tratta, quindi, un manifesto collettivo, un atto politico e di sensibilizzazione globale sul ruolo del cibo e della nutrizione per una migliore qualità di vita. Tutti potranno sottoscrivere la Carta, che sarà consegnata a ottobre al Segretario Generale dell'Onu, Ban Ki-moon.
"Quello del 28 aprile è un appuntamento importante, che conclude il lavoro dal quale è scaturita la Carta di Milano attraverso il  confronto e dibattito tra istituzioni, imprese e società civile – afferma Guido Barilla, Presidente della Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (BCFN) È  lo spirito con cui abbiamo lanciato il nostro Protocollo di Milano sui paradossi dell'alimentazione: favorire un movimento di opinione che coinvolga tutti per proporre iniziative concrete a favore di un sistema alimentare sostenibile. La Carta di Milano è la nuova «casa comune» di cui siamo orgogliosi di fare parte ed alla quale vogliamo continuare a contribuire invitando tutti i sostenitori del nostro Protocollo ad aderirvi. Il nostro Protocollo ha avuto un sostegno incredibile da parte di oltre 100 importanti organizzazioni, molto significative a livello internazionale come - tra le altre - WWF, Slow Food, Save the Children e la Jamie Oliver Foundation. A tutti loro chiediamo di sottoscrivere con la stessa convinzione la Carta di Milano".
E come ulteriore impegno per un'alimentazione sostenibile, il BCFN sta promuovendo la petizione lanciata dal famoso chef inglese Jamie Oliver per chiedere ai leader del G20 che l'educazione alimentare venga resa obbligatoria nelle scuole dei rispettivi paesi, come base per la formazione a corretti stili di vita.  Si tratta di un'azione concreta perfettamente coerente con gli obiettivi del Protocollo di Milano, a cui la Jamie Oliver Foundation ha aderito. L'iniziativa si conclude con il Food Revolution Day previsto il 15 maggio. (https://www.change.org/p/jamie-oliver-needs-your-help-fighting-for-food-education-foodrevolutionday)


La Fondazione Barilla Center for Food & Nutrition (Fondazione BCFN) è un centro di pensiero e di proposte nato nel 2009 con l'obiettivo di analizzare i grandi temi legati all'alimentazione e alla nutrizione nel mondo. Fattori economici, scientifici, sociali e ambientali vengono studiati nel loro rapporto di causa-effetto con il cibo attraverso un approccio multidisciplinare. Presidente e Vice Presidente della Fondazione BCFN sono Guido e Paolo Barilla, mentre il CdA è formato, tra gli altri, da Carlo Petrini, presidente di Slow Food e Paolo De Castro, coordinatore della commissione agricoltura e sviluppo rurale del parlamento europeo. Organismo garante dei lavori della Fondazione BCFN è l'Advisory Board. Per maggiori informazioni: www.barillacfn.com; www.protocollodimilano.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI