Cerca nel blog

venerdì 8 maggio 2015

Incontro a Milano della community SCALA, il linguaggio che rivoluziona il modo di programmare e accelera l'innovazione nelle imprese che lo adottano

Perché SCALA rivoluziona il modo di programmare e accelera l'innovazione nelle imprese che lo adottano. 

Il linguaggio delle start up è adottato anche dalle aziende di mercati maturi per realizzare nuovi servizi con time to market ridotto. 

In Italia l'azienda certificata per lo sviluppo di soluzioni su Scala e per il training è DATABIZ, rivenditore autorizzato della Typesafe Reactive Platform.


Milano, 8 maggio 2015 - Oggi a Milano, gli sviluppatori sono accorsi numerosi allo SCALA ITALY DAY ospitato da UniCredit nella nuova torre di Piazza Gae Aulenti e sostenuto da DATABIZ, tra le prime aziende a portare Scala in Italia e l'unica a essere certificata da Typesafe, l'azienda fondata da Martin Odersky, padre del linguaggio di programmazione, e da Jonas Bonér, creatore del middleware AKKA.

La giornata si apre con l'atteso intervento di Martin Odersky, seguito da Phil Calçado e John Pretty considerati tra i maggiori esperti del linguaggio, nel pomeriggio un fitto programma di interventi dei programmatori che formano lo user group Scala Italy.

Se alla fine degli anni 90 l'innovazione nella programmazione si chiamava Java, oggi sta prendendo il nome di Scala, un linguaggio che unisce la programmazione ad oggetti con quella funzionale e che consente notevoli risparmi di tempo e di risorse. Nel 2014 Scala è stato premiato all'InfoWorld's Technology of the Year segnalandolo come uno dei principali attori mainstream per i decenni a venire.

Sono tante le caratteristiche che rendono Scala il linguaggio delle start up e delle organizzazioni che vogliono essere attrici dell'innovazione. La natura del linguaggio consente agli sviluppatori di creare applicazioni performanti e la ricchezza di funzionalità lo rende uno strumento versatile e adattabile. Le funzionalità di Scala rendono più facile la produzione di codice esente da errori, è assicurato un supporto nel tempo e nello stesso tempo il linguaggio è in continua evoluzione e non smette di dare nuovi e migliori strumenti agli sviluppatori. 

Scala sta conquistando sempre più sviluppatori, che compongono una comunità ricca, coinvolta e produttiva, perché permette di esprimersi in maniera concisa, riducendo il lavoro necessario per portare a termine un progetto e facilitandone il mantenimento. Infine, dettaglio non trascurabile essendo nato sulla piattaforma Java, da tempo protagonista in ogni campo dell'IT, permette di preservare gli investimenti degli sviluppi in Java.

"Il modo in cui sviluppiamo le applicazioni sta cambiando così come le esigenze dei clienti e degli utenti" afferma Leo Pillon, AD di DATABIZ. "La nostra risposta al cambiamento in essere passa attraverso la User eXperience, l'utilizzo di tecnologie altamente produttive, scalabili e affidabili e la realizzazione di sistemi intelligenti per l'analisi real-time di dati.. Per questi motivi sosteniamo in prima linea il Reactive Manifesto e siamo stati tra i primi a portare Scala in Italia. La collaborazione con Typesafe prosegue con soddisfazione tanto che oggi siamo anche la prima società italiana certificata per il Training e autorizzata alla rivendita della Reactive Platform."

"Il dipartimento Research & Open Innovation di UniCredit Group ha adottato Scala come linguaggio di programmazione preferito per molti dei suoi progetti" afferma Riccardo Prodam, UniCredit. "La sintassi e i costrutti di Scala permettono scalabilità e tutto l'ecosistema di riferimento sta crescendo molto velocemente".

"Siamo particolarmente felici di constatare che Scala e la Typesafe Reactive Platform hanno acquisito una solida posizione tra le realtà leader in Italia" afferma Mark Brewer, Presidente e CEO di Typesafe. "Il costante impegno dei membri della community Scala in Italia per realizzare l'evento Scala Italy, sostenuto da UniCredit e DATABIZ,  è un importante passo verso la modernizzazione del patrimonio di applicazioni e infrastrutture JVM non solo in Italia, ma nell'intera Europa."


Informazioni su DATABIZ (@DATABIZit)
Fondata nel 2009 a Treviso, DATABIZ offre consulenza e realizza soluzioni applicative avanzate. Votata all'eccellenza del risultato, sposa la competenza tecnologica con la User eXperience e la conoscenza approfondita dei processi di business, soprattutto in ambito Finance.
DATABIZ è stata la prima azienda Italiana certificata da Typesafe come partner per la Consulenza e il Training e per la rivendita della Typesafe Reactive Platform.
DATABIZ è in costante ricerca di personale qualificato e coltiva il proprio know how investendo fortemente in Ricerca e Sviluppo in particolare negli ambiti delle Reactive Application, dei Big Data e della User eXperience.

Informazioni su Typesafe (@Typesafe)
Typesafe, fondata nel 2011 da Martin Odersky creatore del linguaggio di programmazione Scala e da Jonas Bonér, creatore del middleware AKKA, fornisce una piattaforma open source per la creazione di applicazioni reactive per la JVM. La piattaforma si compone del framework Play, il middleware Akka e il linguaggio di programmazione Scala. Typesafe offre formazione, consulenza e supporto commerciale sulla piattaforma. Sostenuta da Greylock Partners, Shasta Ventures, Bain Capital Ventures e Juniper Networks, Typesafe ha sede a San Francisco, con uffici in Svizzera e Svezia.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI