Cerca nel blog

lunedì 1 febbraio 2016

Stati Generali dell'Immobiliare MonitorImmobiliare ; RE Italy Winter Forum a Milano 2016 ANNO DELLA VERITA’, CRESCITA O NUOVA RECESSIONE

Gli Stati Generali dell'immobiliare in occasione del RE Italy Winter Forum a Milano

2016 ANNO DELLA VERITA', CRESCITA O NUOVA RECESSIONE



Questo è l'anno decisivo per la ripresa del Paese: o si registra una crescita del Pil almeno dell'1,5% oppure ci aspettano lacrime e sangue, a cominciare dall'innalzamento dell'iva.

Un forte contributo alla ripresa può venire dal settore immobiliare che produca il maggior volume di  attività economica.

Ma esso stenta a uscire dalla crisi: mentre nel 2007 i permessi di costruzione sono stati 365.000, nel 2014 sono precipitati a 55.000, lo stesso numero di nuovi edifici del 1936. Remano contro la ripresa, il sistema creditizio prodigo con i mutui ma non con le piccole e medie imprese di costruzione, e la burocrazia che consente di costruire un edificio solo dopo 4 o 5 anni dalla presentazione del progetto.

In particolare si calcola che dei 350 miliardi di crediti in sofferenza delle banche, ben 100 siano del settore immobiliare; il che spiega – anche se non giustifica – la diffidenza degli istituti a concedere altro credito. 

Poi ci sono gli sprechi. Solo per citare, lo Stato paga 900 milioni di affitto all'anno per le proprie sedi nonostante abbia migliaia di uffici vuoti.

Se ne è parlato in occasione del Re Italy Winter Forum a Milano organizzato da MonitorImmobiliare dove si sono ritrovati gli Stati Generali del Real Estate italiano per discutere delle sfide che  attendono il settore. Problemi ma anche opportunità.

E' emerso nel corso della giornata anche dai vari report che sono stati presentati. Ad esempio, l'Italia è l'unico Paese politicamente stabile nell'area del Mediterraneo e questo giustifica una view positiva su tutto il 2016. O ancora: Milano è già ripartita e anche se non è tra le città che guidano il mercato in Europa, è senz'altro tra le mete sotto i riflettori degli investitori.

Per il resto del Paese persiste un po' di ritardo, ma il sentiment è positivo.

Senza contare che già l'anno scorso si erano registrati numeri incoraggianti: il mercato immobiliare nel 2015 ha invertito il ciclo negativo degli ultimi anni e ha chiuso l'anno con una crescita del fatturato del 3,7%.

Anche al Sud qualcosa si muove: la messa in vendita di 11 fari dismessi per la trasformazione in residenze, hotel ed altro ha ottenuto ben 39 offerte.

Resta il fatto che, di fronte a un miglioramento nel numero delle compravendite, continua la limatura dei prezzi.

E se, mettiamo in rapporto l'immobiliare con altri settori produttivi, i risultati sono sconcertanti.

Nel 2015 l'automotive ha segnato più 20%, la casa, come si è detto, il 3,7%; mancano in Italia 300.000 alloggi (i 100.000 vuoti non si vendono perché non incontranti la domanda, anche per la scarsa qualita'); la ricchezza mobile di una parte degli italiani è aumentata.

E allora perché non c'è ripresa? Forse è l'intero sistema che va cambiato, dalla comunicazione del prodotto al servizio di assistenza, di rateazione, di assicurazione.

Un cambiamento troppo complesso per essere gestito solo da qualche componente del sistema.
   
Ecco allora la necessità di una vera politica immobiliare. Una risposta è stata l'istituzione dell'Osservatorio Parlamentare sul Mercato Immobiliare  che ha quali obiettivi un percorso virtuoso di riscatto del settore, contribuendo a velocizzare i tempi, portando a sintesi le posizioni della politica - rappresentata da oltre cento parlamentari membri dell'Osservatorio stesso - e delle associazioni di categoria.

Ed è  necessaria una forte defiscalizzazione, che consenta a medio-lungo termine di ritrovare, per chi investe nel mattone nel nostro Paese, quanto meno il mantenimento, sul piano non meramente teorico, del valore nel tempo, ed una più adeguata redditività.


Foto archivio : il presidente Achille Colombo Clerici con il Premier Monti ed alcuni esponenti di Assoedilizia




--
www.CorrieredelWeb.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI