Cerca nel blog

giovedì 7 maggio 2015

Milano Alta: dove l’innovazione incontra la città per restituire un polo dinamico e di attrattiva internazionale

logo
PORTELLO: GRANDI NUMERI E INVESTIMENTI.
IL PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DI VITALI SPA PUNTA IN ALTO.



 Milano, 07 maggio 2015 – Un progetto importante, perché carico di un significato simbolico quanto prezioso e concreto per l’intera città. Un’area, quella dei padiglioni 1 e 2 del Portello, che grazie a Milano Alta, mira a diventare un innovativo polo di attrazione inserendosi nelle recenti evoluzioni urbanistiche del capoluogo lombardo. Un piano operativo di riqualificazione reso possibile da una task force multidisciplinare che avrà come obiettivo quello di ridare anima al Portello mantenendone l’identità.

Oltre 15.000 mq di nuovi spazi pubblici, 7 percorsi che corrispondono a 7 tipologie di esperienze, 1 km di Green Street ubicati a 7 mt di altezza. Questi gli elementi chiave ed i numeri che identificano “Milano Alta”: progetto lungimirante ma quanto mai pragmatico presentato da Vitali Spa, che concorre in gara con quelli di A.C. Milan e di Prelios per la riqualificazione dell’area sita nella zona 8 di Milano.

A confermare la validità del progetto e la concreta nonché tempestiva fattibilità di “Milano Alta” un investitore internazionale: Stam Europe è infatti disposto ad investire oltre 100.000.000 di euro nel breve termine e più di 200.000.000 nel lungo periodo

Tali risorse, accostate alla forza del gruppo Vitali che annovera progetti di indiscusso prestigio, oltre all’intervento di architetti paesaggisti di fama internazionale come lo studio Flores Prats di Barcellona, sono gli elementi base per dare vita a quello che vuole essere un progetto “alto” in tutti i sensi: eleva il valore delle persone, rappresenta una fonte di attrattiva a livello turistico per la città e genera occupazione, benessere e nuovi servizi per gli abitanti dell’area che giustamente rivendicano un progetto in linea con le esigenze di chi vi abita.

Il polo multifunzionale, pienamente conforme alla richieste della gara e agli strumenti urbanistici vigenti, intende rendere attrattiva una zona attualmente periferica di Milano, conservandone l’identità e mantenendo l’impianto architettonico esistente, vero e proprio Landmark di Milano, attraverso un progetto di respiro internazionale che trova ispirazione nei grandi parchi urbani come Parc Guell di Barcellona e l’High Line newyorkese.

Green e hi-tech: è da questo dualismo che si riflette nell’organizzazione del complesso, che il concept è nato e prende forma per generare vero e proprio Landmark della Città di Milano, che punta  a diventare patrimonio culturale e storico per le future generazioni. 

Nel nuovo polo è prevista l’introduzione di aree legate all’innovazione tecnologica con una mediateca interattiva, un tech center e un simulatore multimediale; all’entertainment e alla cultura, che vivranno 24h su 24 con un cinema4D e un leisure center con spazi dedicati alle performance artistiche; alla cucina e all’alimentazione grazie ad una food court con scuole di cucina internazionale, negozi con prodotti a km0, un centro di promozione delle scienze dell’alimentazione oltre che a spazi per showcooking; al benessere e allo sport grazie all’idea di dare vita ad una città del benessere in cui poter fare riabilitazione, visite mediche specialistiche; un luogo in cui praticare sport e testare i prodotti sportivi; un centro del fashion&design con punti vendita concepiti come concept stores dove al centro non sarà il prodotto ma l’esperienza che il visitatore potrà compiere all’interno degli spazi. 

Non mancherà la caratterizzazione connessa al turismo: nel progetto è prevista infatti la creazione di una struttura ricettiva che ospiterà 350 camere, con anche funzioni congressuali sinergiche con le attività esistenti di Fiera e di Mi.Co: un edificio che non rovinerà l’area limitrofa in quanto sviluppata mantenendo standard di altezza rigorosamente affini all’estetica globale.

Elementi di assoluto vanto del progetto sono senza dubbio la trasformazione della copertura del padiglione, che verrà liberata dai parcheggi per diventare un roof garden esclusivo a 360° sullo skyline di Milano, con ampi spazi a verde su cui praticare sport all’aria aperta, divertirsi, vedere spettacoli artistici, cinema all’aperto ed assistere ad eventi internazionali, ma anche concepito come luogo di lavoro innovativo grazie all’accesso alla connettività attiva e ad una Free internet zone

Secondo elemento di pregio sarà la Green Street, ubicata a 7 mt d’altezza: un percorso ciclopedonale lungo l’intero fronte di via Scarampo, essa rappresenterà il cuore pulsante del progetto. Oltre a consentire l’accesso alle varie funzioni che si insedieranno nel fabbricato, sarà il crocevia delle attività più svariate sia durante il giorno che durante le ore serali con iniziative legate all’entertainment. 

La Green Street  sarà il percorso ciclo pedonale in quota più lungo di Milano (1km) dove si potranno praticare attività sportive, un percorso in piena sicurezza che attraversa un ambito caratterizzato da importanti assi viari ed elevati flussi di traffico veicolare, ma con i quali non entrerà mai in contatto. 

Non solo un percorso ma un luogo dove fare delle esperienze, tra orti botanici, esposizioni temporanee, percorsi del gusto, aree sportive attrezzate.  Il building sarà riqualificato secondo standard internazionali, integrando tecnologie e strategie di risparmio energetico volte a  garantire notevoli vantaggi in termini di riduzione dell'impatto ambientale dell’edificio con benefici non solo per i fruitori ma anche per le popolazioni residenti nelle immediate vicinanze. Un vero e proprio smart building che grazie anche alle innovative tecnologie di telecontrollo permetteranno all’area di raggiungere elevati standard di sicurezza e controllo delle aree.

I plus della proposta presentata da Vitali Spa sono legati essenzialmente a fattori quali l’integrazione con il contesto urbanistico già esistente, la garanzia della realizzazione in tempi certi e rapidi e la pre-commercializzazione degli spazi, il basso impatto ambientale, la sostenibilità economica e finanziaria dell’operazione di sviluppo. Milano Alta è un progetto che vive al servizio della cittadinanza, del turismo e accanto alle attività fieristico-congressuali di Fondazione Fiera e Mi.Co.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI