CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news da e su Milano

Cerca nel blog

giovedì 15 ottobre 2009

MUSEO SCIENZA svela Segreti di Leonardo

 I SEGRETI DI LEONARDO E DEL CANTIERE DEL DUOMO SI SVELANO AL MUSEO DELLA SCIENZA

Milano 15 ottobre 2009 - L'intenso legame del genio di Vinci con la città di Milano e il suo simbolo più riconosciuto, il Duomo  è stato presentato oggi alla stampa grazie al progetto "Leonardo e il cantiere del Duomo di Milano" realizzato dall'Associazione IRIS, Insegnamento e Ricerca Interdisciplinare di Storia e dal Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, in collaborazione con la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, con il sostegno di Fondazione Cariplo, con il contributo del Comune di Milano - Assessorato Sport e Tempo libero e Assessorato al Turismo, Marketing Territoriale, Identità e con il patrocinio dell'Ufficio scolastico regionale per la Lombardia, per di far conoscere al pubblico milanese le circostanze in cui si sviluppò il cantiere della Fabbrica del Duomo.

L'iniziativa presentata questa mattina presso il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia indaga attraverso un approccio multimediale, un percorso di laboratorio e un'animazione teatrale che raccontano in maniera  inedita le vicende della costruzione della Cattedrale cittadina e il ruolo che Leonardo ebbe nell'impresa

"Progetti come questo – commenta l'Assessore al Turismo, Marketing Territoriale, Identità Massimiliano Orsatti – che indagano l'intenso rapporto tra  Leonardo  e il più significativo dei monumenti della città, il Duomo, confermano ancora una volta come sia inscindibile il legame di Milano con il genio di Vinci. Il milanese Leonardo – prosegue Orsatti - con la sua arte e capacitàdi innovazione, unite alla straordinaria architettura del Duomo, diventano così la sintesi migliore dell'identità e dell'immagine della città anche in  vista di Expo 2015.  Si tratta di un'iniziativa didattica – conclude Orsatti - che grazie a un innovativo approccio multidisciplinare si rivolge sia agli  adulti sia ai ragazzi, aiutandoli a conoscere meglio l'affascinante storia della città e del suo territorio".

"Il progetto Leonardo e il cantiere del Duomo di Milano - sottolinea il direttore generale del Museo Fiorenzo Galli - segna un'opportunità significativa per il Museo: quella di raccontare una storia importante per l'identità di Milano, come quella del suo Duomo, andando oltre le proprie collezioni. Il ruolo che Leonardo da Vinci ha avuto nella vicenda del Cantiere ci ha dato un'importante occasione per ribadire quanto oggi, più che mai, non si possa raccontare la vita e l'opera di Leonardo da Vinci senza tenere conto del contesto che lo ha circondato".
"La sfida di questo progetto – ha continuato Galli - è stata quella di presentare, con una modalità inedita, una vicenda storica sconosciuta a molti. La metodologia dell'educazione informale che caratterizza l'offerta del Museo è stata un elemento determinante per raggiungere questo obiettivo".

Tale proposta si inserisce nel panorama più ampio del nuovo progetto museologico di allestimento della "Galleria Leonardo" che il Museo realizzerà nei prossimi anni, progetto questo che consentirà ai visitatori di Expo 2015 di conoscere - con una modalità del tutto innovativa - l'importante contribuito che il genio di Vinci diede alla costruzione del Duomo di Milano.
Il Museo della Scienza e della Tecnologia ha anche allestito sul suo sito Internet un'area specifica dedicata al progetto su cui è possibile "navigare nella storia" (http://www.museoscienza.org/leonardoduomo/)


In allegato il comunicato del Museo della Scienza e della Tecnologia di Milano


Per scaricare immagini dei laboratori:   http://www.museoscienza.org/areastampa/materiali.asp





Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.