Cerca nel blog

giovedì 18 settembre 2014

Convegno Inaz sull'impresa del terzo millennio: "Riscoprire il modello olivettiano"


Inaz delinea l’impresa del terzo millennio

«Cultura del personale, ricerca, IT e legami con il territorio: riscoprire il modello olivettiano»

Dal convegno Inaz a Milano il punto sui valori che consentiranno all'industria di vincere le sfide del futuro. Sono intervenuti Vittorio Coda, Bruno Lamborghini, Marco Vitale. Presentati i casi di successo di Geico SpA e Gruppo Loccioni


Com'è possibile parlare dell'impresa che verrà e che vogliamo costruire, quando l'Italia ha grosse difficoltà a preservare le imprese che ci sono? È questo l'interrogativo che ha caratterizzato il convegno "L'impresa del terzo millennio", organizzato da Inaz il 15 settembre a Milano e parte del ciclo di convegni "Piccola Biblioteca d'Impresa".

Secondo Linda Gilli, Cavaliere del Lavoro e A.D. e presidente di Inaz, una risposta viene da un modello tutto italiano, quello della Olivetti, azienda con cui Inaz iniziò a collaborare dagli anni '70: «Un mondo ricco di valori, di stimoli, di idee, dove la componente umana era all'origine, ma anche la destinataria finale di una mirabile capacità di innovazione tecnico-scientifica ed organizzativa. Olivetti capì che il software sarebbe stato il motore del mondo moderno, motore che porta in sé un incredibile patrimonio di energia umana. Di qui un'attenzione, che Inaz condivideva allora e porta avanti ancora oggi, per la cultura del personale, che dalla ricerca e selezione passa per la crescita delle competenze, fino alla coltivazione di nuovi talenti».

«Crediamo che l'impresa correttamente intesa sia un fattore di sviluppo e incivilimento –ha commentato l'economista Marco Vitale, moderatore del convegno–. Ma non deve essere autoreferenziale: occorrono alleanze, occorre fare rete, per costruire un sistema valoriale e una visione culturale». Uno sguardo sull'economia civile è uno sguardo su tutta l'economia, non solo quella no profit, «economia civile, sociale e di comunione». 

E ancora, Vittorio Coda, professore di economia alla Bocconi e membro del comitato scientifico dell'ISVI, ha sottolineato che «Il fine dell'impresa non è la crescita quantitativa, ma lo sviluppo, che è un obiettivo qualitativo e sostenibile nel tempo». Bruno Lamborghini, già vicepresidente di Olivetti SpA e docente all'Università Cattolica di Milano, ha puntato il dito contro la finanziarizzazione «che ha rovinato i valori d'impresa, con il suo pensiero a brevissimo termine. Il tratto distintivo di Adriano Olivetti e degli imprenditori che hanno fatto la storia dell'industrializzazione italiana era la capacità di guardare avanti».

Infine,le storie di due imprese che hanno fatto del lavorare bene e in modo etico una chiave del proprio successo e un fattore di sviluppo, per l'azienda e per la comunità.
Enrico Loccioni ha presentato il progetto "2KM di futuro", con cui il Gruppo Loccioni ha "adottato" due chilometri del fiume Esino nelle Marche, mettendo in sicurezza l'area e creando un laboratorio di progettazione pubblico-privato.

Reza Arabnia, CEO e presidente di Geico SpA, ha raccontato la storia di un successo imprenditoriale fondato sulla comunione di interessi tra l'azienda, le persone che ne fanno parte, il suo leader e gli stakeholder. Geico,che a Cinisello Balsamo produce impianti di verniciatura per il settore automotive, è diventata un'eccellenza risanandosi e coltivando le risorse interne. «La ricchezza è una conseguenza del lavoro fatto bene» ha dichiarato Arabnia, concludendo con un attestato di stima verso il nostro Paese: «Scelgo di investire in Italia perché le persone e il know-how che si trovano qui non hanno eguali nel mondo».

Al convegno, patrocinato dalla Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro Gruppo Lombardo e realizzato in collaborazione con AIdAF (Associazione Italiana delle Aziende Familiari) e ISVI Istituto per i Valori d'Impresa, è stata presentata la nuova pubblicazione della collana "Piccola Biblioteca d'Impresa Inaz" dedicata proprio al mondo olivettiano. Intitolato La prima impresa industriale di Camillo Olivetti e il paradigma olivettiano, il volume, curato dallo storico Carlo G. Lacaita, presenta per la prima volta una relazione del 1912 con cui la C.G.S., la prima società fondata da Camillo Olivetti, partecipò a un "Concorso d'industria" del tempo.


Inaz Srl è una delle più importanti realtà italiane nella produzione software ed erogazione servizi per l'amministrazione e la gestione delle risorse umane. Con una rete di agenzie e punti assistenza in tutta Italia, Inaz offre le sue soluzioni a più di 10mila clienti fra aziende, studi professionali, consulenti del lavoro, enti pubblici e associazioni di categoria. Inaz, con il suo Centro Studi, è anche punto di riferimento per imprese e professionisti in tema di aggiornamento, consulenza e formazione. La sede centrale è in Viale Monza 268 a Milano. www.inaz.it.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI