Cerca nel blog

giovedì 12 febbraio 2015

EXPO 2015: Presentato il Padiglione Spagna



Oltre 140 Paesi e Organizzazioni internazionali partecipano all'esposizione universale che inizierà il 1 maggio a Milano


IL PADIGLIONE SPAGNA A EXPO MILANO 2015:

UNA STRUTTURA SOSTENIBILE FRA TRADIZIONE E INNOVAZIONE


Produzione alimentare, gastronomia, turismo e cooperazione sono i punti chiave della proposta spagnola



Madrid, 12 febbraio 2015Una serra con due file di portici in legno e in acciaio inossidabile e un'area all'aperto che richiama un patio de naranjos, per una superficie complessiva di oltre 3.000 mq: è il Padiglione spagnolo a Expo Milano 2015, presentato oggi a Madrid alla presenza del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione, Josè Manuel Garcia-Margallo, del Ministro dei Lavori Pubblici Ana Pastor e di quello dell'Agricoltura, Alimentazione e Ambiente, Isabel Garcia Tejerina, del Commissario del Padiglione Spagna e Presidente di Acción Cultural Española, Teresa Lizaranzu, dell'architetto Fermín Vázquez, dell'Alto Comisionado para la Marca España, Carlos Espinosa de los Monteros, del Segretario Generale del BIE, Vicente G. Loscertales, dell'Ambasciatore italiano in Spagna, Pietro Sebastiani, e del sottosegretario alle Finanze Pilar Platero Sanz.


Coordinato da Acción Cultural Española (AC/E), l'organismo pubblico responsabile di gestire la partecipazione spagnola alle esposizioni universali e internazionali, il Padiglione spagnolo ha come obiettivi principali contribuire allo sviluppo del tema centrale di Expo, presentando al mondo i punti di forza, le buone pratiche e le peculiarità nell'ambito della produzione alimentare spagnola; divulgare iniziative utili per vincere le grandi sfide connesse con la sicurezza e la qualità alimentare e la sostenibilità nei processi di produzione e distribuzione; dare visibilità ai benefici della dieta e della gastronomia spagnola; far scoprire nuove forme di turismo, legate alla stretta relazione fra paesaggio, produzione alimentare e gastronomia.


Il Padiglione spagnolo, che nella sua forma si ispira a una serra a doppia navata con una struttura porticata, rappresenta la fusione delle eccellenze che rendono la Spagna famosa in tutto il mondo: tradizione e innovazione. Nasce così uno spazio accogliente e flessibile, con due file di portici in legno e in acciaio inossidabile e un'area all'aperto che richiama un patio de naranjos (giardino degli aranci), elemento tipico della cultura spagnola.


Progettato dallo studio b720 Fermín Vázquez Arquitectos (che ha impiegato una squadra di circa 50 professionisti fra architetti, ingegneri, agronomi e consulenti), il Padiglione, che ha una superficie complessiva di oltre 3.000 mq (2.192,82 mq al coperto e 1.139,13 all'aperto), occupa un'area di 2.563 mq situata nel cuore di Expo, alla confluenza fra Cardo e Decumano e vicino ai padiglioni di Italia, Francia e Regno Unito. La struttura, sostanzialmente prefabbricata, è in gran parte realizzata con materiali di riciclo e naturali (legno di abete e di castagno, da disboscamento sostenibile) provenienti dalla Spagna. Il processo di costruzione si basa sull'assemblaggio a secco, facile da montare e da smontare. La conclusione dei lavori è prevista per marzo.


L'offerta espositiva
Nelle previsioni il Padiglione spagnolo attirerà oltre 2,2 milioni di visitatori (circa 12.000 al giorno), che potranno vivere un'esperienza unica legata a due proposte espositive: Il viaggio degli alimenti e Il linguaggio del sapore.

La prima è un'installazione realizzata dall'artista multidisciplinare Antoni Miralda, noto per le sue opere di Food art, che propone una riflessione poetica intorno al tema del viaggio degli alimenti. All'ingresso del Padiglione i visitatori saranno accolti da una valigia di grandi dimensioni che ospita un maxi schermo e che è collegata a una rete di ventidue valigie/schermo più piccole, distribuite al primo piano del padiglione, che continuano il racconto del viaggio del cibo.

Al secondo piano, l'esposizione principale Il linguaggio del sapore si addentra nella mente di un cuoco spagnolo per permettere ai visitatori di scoprirne l'arte, le conoscenze e le ricette preferite. Attraverso lo sguardo del cuoco viene mostrato un quadro completo dell'alimentazione in Spagna, evidenziando la qualità e la varietà dei prodotti, la sostenibilità dei processi produttivi, i benefici della dieta mediterranea, la ricca tradizione gastronomica del passato, la grande rivoluzione culinaria grazie alla quale gli chef spagnoli sono ora noti in tutto il mondo e, soprattutto, il carattere allegro e ospitale degli spagnoli, per i quali il gesto di mangiare equivale a condividere esperienze. 

Bar de tapas, un ristorante, un negozio gourmet, una piazza pubblica e un auditorium multifunzionale: questi alcuni degli spazi del Padiglione che, nel corso dei sei mesi di Expo 2015, ospiteranno laboratori, concerti, showcooking e conferenze. Un'opportunità unica per avvicinare il grande pubblico al ricco patrimonio culinario e culturale spagnolo attraverso un'offerta gastronomica che tiene conto anche delle comunità autonome, alle quali il Padiglione dedicherà settimane tematiche.
 

Le iniziative e le attività del Padiglione sono state ideate da diversi gruppi di lavoro, riuniti dal 2012: tavoli di settore (Agricoltura; Sicurezza alimentare e cooperazione internazionale; Gourmet), una squadra di consulenti pubblici e privati, specialisti nei diversi temi di Expo e un gruppo interministeriale che coordina la partecipazione dei diversi Ministeri coinvolti hanno sviluppato il contenuto del Padiglione in virtù dei punti di forza e dei vantaggi competitivi dei diversi settori del Paese.

Il Padiglione spagnolo a Expo Milano 2015 è anche online, con il sito www.pabellonespana2015.com.


--

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI