Cerca nel blog

sabato 31 maggio 2014

Graffiti Selvaggi Milano - Vandalismi impuniti e cittadini indifesi - Cortei Primo Maggio - Denuncia di un socio Assoedilizia 2014

Scaricabarile tra 
Comune, Amsa, forze dell'ordine

GRAFFITI SELVAGGI: RIPULISCE LA FACCIATA DELLO STABILE, MA UN CORTEO DI AUTONOMI LA IMBRATTA NUOVAMENTE NESSUN  RESPONSABILE
 Colombo Clerici (Assoedilizia): 
"Con quale faccia possiamo chiedere ai proprietari di casa di spendere soldi senza alcun incentivo o garanzia?"

Il rag. Giancarlo Scoppa di Milano, associato ad Assoedilizia, è un cittadino come altri, lavora e paga le tasse. E' anche comproprietario di un edificio in corso Magenta 14. Assieme agli altri comproprietari ha sostenuto una spesa elevata per sistemare la facciata dello stabile accogliendo l'invito del Comune di Milano a far sì che la città si presenti con il volto più bello ad Expo 2015 (altrimenti, aggiunge il Comune all'invito, sono multe).

Il Primo Maggio il corteo degli autonomi, autorizzato,  è transitato per Corso Magenta imbrattando a destra e a manca, pure la facciata del n. 14.

Il danno è notevole perché la vernice delle bombolette è penetrata in profondità nel marmo.

Il corteo era controllato a vista dalle forze dell'ordine – polizia e vigili urbani - che non sono intervenute per bloccare il vandalismo e i vandali.

Perciò il rag. Scoppa, da diligente cittadino, ha inviato al competente Commissariato di PS di piazza San Sepolcro una denuncia contro ignoti per atti vandalici.

Ed ha segnalato quanto successo al Sindaco Giuliano Pisapia, agli assessori alla Casa Daniela Benelli, all'Arredo Urbano Carmela Rozza, all'Amsa e ai Vigili.

Qualcuno ha risposto. In sintesi:
-       Assessore Maran per conto del Sindaco: "…Per quanto riguarda i muri degli edifici privati, AMSA può invece effettuare il servizio di cancellazione scritte a pagamento, su richiesta dei privati interessati (amministratori e proprietari degli stabili) e dopo aver sottoscritto un regolare contratto.

Inoltre La informiamo che il Consiglio Comunale ha adottato  il nuovo testo del Regolamento Edilizio del Comune di Milano;il nuovo  il testo prevede proprio che il decoro urbano , raggiungibile con tutti i necessari interventi,  gravi sul proprietario dello stabile che in caso di mancata manutenzione  incorrerà in una multa".

- Amsa: Amsa non ha più la possibilità di intervenire per eliminare scritte e graffiti dai muri di proprietà comunale o di proprietà privata per conto del Comune di Milano.

Infatti la cancellazione di scritte e graffiti, prestata al Comune di Milano nelle modalità previste dalle Schede D/6 e D/7 del Contratto di Servizio 2008 - 2010, è stata sospesa nel mese di febbraio 2010 in seguito alla sentenza del TAR Lombardia n.3838 del 25/05/2009, confermata dal dispositivo del Consiglio di Stato n.728 del 4/11/2009, che obbliga il Comune di Milano a mettere a gara il servizio.
Amsa può intervenire solo su richiesta della proprietà e a pagamento.

In conclusione. C'è il danno, c'è il danneggiato ma non c'è il responsabile, secondo l'elegante sistema dello scaricabarile. E il danneggiato si deve pure pagare i danni.
Afferma il Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici: "Ogni anno inviamo un appello ai partecipanti ai cortei di evitare vandalismi che si ritorcono contro l'intera città e invitiamo le Forze dell'Ordine che controllano i cortei stessi a impedire che tali vandalismi avvengano.

Abbiamo anche proposto che le bombolette spray siano vietate, così come avviene per bastoni ed altri oggetti atti ad offendere. I risultati sono sconfortanti.

Se, come affermano le Forze dell'Ordine, per motivi di ordine pubblico si preferisce lasciar fare agli imbrattatori, se ne chieda conto agli organizzatori che sono conosciuti . Infine, con quale coraggio possiamo invitare i proprietari di casa a spendere soldi per tenere le facciate pulite quando la pubblica amministrazione garantisce in tal modo i propri amministrati ?".


Nella foto: Achille Colombo Clerici e Vittorio Sgarbi

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI