Cerca nel blog

mercoledì 10 giugno 2015

Expo 2015 e Commissione Europea: oltre mille incontri tra pmi italiane e cinesi per scoprire opportunità d'investimento e partenariato

Milano, 10 giugno 2015 – Circa 380 le aziende europee e internazionali coinvolte nel secondo degli otto eventi organizzati dalla Commissione europea nell'ambito dell'Expo Milano 2015, legati al tema dell'Esposizione Universale "Nutrire il Pianeta. Energia per la vita", per rafforzare il sistema delle PMI europee e favorirne lo sviluppo globale.

Focus del secondo evento, promosso dalla Direzione Generale per il Mercato Interno, l'Industria, Imprenditorialità e le PMI (DG GROW) della Commissione Europea, la Cina: "L'Italia, oltre ad essere uno dei Paesi fondatori dell'Unione Europea, è da sempre in prima linea nel supportare e favorire il rapporto tra Bruxelles e Pechino", ha sottolineato Benedetto Della Vedova, Sotto Segretario al Ministero degli Esteri. 

"Da una parte, infatti, l'Europa è una potenza economica con oltre mezzo miliardo di consumatori e dispone di una tecnologia altamente sviluppata, dall'altra la Cina può contare su un capitale umano eccezionale e ha un peso economico non più solo 'emergente', ma di primaria importanza sulla scacchiera internazionale. Rafforzare la partnership tra Europa e Cina, malgrado differenze e complessità, non vuol dire solo garantire la stabilità e la pace internazionale, ma anche accrescere le convergenze verso un futuro dinamico e pieno di prospettive. In primo piano, senza dubbio, gli accordi per la protezione degli investimenti e la tutela delle indicazioni geografiche: se la Cina sarà in grado di affrontare questo tema con filosofica lungimiranza, non appena il suo mercato sarà maturo e i prodotti della tradizione cinese raggiungeranno i consumatori europei, anch'essa potrà trarne vantaggio".

Il ciclo di eventi si colloca all'interno del programma "Missioni per la Crescita", lanciato nel 2011, con l'obiettivo di sostenere la crescita e la competitività delle imprese europee e facilitarne l'accesso a mercati strategici e sfruttando l'opportunità rappresentata da Expo 2015, evento globale che vedrà la partecipazione di 145 Paesi e 3 Organizzazioni Internazionali.

L'evento di oggi, dedicato alla Cina e alla presentazione delle politiche e degli strumenti per migliorare il contesto per gli affari e promuovere cooperazione industriale, investimenti e commercio  con l'Unione Europea, prevede oltre 1000 incontri Business to Business tra le imprese degli stati membri e quelle cinesi, organizzati in collaborazione con Enterprise Europe Network, la rete della Commissione europea di supporto alle PMI e Promos, l'Azienda Speciale per le Attività Internazionali della Camera di Commercio di Milano. I settori industriali interessati sono l'agro-industria, energie rinnovabili, biotecnologie, gestione delle risorse ambientali, ICT, farmaceutico e medicale e smart cities.

"Expo Milano 2015 si pone come obiettivo di raggiungere il successo dell'edizione precedente a Shangai, che ha coinvolto oltre 20 milioni di visitatori" - ha commentato Giancarlo Caratti di Lanzacco, Commissario aggiunto per Expo dell'Unione Europea intervenendo all'apertura dell'evento odierno –"La partecipazione dell'Unione Europea ad Expo ha tre scopi principali: la comunicazione dei valori che hanno portato alla sua nascita ventidue anni fa, portando numerosi cambiamenti positivi; l'impegno concreto nella ricerca di una soluzione per la sostenibilità del nostro Pianeta (che arriverà a 9 miliardi di abitanti), grazie all'investimento in tecnologia e ricerca scientifica; non ultimo, vogliamo promuovere Expo come un evento non solo btc, ma soprattutto btb, un'occasione preziosa di incontro fra le imprese europee e internazionali".

Seguiranno le giornate CELAC il 12 giugno, Giappone il 10 e 11 luglio, Asean 29-30 settembre, Stati Uniti e Canada il 5-6 ottobre, Africa Sub Sahariana il 15 e 16 ottobre.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI