Cerca nel blog

mercoledì 2 maggio 2012

A New York con Simona Mancuso

L'artista presenta la sua nuova mostra pittorica dedicata alla città americana

Milano, 2 maggio 2012 - Guardare sfilando la realtà dai propri contorni, lasciandola nuda nel calore degli odori, quelli che esalano dalle tele dell'artista Simona Mancuso capace di spogliare New York sino a mostrarla riflessa nelle sue alte ombre fumanti, di cemento, eppure consapevole del fasc...ino vitale con cui costruisce ed ama l'uomo-formica! A sostegno della dicotomica visione della grande mela, Simona Mancuso lascia imbevute le sue panoramiche newyorkesi in frammenti del Sole 24 ore, a dimostrazione di quanto l'arte si generi sempre più spesso nei nostri tratti consueti. Simona Mancuso sarà presente dalle ore 20 durante la serata di inaugurazione della mostra nella quale spiegherà brevemente sul palco della Strada l'origine del suo tema pittorico.

Tutti vivono la stessa vita, con gli stessi valori, con gli stessi impegni quotidiani, seguendo le stesse regole, le stesse imposizioni, le stesse presunte libertà. Le nostre città sono spersonalizzate, tutte uguali, dove l'architettura globalizzata disegna paesaggi pieni di torri di cristallo, qualche volta contorte, altre pendenti, dalle forme improbabili, ma tutte rispondenti ad una idea comunemente accettata come bella, moderna, rispondente ai bisogni dell'uomo moderno. Queste città diventano semplici contenitori per una vita che deve scorrere sempre uguale a sé stessa. In questo contesto è l'informazione a farla da padrone "incollando" e mantenendo ben saldo ogni cosa, ogni aspetto della quotidianetà. Ecco ciò che l'artista Simona Mancuso vede e sente e, attraverso questo ciclo intitolato "A New York", tenta di rappresentare.


La city, cosmopolita per eccellenza. Luogo di sogni ed emblema del mondo moderno. Viaggio oltreoceano di culture e stili diversi, che ogni giorno s'incontrano nella sua frenetica e ricchissima quotidianità extra ordinaria. E' New York l'esempio naturale e rappresentativo della "Metropoli contenitore". E' rappresentata come una folla di architetture monocromatiche e tutte uguali, che moltiplicandosi a vista d'occhio, costituiscono una foresta di alberi di cemento cresciuti senza razionalità nè ragionevolezza. Il colore, sembra quasi trasudare dalla tela; è gocciolante, per aumentare il senso dell'incombenza, dell'inevitabilità, con macchie di colore lasciate libere di realizzare rilievi. Qua e là, senza un ordine prestabilito, articoli di giornale, lettere, titoloni da prima pagina, si sovrappongo e si mischiano al colore, alla materia e alle architetture. Simona Mancuso ottiene, così, opere in cui la matericità è metafora dell'idea globalizzata che, aleggiando su ogni cosa, invadendo ogni angolo, anche il più recondito, fa della nostre città dei luoghi dove l'individualità, il suo saper essere unico e speciale, è troppo spesso mortificato. E' l'informazione dilagante che costruisce materialmente i palazzi, le strade, le città, nella loro apparente complessità.

L'artista
Simona Mancuso nasce a Milano il 27 dicembre 1975. Dopo aver compiuto gli studi presso il liceo artistico della città natale, si dedica ad un tipo di pittura figurativa, che più si avvicina al concetto impressionista. Sono degli anni '90 i suoi dipinti ad olio, raffiguranti campi di fiori dalle pennellate decise, che sembrano voler esplodere dalla tela, con i loro colori vivaci.
Dopo un lunga pausa, riprende i suoi studi ispirandosi ad artisti di fama mondiale come Alberto Burri e Gastone Novelli.
Le opere che nascono in quest'ultimo periodo sono caratterizzate dall'utilizzo di molteplici materiali: acrilici, colle viniliche, stucchi e gessi; persino materiali del tutto inusuali come il caffè e ritagli di giornale. Sono opere che, nella loro matericità, vogliono esprimere il punto di vista dell'artista che si affaccia alla quotidianità. Nasce il ciclo di opere dedicate a New York, città che, dai sogni dell'artista, prende vita quasi come volesse uscire dalle sue tele.

La mostra sarà inagugurata oggi, 2 maggio 2012, alle ore 20 presso LA STRADA VINO LETTERARIO in Via Carlo Patellani, 4 Milano

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI