CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news da e su Milano

Cerca nel blog

giovedì 22 agosto 2013

Riforma catasto - Revisione Catastale per microzone - Istruttiva vicenda - Illuminante il caso di Milano con le sue disparita' e sperequazioni.


        A s s o e d i l i z i a

Dichiarazioni del Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici:


« Per capire come funziona il Catasto,  basta riandare alla vicenda della revisione per microzone attuata in forza della legge 311/2004 art. 1 comma. 335, laddove beninteso essa e' stata applicata.


E' proprio osservando le modalita' e la tempistica con le quali il medesimo procedimento catastale di carattere generale, attuativo della revisione per microzone ( basato dunque sulla medesima legge ), ha prodotto effetti di disparita' nei confronti dei singoli contribuenti, che si ha l'idea di quante distorsioni e quante iniquita' possano generarsi a carico dei diversi contribuenti.


Ricordiamo incidentalmente che quella legge prevedeva che, ricorrendo certe condizioni di incremento dei valori immobiliari nelle diverse microzone del proprio territorio,  il Comune potesse decidere facoltativamente di autorizzare l'Agenzia del territorio ( alias Catasto ) a procedere alla revisione generale catastale.

A parte la discrezionalita' del procedimento ( solo 17 Comuni in Italia han fatto ricorso alla procedura e Roma stava accingendosi a farlo quando e'  intervenuta la prospettiva della riforma catastale.... ) , l'arbitrarieta' della soglia di incremento dei valori legittimante la scelta comunale, l'impossibilita' di applicare la norma nei comuni con un'unica microzona, rivalutazioni di rendite recentissimamente attribuite o gia' aggiornate ; ragioni tutte che gia' giustificherebbero  un giudizio piu' che negativo sulla legittimita' dell'operazione.

Ma quel che si vuol rilevare e' il fatto che, a Milano per esempio, quando si e' arrivati alla fase conclusiva di tutto il procedimento, dovendo lo stesso sfociare in un avviso di accertamento da notificarsi ai singoli interessati, l'Agenzia del territorio non ha proceduto a contestuali notificazioni, in modo che tutti gli interessati fossero parificati ai fini degli effetti giuridici ( in alcuni casi, addirittura, son state effettuate variazioni, con attribuzione di nuove rendite, senza le conseguenti necessarie notificazioni di accertamento ) .

Ma ha compiuto delle notifiche per tranches.

Ad alcuni ha notificato gli accertamenti entro il 31 dicembre del 2008, ad altri entro il 31 dicembre del 2009.

La cosa non e' affatto irrilevante: giacche' i primi han cominciato a pagare l'Ici maggiorata gia' dal 2009, mentre gli altri han cominciato a pagarla dal 2010 (  dovendosi far riferimento, ai fini impositivi, alle rendite notificate entro il 31 dicembre dell'anno prima).

E pensare che si si trattava di contribuenti che si trovavano nelle medesime condizioni di legge.

Ma i primi han dovuto anche pagare maggiori imposte in sede di successione, di donazione, di trasferimento dell'immobile ed ai fini Irpef gia' da un anno prima.

Poi sono arrivati i coefficienti moltiplicatori delle rendite, introdotti dal Governo Monti per far pagare i titolari di rendite remote e non congrue, attribuite nel 1939 e nell'immediato secondo Dopoguerra; e ovviamente ( ma non troppo! ) si son dovuti applicare alle nuove rendite ex revisione per microzone, attribuite l'altro ieri.

Con questi esempi sotto gli occhi, come si fa a fidarsi delle promesse di verifica dell'invarianza del gettito e di abbassamento delle aliquote ?

Che dire in conclusione ?

- Che se questo e' il funzionamento del procedimento catastale, non c'e' da stare allegri pensando che la riforma dovra' esser attuata nei confronti di  60 milioni di immobili e nel corso degli anni funzionera' meglio dove ci saranno uffici e comuni piu' efficienti.

I primi contribuenti che arriveranno al pettine ne faranno le spese: e saranno stritolati.

Ma poi, con gli effetti della riforma dilazionati negli anni per "tranches", come e quando si potra' mai fare la verifica della invarianza del gettito ai fini della riduzione delle aliquote ?

- E che soprattutto il meccanismo di difesa del contribuente, davanti alla macchina ed all'apparato pubblico, in questa materia presenta aspetti da "processo kafkiano".

Ma su questo aspetto rimandiamo ad un prossimo appuntamento. »


--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter, e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della Conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.
Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.