Cerca nel blog

martedì 8 maggio 2012

Autodesk Italia: nuova sede a Milano



Nel cuore del design district a Milano, nasce la nuova sede di Autodesk Italia

Architettura a basso impatto ambientale, efficienza energetica, respiro internazionale e anima made in Italy si fondono in un ambiente efficiente e funzionale, in fase di pre-certificazione LEED Gold Commercial and Interiors

 

Milano, 8  maggio 2012 – Autodesk Italia, filiale italiana della multinazionale leader mondiale nella fornitura di software di progettazione, ingegneria e intrattenimento 3D, ha inaugurato la nuova sede di via Tortona 37 a Milano, una delle aree più vivaci per il mondo del design, frutto di un recupero urbanistico partito negli anni novanta. Una sede che integra perfettamente la natura internazionale del gruppo con l'italianità presente nei materiali e negli arredi, l'attenzione all'efficienza energetica e un limitato impatto ambientale, e che soprattutto rappresenta un nuovo modo di lavorare più attinente all'attuale scenario economico, all'evoluzione degli strumenti tecnologici e alle necessità dei dipendenti.

La sede è firmata Matteo Thun & Partners per la progettazione del complesso e Goring & Straja per l'interior design. Il progetto è in fase di pre-certificazione LEED Gold Commercial and Interiors presso il Green Building Council (US).

 

Progetto di Interior Design di Goring & Straja: fusione tra internazionalità e anima italiana

La progettazione degli interni è stata sviluppata dallo studio Goring & Straja che nelle diverse fasi architettoniche si è confrontato sugli obiettivi con un team internazionale Autodesk. Il filo conduttore che ha guidato le scelte dell'architetto André Straja è l'esigenza di creare un ambiente che integrasse l'anima internazionale del gruppo con l'identità italiana. Uno spazio in cui efficienza, funzionalità, acustica e illuminazione si fondono nelle scelte dei materiali e degli arredi.

"Dopo un viaggio negli Stati Uniti, dove ho visitato la sede e il museo Autodesk di San Francisco, sono stato colpito dalla qualità e dalla modernità degli ambienti, concetti che ho voluto trasmettere nei nuovi uffici italiani, creando un progetto fuori dagli schemi", ha commentato l'architetto André Straja. Lo spazio è così intervallato da mezzanini, doppie altezze, stanze interconnesse. Per la definizione del layout, lo studio si è allineato alla filosofia Autodesk sulla suddivisione degli spazi interni – frutto di analisi effettuate con una società specializzata. Analisi che riflettono il modo di operare della società, che privilegia il lavoro di gruppo e l'utilizzo della tecnologia, la condivisione degli spazi di lavoro da parte del personale di vendita, che per la tipicità del lavoro svolto è spesso fuori ufficio. E' stato così creato uno spazio che prevede reception, aree di lavoro, aree di formazione, accoglienza clienti, zone relax. Tutto lo spazio è diviso e organizzato intorno ad un grande muro centrale, che, oltre ad essere attrezzato e garantire buoni livelli di funzionalità, lega tutti gli ambienti quasi a voler rappresentare un unico gruppo di lavoro.

 

Non è stato poi difficile garantire alla nuova sede di Autodesk Italia un'identità locale.  In primis la scelta degli arredi è caduta su prodotti prevalentemente nazionali. L'uso dei materiali, e la loro lavorazione – effettuata da artigiani italiani – coniuga la creatività e la qualità tipiche del made in Italy. Ad esempio, per decorare il piano di cemento della reception e del grande tavolo che invita alla convivialità nello spazio relax, l'architetto ha voluto rappresentare gli strumenti da disegno scomparsi con l'avvento della tecnologia Autodesk, inserendo righelli, squadre, compassi. Un'idea originale, quasi un elemento di archeologia del design!

Alcune zone sono delimitate da porte di vetro sulle quali sono state realizzate delle serigrafie grafiche ad altezza uomo con frammenti di piante di progetto. Le pareti sono decorate con carte da parati, realizzate appositamente, di progetti renderizzati di clienti Autodesk.

 

Per la realizzazione di questo progetto (così come per tutti gli altri lavori effettuati), lo studio di architettura ha utilizzato AutoCAD e 3d Studio Max, considerandoli uno standard imprescindibile.

 

La certificazione LEED

Il LEED è un programma di certificazione volontaria che può essere applicato a qualsiasi tipo di edificio e concerne tutto il ciclo di vita dell'edificio stesso, dalla progettazione alla costruzione. LEED promuove un approccio internazionale orientato alla sostenibilità, riconoscendo le prestazioni degli edifici in settori chiave, quali il risparmio energetico e idrico, la riduzione delle emissioni di CO2, il miglioramento della qualità ecologica degli interni, i materiali e le risorse impiegate, il progetto e la scelta del sito. Sviluppato dalla U.S. Green Building Council (USGBC), il sistema si basa sull'attribuzione di 'crediti' per ciascun requisito.

 

Il complesso architettonico Tortona 37 progettato da Matteo Thun & Partners

La sede di Autodesk si inserisce nel complesso architettonico Tortona 37 progettato da Matteo Thun & Partners, composto da 5 edifici che si affacciano sui un ampio giardino alimentato da un polmone verde alberato. Ogni edificio, a pianta rettangolare, si sviluppa su 6 livelli permettendo a tutte le sue unità immobiliari una doppia esposizione. Ogni unità è costituita da un volume a doppia altezza (7 metri) che consente di generare open space versatili con mezzanino interno. La facciata degli edifici è un reticolo bianco sporgente, intervallato da grandi bow-window rivestiti da brise-soleil di legno; lo stesso incornicia le ampie vetrate dell'intero complesso e collega tra loro i vari edifici che, in copertura, culminano con panoramiche  terrazze.

Le scelte progettuali hanno coordinato in modo intelligente la parte di progettazione architettonica con quella impiantistica per ottenere il massimo rendimento energetico: dal recupero del terreno su cui sorge l'edificio, il sistema di condizionamento dell'aria basato sullo sfruttamento geotermico, l'utilizzo di pannelli radianti, l'attento studio dell'involucro esterno. La facciata vetrata, integrata da un sistema di tende esterne consente la riduzione dell'incidenza solare fino all'87% per evitare il surriscaldamento estivo degli ambienti.

Uno dei punti di forza del complesso è rappresentato dallo sfruttamento geotermico dell'abbondante acqua di falda sotterranea, producendo così acqua calda e refrigerata utilizzando pompe di calore polivalenti del tipo acqua/acqua, uno dei sistemi più efficienti e a minore impatto ambientale attualmente realizzabili. In questo modo i costi del riscaldamento invernale e del condizionamento estivo vengono abbattuti riducendo al minimo le emissioni di CO2 in atmosfera. Il sistema è alimentato elettricamente in modo efficiente, non prevedendo alcuna emissione dovuta a combustibile fossile nel luogo di installazione. Il controllo della temperatura ambiente avviene mediante irraggiamento, in assenza di rumore e di correnti d'aria, per il massimo comfort nelle zone occupate dalle persone.

L'edifico garantisce elevata produzione energetica a emissione zero e basso impatto acustico e ambientale.

 

 

La politica sostenibile di Autodesk

La sostenibilità è al centro della strategia Autodesk che si impegna a fornire il miglior software di progettazione 3D e ingegneria per affrontare le sfide ambientali a livello mondiale. I software Autodesk accelerano la transizione verso un mondo più sostenibile, attraverso i prodotti che i clienti progettano e producono e gli edifici e le infrastrutture che immaginano e creano. Autodesk supporta il cambiamento rendendo la progettazione sostenibile semplice ed accessibile per milioni di architetti, progettisti ed ingegneri. Autodesk punta in primis ad essere un modello di impresa sostenibile, offrendo un terreno di test per nuove idee, workflow e soluzioni. Negli ultimi 3 anni la società ha significativamente migliorato il sistema di misurazione per diventare un'azienda con basse emissioni di CO2.  Nel FY11 (febbraio 2010 – gennaio 2011) ha ridotto il proprio impatto ambientale del 2% rispetto all'anno precedente, che risulta più del 34% comparato all'anno fiscale 2009, portandolo a 50.400  t2 di equivalente di CO2. Per aiutare a migliorare gli obiettivi di riduzione dei gas serra per le aziende, Autodesk ha sviluppato un metodo open source (C-FACT). Questo approccio chiede alle aziende di ridurre in maniera incisiva le emissioni di gas serra in proporzione al contributo che le aziende danno all'economia (PIL). Tra le scelte green, la società ha notevolmente ridotto i viaggi aziendali investendo in modo significativo in sistemi di telepresenza, sistemi virtuali per le roundtable, utilizzo delle webcam, lanciando in contemporanea una campagna di educazione per i dipendenti sull'incidenza dei viaggi aziendali sulle emissioni di gas serra e spingendo l'utilizzo di strumenti alternativi. Autodesk ha ricevuto riconoscimenti e conferme per i suoi sforzi per migliorare la sostenibilità: è quotata al Dow Jones sustainability Index (DJSI); è presente nel Carbon Disclosure Project (CDP) Leadership Index, nel FTSE4Good Index Series e nel Cleantech Group's Cleantech Index. La maggior parte delle sedi che Autodesk sta acquisendo negli ultimi anni sono a basso impatto ambientale o addirittura costruite per ridurre le emissioni di CO2 anche durante la fase costruttiva.

 

Matteo Thun & Partners

Nato a Bolzano nel 1952, Matteo Thun fu studente di Oskar Kokoschkas all'Accademia di Salisburgo e si laureò in architettura all'Università di Firenze. Dopo un lungo soggiorno negli Stati Uniti, nel 1981 fonda con il designer Ettore Sottsass il leggendario Gruppo Memphis. Un anno più tardi si sposta a Vienna per insegnare alla Scuola Superiore di Arte Applicata. Nel 1984 apre a Milano lo Studio Matteo Thun e dal 1900 al 1993 è design creativo per Swatch. Per tre volte ha ricevuto l'illustre e ambito premio per designer "Compasso d'Oro" e il Wallpaper Design Award. Nel 2004 è entrato a far parte della Hall of Fame di New York ed è membro di RIBA (Royal Association of British Architects). Da anni si occupa di architettura sostenibile.

 

Goring & Straja

Goring & Straja è una società fondata nel 1997 con sedi a Milano, Roma e Berkeley (USA), si occupa di progettazione integrata e di interior design per clienti nazionali e internazionali. Il gruppo guidato da André Straja (membro dell'American Institute of Architects), Giacomo Sicuro e Lenka Lodo vanta un team di 40 persone tra partner, dipendenti e collaboratori. Alla base dell'indirizzo progettuale acquisito c'è l'uso di tecnologie avanzate, la ricerca di materiali innovativi, l'attenzione all'ambiente e al risparmio energetico. Negli anni ha sviluppato progetti di varie dimensioni per brand riconosciuti a livello mondiale e nazionale, ottenendo numerosi riconoscimenti internazionali nell'ambito del design tra cui AIACC Design Honor Award 2009, Institutional Award of Excellence 2011 e premio ULI 2011 regione EMEA.

 

Informazioni su Autodesk

Autodesk, Inc., è leader mondiale nella fornitura di software di progettazione e intrattenimento 3D. Clienti del settore edilizio, industriale, delle infrastrutture, dei mezzi di comunicazione e dello spettacolo – fra cui agli ultimi 17 vincitori degli Academy Award per gli effetti speciali - adottano i software Autodesk per progettare, visualizzare e simulare le loro idee prima di metterle in pratica. Sin dall'introduzione di AutoCAD nel 1982, Autodesk continua a sviluppare il più ampio portafoglio di software all'avanguardia per il mercato globale. Per ulteriori informazioni su Autodesk, visitare il sito http://www.autodesk.it/.

 

Autodesk, AutoCAD, 3d Studio Max sono marchi registrati o marchi di Autodesk, Inc., e/o delle sue sussidiarie e/o affiliate negli Stati Uniti e/o altre nazioni. Academy Award è un marchio registrato della Academy of Motion Picture Arts and Sciences.  Tutti gli altri nomi, nomi di prodotto o marchi appartengono ai loro rispettivi proprietari. Autodesk si riserva il diritto di modificare le offerte di prodotti e servizi, le specifiche e il prezzo in qualsiasi momento senza preavviso, e declina ogni responsabilità per errori tipografici o grafici contenuti nel presente documento. 

© 2011 Autodesk, Inc. Tutti i diritti riservati. 


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI