Cerca nel blog

giovedì 23 settembre 2010

Milano e il suo destino. Dalla citta' romana all’ Expo 2015 (Boroli editore) di Carlo Tognoli e Lodovico Festa - Presentazione - Camera di Commercio Milano




          A s s o e d i l i z i a


"Milano e il suo destino-Dalla città romana all'Expo 2015" (Boroli editore) di Carlo Tognoli e Lodovico Festa


            *         *         *


2600 anni della città in un libro di Tognoli e Festa. Ma si è parlato degli ultimi decenni



MILANO, TANTE VOLTE CADUTA E ALTRETTANTE VOLTA RISORTA



Benito Sicchiero



Quella fine novembre 1980, inviato dal mio giornale, avevo raggiunto con un aereo militare carico di soccorsi donati dalla città di Milano i terremotati dell'Irpinia. L'allora sindaco Carlo Tognoli guidava l'operazione.  A Conza, nel fango del cratere, sotto una pioggia gelida e nevischio,  ho sentito i profughi gridarsi l'un l'altro: "arriva u' sinneco de Milano!", considerato evidentemente a mezzo tra san Gennaro e il presidente della Repubblica.

Questa era allora l'immagine della città e del suo primo cittadino anche nel cuore dell'Italia profonda.

Molti anni dopo, in tutt'altra  occasione, chiedo al sindaco di allora: "Qual è il suo maggior rimpianto?". "Non avere potuto continuare a dare entusiasmo alla città".

Carlo Tognoli, da molti – amici ed avversari – considerato l'ultimo sindaco di un'epoca irripetibile, ha presentato il libro "Milano e il suo destino-Dalla città romana all'Expo 2015" (Boroli editore, 192 pagine) scritto con il saggista Lodovico Festa: un viaggio lungo 2600 anni, da centro gallico a capitale dell'Impero romano, quindi la città degli Sforza e di Leonardo, della Repubblica cisalpina e delle 5 Giornate, del fascismo e della Resistenza. E dei giorni nostri, di ieri e di oggi.

Cambia, Milano. Dal Barbarossa alla guerra, la città distrutta, la popolazione dispersa, dall'industria al posterziario, trova la capacità di risorgere come l'Araba Fenice.

Ha, per citare l'ultima grande trasformazione, abbandonato la grande industria di cui restano,
imponenti testimonianze, 11 milioni di metri quadrati di aree dismesse  che a poco a poco si stanno colmando con uffici, residenziale, verde, servizi e sostituito le attività secondarie con la finanza, il design,la moda.

Fino a prevedere, con il Piano di Governo del Territorio, l'arrivo di  altri 3-400.000 abitanti e con Expo 2015 una città-regione capace di trainare il Paese mantenendolo nell'Europa che conta.

Questo il progetto, la speranza.

Ma è cambiata Milano: da città con il coeur in man capace di assorbire e assimilare le grandi immigrazioni dal meridione al rifiuto degli extracomunitari e persino dei luoghi di preghiera cui hanno diritto.

Ha colpito la foto di un irregolare e del suo bambino che con una valigia e pochi stracci vengono allontanati sotto la neve mentre le ruspe abbattono la loro baracca.

Certo, gli sgomberi hanno motivazioni razionali. Ma ci sono anche altre ragioni se il cuore di Milano si è sclerotizzato.

Una la individua il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici: "Fino a pochi decenni or sono le grandi famiglie ed i "capitani d'industria" operavano e investivano nel territorio. Con la globalizzazione i manager hanno scarsa attenzione al territorio: delocalizzano funzioni ed attivita' e portano i capitali dove rendono di più".

E' forse il pessimismo intellettuale il freno di Milano, come afferma
Lodovico Festa?

Alberto Meomartini, presidente di Assolombarda, rivendica con orgoglio che le esportazioni milanesi hanno mantenuto le posizioni mentre Giampiero Borghini, altro sindaco di Milano ma in un momento non felice, parla di "Milano città fai da te".

E Ferruccio De Bortoli, direttore del Corriere della Sera, denuncia una classe dirigente spesso non all'altezza.

Con lo psichiatra e scrittore Raffaele Morelli si è conclusa la presentazione del libro organizzata dal Centro Studi Grande Milano presieduto da Daniela Mainini.

Gente in piedi nel salone della Camera di Commercio per il dibattito-riflessione. Buona cosa. Meglio fare un po' di meno e pensare un po' di più.

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI