Cerca nel blog

giovedì 15 gennaio 2015

API A MILANO, secondo atto: la conferenza di Marco Valentini di BIOAPI alla Biblioteca Comunale di Dergano.





API  A  MILANO
Introduzione al mondo delle api e ad una apicoltura "dolce"
 

sabato 17 gennaio alle 09:30
conferenza con Mauro Valentini di BIOAPI presso la Biblioteca Comunale di via Baldinucci 76



I veleni usati nelle coltivazioni in campagna stanno allontanando le api dal territorio extraurbano.
Per paradosso l'ambiente delle città sta diventando meno pericoloso per la loro sopravvivenza.

L'associazione Terra del Fuoco e BIOAPo - cnetro culturale di apicoltura - presentano il progetto API A MILANO per favorire in città, ma non solo, l'allevamento dolce delle api usando spazi anche ridotti e tecniche alla portata di tutti.

A tal fine verrà introdotto l'uso dell'arnia africana, la "Kenia Top Bar Hive", particolarmente adatta a questi scopi.
Partecipando al progetto, sarà possibile apprendere questa tecnica, mediante un'arnia facile da costruire, e conoscere le attenzioni necessarie per allevare le api.

L'incontro è aperto a tutti, anche a coloro che vogliono solo conoscere aspetti della vita di questo importante insetto.



API A MILANO è un progetto di Terra del Fuoco  e Bioapi per amanti delle api, del miele, della cera, dell'ambiente.


Perchè Api a Milano

 

Le api e le loro difficoltà di sopravvivenza sono ormai considerate dalla coscienza comune un problema di grandezza planetaria. La loro funzione legata alla produzione del miele e all'impollinazione, è insostituibile.

L'inquinamento prodotto dalla chimica usata in agricoltura è accertato essere uno dei principali nemici di questo importante insetto.

Uno degli effetti di questa situazione è che spesso le api riparano in città per trovare un ambiente più consono alla loro sopravvivenza.

 

A chi si rivolge

 

La trasmigrazione delle api in città crea una nuova responsabilità per gli abitanti delle città, ci troviamo infatti a dover considerare quali possibilità abbiamo per aiutare la loro sopravvivenza.

L'apicultura non può rimanere patrimonio esclusivo degli allevatori professionisti: tutti dovemmo farci carico di questo problema.

Terra del fuoco , associazione per la diffusione della manualità e Bioapi, centro di apicultura biologica e naturale, si rivolgono agli abitanti , alle associazioni ed alle istituzioni perché affrontino il problema con una proposta semplice e precisa.

 

La nostra proposta

 

La Top bar hive, l'arnia africana, è uno dei  modi possibili di andare incontro alla esigenza di difendere le api. Si tratta infatti di una modalità non professionistica di allevamento. In questo caso  il termine più corretto non è "allevare" quanto  piuttosto "prendersi cura" delle api.

Essa prevede una conoscenza del loro complesso ed interessantissimo modo di vivere e della loro struttura sociale. L'arnia stessa, la top bar, è improntata alla creazione di un habitat a loro consono. All'allevatore è riservato il compito di imparare a conoscerle e proteggerle.

La produzione del miele e della cera, come atto finale di queste cure, diventa così solo uno  degli obiettivi e non l'unico..

 

Il progetto  API A MILANO si pone i seguenti obiettivi:

 

  • far conoscere e diffondere  l'uso delle arnie TOP BAR come una delle modalità più semplici per accostarsi al mondo delle api.
  • creare gruppi di interesse su questo argomento tramite un corso di formazione
  • favorire l'autocostruzione delle arnie con materiali anche di riciclo

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI