Cerca nel blog

giovedì 23 ottobre 2014

PRESENTATO A MILANO L’INNOVATIVO "SOCIAL HUB" DI GUNA: il primo Bilancio integrato on-line 365 giorni all’anno, frutto del lavoro dei dipendenti e degli altri stakeholder, senza alcun “lifting” da parte della direzione aziendale.


Inoltre un "gioco" permette a chi naviga il Social Hub di decidere quale Onlus o causa sociale GUNA dovrà maggiormente sostenere

Milano, 23 ottobre 2014 - La consapevolezza che GUNA ha del proprio ruolo sociale ha portato all'elaborazione di un Bilancio Integrato realmente innovativo, online all'indirizzo socialhub.guna.it, che non si traduce in un mero "riassunto" delle attività aziendali stampato alla fine dell'esercizio di bilancio, ma è uno strumento all'avanguardia unico nel panorama internazionale delle PMI.

Il breve video di descrizione del "Social Hub" GUNA è stato proiettato ieri in anteprima a Milano, in occasione della presentazione in Assolombarda del nuovo libro di Toni Muzi Falconi, dal titolo "Global stakeholder relationships governance: an infrastructure", nel quale il notissimo esperto internazionale di Relazioni pubbliche espone la sua visione del governo delle relazioni con gli stakeholder, sempre più determinante per la governance aziendale, proponendo non solo un aggiornamento di straordinario interesse per chi si occupa di comunicazione e di relazioni esterne, ma anche un'integrazione decisiva per il modello di governo delle relazioni - il "Gorel" - che aveva teorizzato fin dagli anni '80.

Nel video, si illustra appunto il "Social Hub", la piattaforma web GUNA nella quale il flusso di dati che alimenta il sistema - accessibile da chiunque liberamente e senza password - fluisce dai dipendenti e dalle ONG e Onlus 365 giorni all'anno, senza soluzione di continuità, dal momento che le informazioni sono imputate - a seconda del tipo di dati - quotidianamente, mensilmente o bimestralmente direttamente dalle persone responsabili dei singoli progetti aziendali. Il Social Hub è infatti funzionale all'interazione diretta con gli "stakeholder", con cui l'azienda collabora per l'intera fase di redazione del bilancio, al punto che sono gli stakeholder stessi che costruiscono ed "emendano" testi e tabelle senza più alcuna mediazione da parte della direzione aziendale e degli azionisti.
 
A partire da un'innovativa Mappa interattiva degli stakeholder, costruita per evidenziare pubblicamente ogni profilo di crisi potenziale verso ogni singolo stakeholder, GUNA - società italiana leader nel settore della produzione e distribuzione di farmaci omeopatici - ha strutturato un progetto di condivisione con i propri pubblici iniziato anni fa e ora giunto a regime: socialhub.guna.it è ottimizzato per iPad, iPhone e per i principali Device e Tablet, e accompagnato dal "Video Tutorial" visibile all'indirizzo www.socialhub.guna.it/videotutorial, proiettato ieri a Milano, che illustra all'utente in 3 minuti la struttura della piattaforma web.

Il Social Hub - oltre ad essere uno strumento di rendicontazione agli stakeholder con caratteristiche originali e fortemente innovative - è forse la più moderna "vetrina" aziendale attualmente disponibile, che dell'azienda mostra costantemente l'andamento del business sotto l'aspetto quantitativo e qualitativo.
GUNA opera da più di 30 anni al fine di promuovere iniziative destinate alla diffusione della medicina di origine biologico-naturale, destinando un significativo budget alla ricerca scientifica e allo sviluppo industriale, e sostenendo associazioni che operano a favore della formazione dei medici e dei farmacisti. L'Azienda ha registrato un fatturato 2013 pari a 57,4 milioni di euro, con una crescita annua media dell'11,3%, per una quota di mercato nazionale pari al 30%.

"La valutazione positiva sul nostro Social Hub proveniente da una personalità professionalmente così credibile come Toni Muzi Falconi la cui propensione all'innovazione nel settore delle Relazioni pubbliche è nota letteralmente ovunque nel mondo, ci sono di grande incoraggiamento, in un percorso di trasparenza per nulla banale e scontato, ha dichiarato Alessandro Pizzoccaro, Presidente del CdA di GUNA e fondatore dell'azienda. La nostra prima azione di responsabilità sociale è quella di produrre e commercializzare farmaci efficaci e senza effetti collaterali, apprezzati sia dai pazienti che dalla comunità dei medici. Siamo una società per azioni, quindi – senza ipocrisie - sappiamo di essere sul mercato per fare profitto: ma siamo altresì convinti che possa e debba esistere un business dal volto umano. Abbiamo piena consapevolezza di essere parte di una rete sociale complessa, e con questo strumento di rendicontazione ci permettiamo di indicare una strada: trasparenza non solo a parole, ma nei fatti, dando la possibilità ai vari pubblici di 'guardare dentro l'azienda', come fosse una 'casa di vetro', vedendo le cose come stanno, senza lifting, 365 giorni all'anno. E se vi sono criticità o problemi che filtreranno attraverso questa lastra trasparente, meglio - conclude Pizzoccaro - sarà un aiuto e un incentivo per migliorarci in futuro".

L'azienda ha inoltre creato "Decidi Tu", un progetto per coinvolgere maggiormente gli utenti nella conoscenza del mondo GUNA: per 3 mesi, chi navigando la piattaforma individuerà almeno 10 "tracce" disseminate nel testo del bilancio, fleggandole, avrà diritto a indicare uno dei progetti illustrati sul Social Hub al quale destinare l'over-budget stanziato dall'azienda, oppure proporre una nuova causa sociale - purché allineata alle keyword del bando pubblico GUNA - alla quale destinare un nuovo budget per l'anno successivo. Le cause sociali proposte verranno poi poste in votazione tra tutti i partecipanti al "game", e quella più votata riceverà un sostegno finanziario da parte dell'azienda.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI