Cerca nel blog

giovedì 21 ottobre 2010

Milano e Monza nel Parco Media Valle Lambro


Il territorio del Parco Media Valle Lambro si allarga!
I comuni di Monza e di Milano interessati ad entrare nel parco sovracomunale

Sabato 23, ultima giornata degli Stati Generali del Parco Media Valle Lambro

La prima giornata degli Stati Generali del Parco Media Valle Lambro ha raggiunto gli obiettivi prefissati: i comuni di Milano e di Monza hanno dichiarato la loro disponibilità ad entrare nel Parco Media Valle Lambro, perimetrando come PLIS tutti i territori lungo il fiume Lambro tra il centro di Monza e l'Idroscalo di Milano. Le Provincie di Milano e di Monza Brianza hanno assicurato il loro supporto tecnico e finanziario. I comuni di Sesto San Giovani, Cologno Monzese e Brugherio, dove attualmente ha sede il Parco, hanno rinnovato l'impegno e hanno indicato la Convenzione come lo strumento con cui continuare a gestire il Parco.  Questo importante progetto potrà anche avvalersi del supporto tecnico e strategico di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo che ha partecipato all'incontro e che è stato uno dei primi enti territoriali a sostenere il coordinamento e il potenziamento della rete dei parchi del Nord Milano.  "Si sono concretizzate le condizioni per la realizzazione di un parco sovracomunale dal centro di Monza all'Idroscalo di Milano, che già nell'immediato potrà essere considerato come il terzo parco pubblico di tutta la città metropolitana, dopo il Parco di Monza e il Parco Nord Milano", ha dichiarato soddisfatto Luca Ceccattini, Presidente del Parco Media Valle Lambro.

Non a caso lo slogan scelto per promuovere questi Stati Generali è stato "Abbiamo un parco in comune", un invito esplicito alle istituzioni, ai cittadini e a tutti gli attori territoriali ad attivarsi per valorizzare quest'area verde e farla diventare la "cerniera" strategica tra il centro di Milano e quello di Monza.
"Per il comune di Milano il sistema ambientale vince sui confini amministrativi, ed è per questo che noi intendiamo aderire a questo progetto e collaborare attivamente con gli altri comuni coinvolti", ha sottolineato Carlo Masseroli, Assessore allo Sviluppo del territorio del Comune di Milano. Un impegno condiviso pubblicamente anche dall'Assessore all'Ambiente del Comune di Monza, Giovanni Antonicelli, che ha dichiarato che "il Comune di Monza collaborerà nel modo più totale all'allargamento del parco sia per gli aspetti tecnici che economici".

L'ampliamento del Parco Media Valle Lambro è anche uno degli obiettivi strategici delle province di Milano e di Monza e Brianza. "C'è una volontà congiunta tra la Provincia di Milano e il comune di Milano di mettere mano ad un ampliamento di un perimetro che da Sesto San Giovanni arriva fino al Parco Sud", ha affermato Fausto Moretti, dell'Assessorato all'Agricoltura e ai Parchi della Provincia di Milano. "Il Parco Media Valle Lambro ha per noi un significato strategico, considerando l'alto tasso di urbanizzazione del nostro territorio, ed è per questo che assicuro la massima attenzione anche per i profili economici e gestionali da parte della nostra Provincia", ha dichiarato Antonino Brambilla, Assessore alla Pianificazione territoriale e ai Parchi della Provincia di Monza e Brianza.  
Alessandro Colucci, Assessore ai Sistemi Verdi e al Paesaggio della Regione Lombardia ha sottolineato "la centralità dei comuni nella pianificazione territoriale" e ha annunciato gli Stati generali dei Parchi lombardi "per discutere una riforma di legge, condivisa con gli enti locali, per la tutela, la salvaguardia e il rilancio delle aree verdi protette".
I tre comuni che attualmente gestiscono il Parco Media Valle Lambro hanno rinnovato ieri l'impegno di continuare a potenziare questa area verde e di co-partecipare alla sua gestione attraverso lo strumento della convenzione, come hanno affermato Maurizio Ronchi, Sindaco di Brugherio, Mario Soldano, Sindaco di Cologno, e Lella Brambilla, Assessore ai Parchi del Comune di Sesto S.G.

Sabato 23, ultima giornata degli Stati Generali del Parco Media Valle Lambro

Il Sabato 23 ottobre, ultima giornata degli Stati Generali del Parco Media Valle Lambro, si parlerà di buone pratiche e di altre esperienze di Parchi analoghe esistenti e della necessità di passare dal concetto di  "parchi in città" a quello di "città nel parco" con Fabio Terragni, Amministratore Delegato BIC La Fucina;  Marzio Marzorati e Laura Zamprogno, Legambiente Lombardia; Luca Ceccattini, Presidente Parco Media Valle Lambro; Mario Clerici, Dirigente Servizio Idrico Integrato Regione Lombardia; Pietro Lenna, Dirigente Aree Protette e Biodiversità Regione Lombardia; Riccardo Gini, Direttore Parco regionale Nord Milano e Parco Balossa; Bernardino Farchi, Direttore Parco regionale Valle Lambro; Maria Luisa Decarli, Direttore Parco Grugnotorto-Villoresi; rappresentanti del Forum Consultivo del Parco Media Valle Lambro e rappresentanti di Legambiente, Lipu e Italia Nostra.

L'iniziativa si svolge, dalle 9.00 alle 14.00 nella Sala consiliare del Municipio di Sesto San Giovanni, e per l'occasione sono stati organizzati allestimenti a cura di IED-Istituto Europeo del Design, Politecnico di Milano, NABA- Nuova Accademia Belle Arti di Milano, Gruppo Fotoamatori Sestesi, Consorzio CS&L.

Gli Stati Generali sono stati promossi da Parco Media Valle Lambro, in collaborazione con i Comuni di Brugherio, Cologno Monzese e Sesto San Giovanni, Provincie di Milano e Monza Brianza, con il supporto di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo, Istituto Europeo del Design, Italia Nostra, Legambiente, Lipu, Nuova Accademia Belle Arti di Milano, Politecnico di Milano, CS&L Consorzio Sociale.

Per informazione:

Parco Media Valle Lambro
www.pmvl.it
tel. 02-2496 413, pmvl@pmvl.it

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI