Cerca nel blog

mercoledì 25 marzo 2015

MAGGIO 2015: Ordine Architetti Milano lancia gli Architectural Walks in Milan per EXPO


Architectural Walks in Milan
Itinerari di Architettura Milanese

(Ri)scoprire Milano attraverso la sua architettura moderna attraverso un programma di visite guidate: una chiave di lettura e accesso realmente unica in luoghi e linguaggi storico-architettonici di Milano.

Come scrisse Gio Ponti "Milano l'hanno fatta per il 90% gli architetti, per il 10% Dio".
(Ri)scoprire Milano attraverso la sua architettura moderna: Architectural Walks in MilanItinerari di Architettura Milanese
è il progetto culturale rivolto a tutti, professionisti, turisti, aziende e cittadini, organizzato dall'Ordine degli Architetti di Milano.
In occasione del semestre EXPO, la 'casa degli architetti milanesi' potenzia il proprio programma di visite guidate (2 a settimana), anche multilingue, in luoghi ed edifici – spesso altrimenti non accessibili - dallo straordinario valore architettonico o urbanistico.

Il calendario di maggio prevede i tour che inquadrano le realizzazioni di Vico Magistretti (uno dei migliori architetti e designer italiani),
di Giovanni Muzio (la cui enorme produttività architettonica ha dato una notevole impronta alla città di Milano tra gli anni Venti e Quaranta), di Piero Bottoni (che con QT8 anticipò i tempi inventando il paesaggio nel progetto della città)
e, immancabile, di Gio Ponti (sulle tracce della sua architettura votata al rinnovamento di un'epoca in case borghesi, palazzi per uffici e chiese).




Non mancano poi i focus sulla Milano 'alta' dei grattacieli (Torre Galfa, Pirellone, Bosco Verticale, Diamante, Solaria, UniCredit…) e sulle trasformazioni dell'area Garibaldi-Repubblica (dalle Cucine Economiche al Residence Porta Nuova, da La Corte Verde alla Stazione Garibaldi, alla Fondazione Catella, senza trascurare, ancora, i nuovi grattacieli).

"Gli Itinerari di architettura dell'Ordine nascono con lo scopo di far conoscere l'architettura moderna, e in particolare quella di una stagione molto felice per la cultura milanese, tra il 1930 e il 1970.
In generale l'architettura moderna è poco conosciuta rispetto a quella più antica, che viene insegnata nelle scuole e a cui viene dedicata tanta attenzione nelle guide turistiche tradizionali.
I nostri visitatori, durante le visite, rimangono sempre molto affascinati e quasi sorpresi di avere sempre avuto sotto gli occhi veri capolavori a cui non avevano mai fatto caso."

Una chiave di lettura, comprensione e accesso realmente unica dei linguaggi architettonici di Milano, la cui architettura è stata per molti decenni il più grande contributo ambrosiano al mondo.

Il calendario, in costante aggiornamento, è sul sito: https://shop.ordinearchitetti.mi.it/7-itinerari
2 maggio: Vico Magistretti
9 maggio: Piero Bottoni: la dimensione civile della bellezza
14 maggio: Milano alta
21 maggio: Giovanni Muzio
23 e 28 maggio: Dall'idea della città alla città costruita: l'area di Garibaldi-Repubblica
30 maggio: Gio Ponti

1 commento:

  1. 1.molti mesi fa ,abbiamo iniziato una ricerca-interviste virali su internet in tutto il mondo, chiedendo:"secondo il vostro parere al Post Expo di Milano è preferibile costruire un campus universitario o un campus digitale industriale?"
    2.le risposte sono state molto positive per il Campus digitale industriale e negative per il Campus Universitario se non si rinnova con labs e incubatori,vendendo tecnologie.
    3.Quasi tutti hanno confermato che il miglior Campus che abbina industria e Universita' è il KIT tedesco di Francoforte che ha un fatturato annuo di 950 milioni
    4.Nelle interviste gli esperti interpellati ci hanno dato numerosi consigli su come progettare un Campus digitale industriale e devo ringraziare Verizon,Cisco,la Fondazione Rockfeller,il MIt,Stanford,il MITI giapponese che ci hanno dato indicazioni utili che riassumo nel seguito.
    5.Molti politici milanesi e lombardi hanno optato per un Post Expo Campus Universitario ma se vogliamo far sviluppare l'occupazione giovanile sarebbe molto piu' utili un campus digitale aziendale aperto agli studenti del V anno di qualsiasi Liceo per capire la nuova fabbrica digitale
    6.Molti esperti hanno espresso parere negativo su Campus Universitari messi alla periferia delle città perchè invece devono stare con la città anche per rilanciare la cultura della città
    7.il trasloco universitario che si vuole fare da Citta Studi a Rho per 15.000 studenti è sconsigliato dagli esperti sia per l'isolamento del Campus Universitario a Rho,sia per i danni che tale trasloco produce a Città Studi.Danni che i Comitati di zona valutano in un miliardo annuo.
    8.Consiglio ai decisori politici del Post Expo di riconsiderare il progetto di semplice Campus Universitario,inserendo al suo posto un Campus digitale industriale.Questo Campus risponde in pieno alle esigenze di Confindustria-Assolombarda che vorrebbe al Post Expo una simil silicon valley.Ma Rocca deve capire che non abbiamo i 20 miliardi annui per farla girare ed allora dobbiamo usare la nostra intelligenza e rifondare il progetto silicon valley mettendo molto piu' digitalee tecnologie collegate,senza burocrazia di inutili piattaforme o biblioteche digitali del progetto Vago.
    9.Perchè un Campus industriale digitale?
    Se il test di Milano funziona,ho gia' progettato altre 19 Resilience Smart Communities in 19 Regioni per 800.000 posti e 24 miliardi di ricavi annui.Il Post Expo si assesta su 60.000 posti e 5 miliardi annui di ricavi,cioe' 5 volte il KIT.Gli investimenti sono di 1,5 miliardi per Milano e 20 miliardi in 20 Regioni,fondi da me richisti via EIB-CDP.
    L’infusione della tecnologia digitale in tutti gli aspetti dell’azienda richiede un nuovo approccio nell’identificazione e nello sviluppo delle opportunità. La banca latinoamericana utilizza “traduttori” che operano nel punto di incontro di linee di business e IT; l’azienda immobiliare ha introdotto il ruolo di “business partner”, una sorta di nuova generazione del ruolo di analista aziendale tradizionale. Questi sono “specialisti digitali integrati nelle linee di business che partecipano ai meeting, aiutano a definire i piani di azione, e si assicurano che i progetti siano in linea dal punto di vista strategico così da operare rispettandoli”

    RispondiElimina

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI