Cerca nel blog

sabato 24 settembre 2016

P101 | Fashion industry: quando è il negozio fisico a far volare l’online | Osservatorio NewsFromThePlatform di P101

Nella settimana della moda i grandi marchi si sfidano sulle passerelle.

Tuttavia, la competitività nel mondo della fashion industry non si gioca solo con le sfilate, ma anche e soprattutto attraverso l'impostazione delle strategie di business dell'impresa, che devono cambiare e stare al passo con i tempi, in particolare con gli stravolgimenti portati nel settore dalla diffusione dell'eCommerce.

Infatti, l'idea che la moda si acquisti online è sempre di più sostanziata dai numeri.

L'online fashion è un affare serio – specialmente in Italia – perché, come dimostra una recente ricerca dell'Osservatorio eCommerce B2c del Politecnico di Milano, vale oltre € 1,8 miliardi, con una crescita del 25% rispetto al 2015.

Ma non solo: l'eCommerce di moda vale ben il 10% di tutto l'eCommerce in Italia e la penetrazione dell'eCommerce nel Fashion è pari al 5% del mercato retail (un intero punto percentuale in più rispetto al 2015).

Se poi si considera l'evoluzione di questo settore negli ultimi 5 anni, il tasso di crescita medio annuo dell'abbigliamento online è stato pari al 30% circa, il doppio rispetto a quello dell'eCommerce nel suo complesso (+15% circa).

Numeri interessanti, generati da un lato dal cambiamento di atteggiamento del consumatore italiano, ormai avvezzo agli acquisti digitali, ma anche da un ampliamento dell'offerta, che vede online non solo i brand più commerciali e a buon mercato, ma anche i grandi marchi del lusso, che hanno fatto del digitale un punto di forza del loro business.

In breve, il business del fashion passa dal web. Ma non è tutto: in sempre più casi l'innovazione della fashion industry inizia proprio in rete, grazie alle giovani start-up che decidono di muovere proprio qui i loro primi passi.

Così facendo, infatti, riescono a disintermediare il settore e andare direttamente incontro al consumatore finale, fornendo alta qualità a prezzi competitivi.

Ma non si pensi che queste realtà rimangano solo digitali. Nell'era della fashion experience il web, da solo, non basta: c'è bisogno del negozio fisico, del luogo in cui toccare con mano marchio e prodotti, vivere una esperienza in-store.

Per questo, in un percorso che potrebbe sembrare all'inverso, anche i marchi digitali della moda decidono di creare degli spazi reali dove i clienti possano recarsi a "provare" i prodotti in prima persona e dove possano essere seguiti individualmente da un esperto di stile.

Ad esempio, la startup di design eyewear Warby Parker, che prima di aprire il suo store nel cuore di SoHo ha iniziato il suo business online – vendendo occhialeria originale e di qualità a prezzi estremamente competitivi rispetto alla media.


Il risultato?

Quando, nel 2012, ha inaugurato la prima boutique, Warby Parker era già un simbolo culturale: nelle prime tre settimane oltre quattromila persone hanno affollato il negozio, con code fuori dalla porta nei weekend.

O ancora, Bonobos, l'ecommerce newyorkese di abbigliamento maschile per eccellenza, uno dei primi ad aprire anche uno spazio "fisico" attraverso i cosiddetti "guide shop": negozi che ripropongono una sorta di campionario dei modelli presenti sul sito, disponibili da provare.

Dopo ogni appuntamento i clienti ricevono un'e-mail con le preferenze espresse in materia di fit e stile che consente loro di finalizzare l'acquisto attraverso il sito web.

Tale strategia garantisce all'azienda non solo di avvicinare il cliente, ma anche di mantenere i propri store entro dimensioni più piccole di qualsiasi altro negozio al dettaglio – non necessitando di un magazzino.

Questa formula ibrida ha permesso quindi di incrementare le vendite dimezzando le spese di marketing.

In Italia, una realtà simile è quella di Velasca: l'ecommerce di scarpe di qualità Made in Italy a prezzi accessibili ha aperto uno store a Milano e un temporary a Monaco, con l'obiettivo di aggiungerne a breve altri dodici: a Londra, Parigi, Roma, Torino, probabilmente a New York e poi ancora in Svezia, Norvegia, Danimarca e Germania.

Insomma, l'online è sicuramente un luogo di passaggio obbligato per i marchi tradizionali e il punto di partenza per i giovani brand, i quali, però, hanno ormai ben chiaro che per completare la brand experience e lanciare le vendite è bene non dimenticare l'importanza dell'esperienza visiva e tattile dello shopping.



P101 - Insightful Venture Capital

P101 è un fondo di venture capital specializzato in investimenti in società digital e technology driven. Nato nel 2013, con una dotazione corrente di oltre 40 milioni di euro e 18 società in portafoglio,

P101 si distingue per la capacità di mettere a disposizione degli imprenditori di nuova generazione, oltre a risorse economiche, anche competenze e servizi necessari a dare impulso alla crescita delle aziende.

Il fondo, promosso da Andrea Di Camillo - 15 anni di esperienza nel venture capital e tra i fondatori di Banzai e Vitaminic - e partecipato da Azimut, Fondo Italiano di Investimento e numerosi investitori privati, collabora con i maggiori acceleratori privati, tra cui HFarm, Nana Bianca, Boox e Club Italia Investimenti.

Tra le partecipate: ContactLab, Cortilia, Tannico, Musement e MusixMatch.

Le società partecipate da P101 occupano oggi complessivamente oltre 350 risorse e generano un fatturato in costante crescita e già oggi superiore ai 40M annui.

P101 prende il nome dal primo personal computer prodotto da Olivetti, negli anni '60, esempio di innovazione italiana che ha lasciato il segno nella storia della tecnologia digitale.

NewsFromThePlatform nasce per raccontare e commentare – attraverso la visione di P101, quella degli imprenditori delle sue partecipate, dei suoi investitori e di chi fa parte del suo ecosistema – esempi quotidiani della rivoluzione in atto, la digital disruption: un fenomeno in pieno corso, che vede le nuove tecnologie cambiare schemi e modelli, in tutti i settori, in maniera radicale e ad una grande velocità.

Come operatori del mondo italiano del Venture Capital, il mestiere di P101 è quello di studiare, analizzare e cavalcare questa rivoluzione: intercettandone anche i segnali deboli e mettendo a servizio delle giovani imprese risorse ed expertise per crescere e competere sul mercato, e a disposizione dell'impresa consolidata, una continua fucina di innovazione.

Con NewsFromThePlatform, P101 proverà a raccontare in modo semplice, fattuale e concreto che la giovane azienda di oggi può essere il prossimo concorrente o un prezioso alleato di domani.



--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI