CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news da e su Milano

Cerca nel blog

giovedì 10 maggio 2012

Ricerca Acronis nel comparto industriale: solo metà delle aziende ritiene possibile una rapida ripresa dopo un’emergenza

Business continuity a rischio per l'inadeguatezza degli investimenti in protezione dei dati

 

Milano, 10 maggio 2012 – Malgrado nel 2011 siano stati registrati livelli record di conflitti politici ed emergenze ambientali ed economiche, i risultati della ricerca Acronis Global Disaster Recovery (DR) Index 2012 relativi al settore industriale nello specifico edile e manifatturiero, rivelano che soltanto il 53% degli interpellati ha fiducia nella propria strategia di ripristino nell'eventualità di un'emergenza.

 

La crisi economica globale impone ai produttori una maggiore attenzione alla riduzione dei costi e all'ottimizzazione delle risorse esistenti. Si spiega così la quasi metà (45%) degli intervistati che individua nella carenza di budget e risorse IT i maggiori ostacoli. Circa un decimo (11%) afferma di non investire affatto in sistemi di backup e DR; un quarto (25%) dichiara di non avere l'appoggio del proprio team dirigenziale. In un settore altamente competitivo, dove la tolleranza di eventuali downtime è pressoché pari a zero, è preoccupante che solo il 45% delle imprese affermi di non aspettarsi periodi di inattività consistenti in caso di eventi o emergenze di grave entità.

 

Anche le nuove tecnologie di virtualizzazione e cloud computing, che dovrebbero apportare maggiore efficienza alle organizzazioni, implicano nuove sfide per i reparti IT. La grande maggioranza (67%) dei manager IT del settore industriale interpellati concorda sul fatto che il maggiore ostacolo dei contesti ibridi è lo spostamento dei dati tra ambienti fisici, virtuali e cloud. Un quarto (26%) ha virtualizzato il 50% o più dei propri server di produzione, una cifra destinata a crescere del 30% nei prossimi 12 mesi. Nonostante l'incremento, molti lasciano i propri dati a rischio: quasi il 40% conferma di eseguire il backup dei server virtuali solo mensilmente o a intervalli non definiti.

 

I timori relativi a sicurezza e disponibilità hanno finora rallentato l'adozione del cloud per il disaster recovery. Nel settore, tuttavia, si registra un cambiamento: il 94% degli interpellati ne prevede l'impiego in qualche sua forma entro i prossimi 12 mesi. Il 53% riconosce la potenziale riduzione dei costi operativi ottenibile, ma la maggior parte continua a non adottare il cloud per le strategie di backup. Quasi un terzo (29%), infine, afferma di non disporre di alcuna strategia di backup offsite.

 

Questo approccio incoerente provoca un'altrettanto incoerente gestione dei dati in ambienti ibridi, fisici, virtuali e cloud. In troppi si affidano ancora a una serie di tool differenti per le varie sedi, e oltre un terzo (36%) usa tre o più soluzioni diverse per proteggere i propri dati. Le stesse vengono impiegate per attività diverse quali il backup dei dati, l'imaging del sistema, l'applicazione di patch, migrazioni e testing, rendendo i sistemi inefficienti e soggetti a errori.

 

Commentando i risultati, Mauro Papini, Country Manager di Acronis Italia ha affermato: "Il settore industriale subisce pressioni in costante aumento. Le eccellenze nella gestione della qualità, l'ottimizzazione e l'automazione del comparto sono innegabili, ma è altrettanto chiaro che le strategie di backup e DR applicate non stanno al passo con la crescente adozione della virtualizzazione. La velocità è un fattore chiave di differenziazione, l'aumento della produttività una priorità strategica; entrambe aumentano l'intolleranza di potenziali downtime. Per le organizzazioni del settore industriale che mirano a consolidare e uniformare i piani di backup e DR, l'unica strada percorribile è l'adozione della nuova tecnologia. Così facendo, i livelli di fiducia aumenteranno e il compito dei manager IT risulterà semplificato."

 

Note per gli autori

 

L'indagine è stata condotta nei mesi di settembre e ottobre 2011 dal Ponemon Institute, in 18 paesi. Sono stati intervistati oltre 6.000 professionisti IT appartenenti ad aziende di piccole e medie dimensioni, con non più di 1.000 lavoratori. Ulteriori informazioni sulle modalità di elaborazione dei risultati della classifica e sulla posizione di ciascun paese sono disponibili ai link seguenti:

 

       Report completo della ricerca (versione in italiano da scaricare)

       Report completo della ricerca (versione in inglese)

 

Twitter: Solo metà delle imprese industriali ritiene possibile una rapida ripresa dopo un'emergenza

 

Informazioni su Acronis

Acronis è leader nella produzione di soluzioni per il ripristino d'emergenza e la protezione dei dati in ambienti fisici, virtuali e cloud, caratterizzate da elevata facilità d'uso. La brevettata tecnologia di disk imaging consente a grandi aziende, PMI e utenti privati di proteggere le proprie risorse digitali. Grazie ai prodotti software di Acronis per il ripristino, la distribuzione e la migrazione, gli utenti possono proteggere le proprie informazioni digitali, garantire la continuità nei processi aziendali e ridurre i tempi di inattività. I prodotti e le soluzioni Acronis sono distribuiti in oltre 90 paesi e disponibili in 14 lingue. Per ulteriori informazioni, visitare http://www.acronis.it. Segui Acronis su Twitter: http://twitter.com/acronis.

 

###

 

Acronis® è un marchio registrato di Acronis International GmbH. negli Stati Uniti e/o in altri paesi.

 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.