Cerca nel blog

mercoledì 29 ottobre 2014

Milano “Abitando Milano" - Seminario Convegno, Consulta delle Periferie - Presso Sede Assoedilizia

"Abitando Milano - Proposte per l'abitare e per la Città"

Mercoledì 29 ottobre 2014 – ore 14.45-17.45

Seminario L'abitare nei quartieri ERP
Assoedilizia - Via Meravigli 3, 1° piano

La drammatica situazione socio-economica in cui versa il patrimonio abitativo pubblico (8.000 appartamenti inutilizzati e 4.000 occupati abusivamente) richiede un "di più" da parte di tutta la città.

Milano ha energie e competenze che devono essere utilizzate in un percorso di "progettazione partecipata".

"L'abitare nel quartieri di edilizia residenziale pubblica" è il tema del primo appuntamento di "Abitando Milano - Proposte per l'abitare e per la Città", iniziativa avviata da Consulta Periferie Milano (Mercoledì 29 ottobre 2014 – Sede di Assoedilizia).

PRESENTAZIONE

1. L'emergenza "casa" – e, in particolare, l'emergenza nei quartieri di proprietà pubblica – e la situazione anche drammatica nella quale si trovano decine di migliaia di persone a Milano ed il loro appello a "non essere lasciate sole", evidenziano l'urgenza del problema.

2. Un appello al quale è chiamata a rispondere l'intera città, nelle sue diverse articolazioni – istituzionali, sociali e professionali – attuando un organico percorso di attenzione e di proposta.

3. La situazione creatasi dimostra che la gestione del patrimonio edilizio pubblico (28.791 alloggi, 1.226 negozi/laboratori, 8.632 box/posti auto di proprietà del Comune di Milano, nonché 41.783 alloggi, 1.697 negozi/laboratori, 4.253 box/posti auto di Aler) non può essere esclusivamente degli enti gestori, dei relativi inquilini e di pochi altri "addetti ai lavori", poiché è un bene di tutta la città. Anzi, forse è stata proprio questa sorta di esclusività – con il resto della città un po' disattento – a portare alla situazione odierna.

4. Se Milano, nel suo complesso, fosse stata una città "attenta", con una attenta "classe dirigente" – intesa in senso più ampio: istituzionale, economica, culturale ed anche dell'informazione – probabilmente non avremmo accumulato un patrimonio abitativo pubblico (Aler e Comune di Milano, da vedere insieme, perché sempre a Milano sono) di circa 8.000 appartamenti inutilizzati, oltre a spazi commerciali/artigianali, box e posti auto.

5. Invece, questo è il risultato di una sostanziale indifferenza nei confronti di interi quartieri "periferici", lasciati in condizioni socio-abitative precarie o addirittura pericolose – ben oltre l'emergenza – dove spadroneggiano i vari "signori" delle occupazioni abusive, che hanno ormai raggiunto quota 4.000, e che non cessano.

6. Non solo un problema di "governance", quindi, ma la necessità di promuovere una vera e propria "rigenerazione socio-abitativa" che ponga il tema della necessità di modificare il mix sociale dell'inquilinato, che non può essere costituito solo da fasce sociali deboli, bensì arricchito da inquilini disponibili a farsi carico di iniziative di rigenerazione, a partire dall'utilizzo di 600 appartamenti "sottosoglia". (sostanzialmente monolocali) attualmente non utilizzati  e non rientranti nelle graduatorie per le assegnazioni.

7. Il primo appuntamento di "Abitando Milano - Proposte per l'abitare e per la Città" – iniziativa avviata  Consulta Periferie Milano, recente realtà associativa giunta al decimo anno di attività – riguarda proprio "L'abitare nel quartieri di edilizia residenziale pubblica" (Mercoledì 29 ottobre 2014 – Sede di Assoedilizia).

 Con uno sguardo complessivo alla nostra città, con la richiesta di un "di più" a tutta la città, nel rispetto dei rispettivi ruoli e competenze, ma superando la logica della frammentazione ed i consolidati "particolarismi" di soggetti che, pur rappresentando interessi legittimi, sono stati  oggettivamente "parte del problema" ("non si risolvono i problemi utilizzando la stessa mentalità e gli stessi metodi che li hanno creati").

8. L'appuntamento – al quale intervengono realtà istituzionali, associative, economiche, culturali e professionali – intende offrire l'opportunità di conoscere e valorizzare reciprocamente varie ed articolate energie di cui Milano è ricca, mettendo a fattor comune capacità ed esperienze che hanno qualcosa da dire sull'"abitare" e che possono offrire un contributo in termini di esperienza gestionale, di promozione sociale/sicurezza e di contenimento dei costi, anche nell'ottica di percorsi di "progettazione partecipata".
"Abitando Milano - Proposte per l'abitare e per la Città"

Mercoledì 29 ottobre 2014 – ore 14.45-17.45
Seminario - L'abitare nei quartieri ERP
Assoedilizia - Via Meravigli 3, 1° piano


PROGRAMMA

Saluto
- Achille Colombo Clerici, Assoedilizia

Presentazione
- Walter Cherubini, Consulta Periferie Milano

Sessione - Parte della soluzione

Recuperare lo sfitto ERP

- Sergio D'Agostini, Cooperativa Dar=Casa
Autogestioni ERP: miglior servizio, minor costo

- Michele Valtorta, Comitato Autogestione Aler Gratosoglio
Esempi di gestione: destinazione degli spazi e costi di ristrutturazione

- Giovanni Poletti, Cooperativa Abitare
Prove di riuso degli spazi ERP

- Francesca Cognetti, Polisocial-Politecnico di Milano
Amministrare il territorio ERP

- Gabriele Rabaiotti, Consiglio di Zona 6

Interventi istituzionali

- Paola Bulbarelli, Assessore Casa Regione Lombardia

- Daniela Benelli, Assessore Casa Comune di Milano (*da confermare)

- Lorella Sossi, Direttore generale Aler (*da confermare)

- Davide Corritore, Presidente Metropolitana Milanese (*da confermare)

- Luigi Savina, Questore di Milano (*da confermare)

Sessione - Contributi

Cori in Corte
- Bruno Volpon, CoriMilano-CPM
Decoro in città: le azioni di cleaning

- Fabiola Minoletti, Associazione Antigraffiti/Comitato Abruzzi-Piccinni
Natale in … Festa con gli Anziani

- Stefano Festa, Associazione SolidArte


Foto archivio:

Achille Colombo Clerici con Gian Valerio Lombardi pres. Aler, gia' prefetto di Milano

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI