Cerca nel blog

lunedì 9 maggio 2011

Milano Metropoli: Piano AzioneEnergia Sostenibile dei Comuni di Baranzate, Cormano e Novate Milanese


Al via il Piano di Azione per l'Energia Sostenibile
di Baranzate, Cormano e Novate Milanese:
un impegno concreto dei tre Comuni milanesi per ridurre i consumi energetici e le emissioni di CO2

Novate Milanese, 9 maggio 2011. I Comuni di Baranzate, Cormano e Novate Milanese hanno deciso di sviluppare in modo coordinato un Piano di Azione per l'Energia Sostenibile (PAES): un documento  programmatico che individua le azioni strategiche che le tre amministrazioni comunali devono intraprendere da oggi al 2020 per migliorare le proprie performance energetiche e ambientali.
I PAES sono lo strumento individuato dal Programma "Patto dei Sindaci" (Covenant of Mayors) della Commissione Europea per riuscire ad avviare "dal basso" una serie di interventi finalizzati a ridurre di oltre il 20 % le proprie emissioni di gas serra attraverso politiche locali che migliorino l'efficienza energetica, aumentino il ricorso alle fonti di energia rinnovabile e stimolino il risparmio energetico e l'uso razionale dell'energia.

I Comuni di Baranzate, Cormano e Novate Milanese, in linea con gli obiettivi della Commissione Europea e grazie ad un finanziamento erogato dal Bando della Fondazione Cariplo "Promuovere la sostenibilità energetica nei comuni piccoli e medi", con il supporto strategico e tecnico di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo e di Ambiente Italia, hanno avviato la realizzazione di un PAES. Un percorso che prevede:
-        la predisposizione di un inventario base delle emissioni di CO2 (baseline) di ogni territorio, con l'identificazione dei settori più "energivori";
-        la redazione e adozione del Piano d'Azione per l'Energia Sostenibile (PAES), con l'individuazione degli interventi da avviare da oggi al 2020 per raggiungere gli obiettivi energetici ed ambientali previsti;
-        la predisposizione di un sistema di monitoraggio degli obiettivi e delle azioni individuate dal PAES;
-        l'inserimento delle informazioni prodotte in un'apposita banca dati della Fondazione Cariplo;
-        il rafforzamento delle competenze energetiche all'interno delle amministrazioni comunali;
-        la sensibilizzazione della cittadinanza sul processo in corso;
-        l'adesione formale al Patto dei Sindaci da parte dei Comuni che non hanno ancora aderito.

La volontà dei tre Comuni di partecipare a questo progetto viene dall'esigenza di sviluppare una gestione energetica efficiente del proprio territorio e del patrimonio edilizio comunale e definire azioni prioritarie da compiere nel lungo e medio termine per razionalizzare i consumi energetici.  Le azioni, definite sulla base delle specificità locali, potranno riguardare anche il miglioramento della efficienza energetica del settore civile privato, la promozione di servizi di pubblica utilità, la diffusione delle energia rinnovabili sul territorio, lo sviluppo di una mobilità più sostenibile, la pianificazione urbanistica locale.Questo Piano è l'unico PAES "sovracomunale" della provincia di Milano approvato dalla Fondazione Cariplo, una peculiarità che agevolerà la messa a sistema delle iniziative già realizzate o progettate nel campo della gestione delle risorse energetiche, lo scambio di esperienze e buone pratiche, la condivisione di obiettivi e strategie, la definizione di programmi di intervento su scala sovracomunale.

Nell'ambito della conferenza stampa di presentazione Carlo Lio, Amministratore Delegato di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo, ha sottolineato "l'importanza di costruire PAES all'interno di un quadro di riferimento strategico e di area vasta condiviso tra più realtà comunali, in grado di rafforzare i contenuti e la portata degli interventi in esso contenute, nonché di ottimizzare le risorse umane ed economiche necessarie per la loro realizzazione: per esempio attraverso la condivisione di una stessa struttura tecnica, di nuove infrastrutture tecnologiche o servizi di interesse e utilità pubblica legati al tema dell'energia".

Gli Assessori all'Ambiente di Novate, Baranzate e Cormano hanno invece evidenziato come questo PAES sia in coerenza con le scelte e gli interventi in campo energetico - ambientale che i loro Comuni hanno messo in atto sul proprio territorio negli ultimi anni:
Luigi Corbari, Assessore alle Politiche ambientali del Comune di Novate Milanese, uno dei Comuni italiani che già hanno aderito al programma europeo "Patto dei Sindaci", ha confermato l'impegno ambientale della propria amministrazione nella prevenzione e riduzione dell'inquinamento "Con i Piani di azione per l'energia sostenibile (PAES) l'amministrazione comunale, insieme a Baranzate e Cormano, vuole avviare un percorso di analisi e predisposizione di azioni concrete su temi come il risparmio energetico, l'uso di fonti rinnovabili e la lotta all'inquinamento. Argomenti e problematiche che in un territorio fortemente urbanizzato come il nostro non è solo opportuno ma essenziale. L'obiettivo è portare maggior consapevolezza nei cittadini sulla rilevanza di queste tematiche e impegnare le amministrazioni a dotarsi di politiche efficaci per rendere più vivibili i propri territori. A Novate, attraverso installazioni di pannelli fotovoltaici, potenziamento della rete di piste ciclabili, teleriscaldamento e ultimazione del Piano Urbano del Traffico, stiamo già facendo molto ma intendiamo, anche con questa iniziativa, fare ancora di piu".

Giuseppe Nicosia, Assessore all'Ecologia e Ambiente del Comune di Baranzate, ha ricordato che  "anche il Comune di Baranzate ha aderito alla Carta di Aalborg e al "Patto dei Sindaci", ponendo in essere azioni per  la promozione dello sviluppo sostenibile del territorio, quali l'approvazione del Piano della Mobilità ciclabile comunale e del nuovo Regolamento Edilizio, che concede agevolazioni per gli interventi che dimostrino di ridurre i consumi energetici e idrici e che impieghino tecnologie finalizzate all'utilizzo di fonti rinnovabili e materiali da costruzione bioecologici. I principi e gli obiettivi di questo nuovo regolamento si sono concretizzati con la realizzazione di EcoCase, alloggi pubblici progettati e costruiti dal Comune con il cofinanziamento della Regione Lombardia. Giovedì 12 maggio illustreremo  e visiteremo con i cittadini i nostri 'impianti geotermico e fotovoltaico in fase di ultimazione. Abbiamo inoltre ottenuto un nuovo finanziamento regionale per installare un impianto fotovoltaico sulla copertura della scuola elementare e per realizzare il primo parco giochi accessibile anche ai bambini disabili".

Alessandro Marini, Assessore all'Ambiente del Comune di Cormano, ha portato l'esperienza del proprio Comune quale testimonianza di come la sinergia di interventi in più ambiti possa contribuire notevolmente al risparmio energetico: "oltre al miglioramento della raccolta differenziata, ad audit energetici negli edifici e scuole comunali, all'approvazione del Piano della Luce comunale e del Piano del Traffico, Cormano è stato fra i primi comuni della Provincia a rendere obbligatorio nella realizzazione di nuovi edifici un concetto innovativo di edilizia basato sul risparmio energetico, sulla riduzione dei consumi, sull'aumento dell'efficienza degli impianti e sull'uso di fonti rinnovabili attraverso il proprio regolamento edilizio. Oltre a dotare il Bi-La fabbrica del Gioco e delle Arti e del nuovo Asilo Nido comunale di un impianto fotovoltaico, abbiamo realizzato, con il progetto Social City, edifici residenziali pubblici in classe A, a contenuto consumo energetico, con fonti rinnovabili ed integrate, sistemi di riscaldamento innovativi, e una forte attenzione all'ambiente grazie alla green-line che collega i parchi della città."

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI