CorrieredelWeb.it Arredo&Design Arte&Cultura Cinema&Teatro Eco-Sostenibilità Editoria Fiere&Sagre Formazione&Lavoro Fotografia


IltuoComunicatoStampa ICTechnology Marketing&Comunicazione MilanoNotizie Mostre Musica Normativa TuttoDonna Salute Turismo




Ultime news da e su Milano

Cerca nel blog

venerdì 23 aprile 2010

4 parchi su due ruote, mobilita' sostenible integrata nell'area metropolitana




DAI PARCHI DEL NORD MILANO
UNA PROPOSTA CONCRETA PER COSTRUIRE UN SISTEMA DI MOBILITA'
SOSTENIBILE INTEGRATO NELL'AREA METROPOLITANA

Presentati i risultati e le prospettive di sviluppo del progetto "4 Parchi su due ruote"

Scarica da questo link i materiali, le mappe e il video del progetto


"4 parchi su due ruote" è un innovativo progetto finanziato dalla Fondazione Cariplo che ha permesso di elaborare uno studio di fattibilità e di avviare la progettazione preliminare di un sistema di mobilità sostenibile verso e tra i Parchi del Nord Milano, integrato al sistema di trasporto pubblico locale (rete metropolitana, ferroviaria e metro-tranviaria). Il progetto è stato promosso e sviluppato dal punto di vista tecnico dal Parco Nord Milano (capofila), il Parco Balossa, il Parco Media Valle del Lambro e il Parco Grugnotorto-Villoresi - le quattro grandi aree verdi del Nord Milano che hanno un'estensione complessiva di 1.845 ha. - con il supporto di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo che, oltre a ispirare l'idea progettuale, si è occupata degli aspetti legati alla governance e al coordinamento tra gli attori coinvolti.

"4 parchi su due ruote" ha individuato i primi 5 itinerari ciclopedonali percorribili che già permettono di collegare tra loro i quattro grandi Parchi e nove Comuni dell'area: i sette del Nord Milano (Bresso, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano, Sesto San Giovanni) più Brugherio e Novate Milanese. Cinque itinerari con una lunghezza complessiva di 39 Km, di cui 36 esistenti, che con pochi e mirati interventi da parte delle amministrazioni comunali (tra cui la progettazione dei 3 km mancati) e un'adeguata segnaletica e promozione possono dar vita a una rete di mobilità sostenibile integrata nell'area Nord Milano, un territorio di 72 km² di estensione con una popolazione di circa 370.000 abitanti.

L'obiettivo di fondo dei Parchi del Nord Milano è quello d'incentivare concretamente l'uso della bicicletta, riducendo l'uso dell'automobile, non solo per accedere alle aree verdi nel tempo libero ma anche per spostarsi tra i vari Comuni del territorio e raggiungere il posto di lavoro, i servizi sociali e culturali, la rete di trasporto pubblico locale. Nel progetto i Parchi hanno anche ipotizzato la collocazione di 8 nuove bicistazioni nel Nord Milano (da aggiungersi alle due già esistenti ubicate alla stazione FS di Sesto San Giovanni e a Cinisello Balsamo) e l'attivazione di nuovi servizi locali di bikesharing integrati.

Oltre alla concretezza e fattibilità delle proposte, un altro importante valore aggiunto del progetto è stato l'avvio di un percorso di collaborazione tra i Parchi e di confronto tra queste realtà sovracomunali con le amministrazioni locali interessate all'implementazione delle aree protette e alla promozione della mobilità sostenibile nell'area metropolitana milanese: Comuni del territorio, Comune di Milano, Provincie di Milano e di Monza e Brianza, Regione Lombardia. In quest'ottica, Milano Metropoli sta lavorando con alcuni Comuni milanesi e altri enti sovralocali per avviare nuovi progetti e iniziative focalizzate all'implementazione delle aree verdi protette anche attraverso un miglioramento dei collegamenti tra le diverse realtà.

Il progetto "4 parchi su due ruote" ha già individuato come future aree strategiche d'intervento la connessione ciclopedonale del Nord Milano con:
- il Comune di Milano, attraverso i progetti milanesi "Greenway"(che collegherà il centro città con la zona Expo entro il 2015) e "Raggi verdi" (che raggiungeranno i parchi Nord Milano e Media Valle del Lambro);
- il Parco di Monza e la Brianza, attraverso il Parco Media Valle del Lambro;
- l'antico borgo di Castellazzo di Bollate e i boschi del Parco delle Groane, attraverso il Parco della Balossa;
- il Canale Villoresi, attraverso il Parco Grugnotorto-Villoresi.

RISULTATI DEL PROGETTO "4 PARCHI SU DUE RUOTE"
- Individuazione delle molte potenzialità e delle poche criticità dell'attuale rete di piste ciclabili esistente nel Nord Milano.
- 5 itinerari ciclabili che con limitate opere di messa in sicurezza e con una segnaletica specifica, permettono di connettere tra loro i 4 grandi Parchi e 9 Comuni dell'area.
- Progetti preliminari di intervento per risolvere le criticità riscontrate negli itinerari proposti.
- Ipotesi di localizzazione di un sistema integrato di bikesharing a partire dalle bicistazioni progettate e quelle già attive, sulla base della mappatura dei principali nodi di interscambio del sistema di trasporto pubblico ferro-metro-tranviario. Questa prospettiva è interessante perché permetterebbe di impiegare tale sistema ciclopedonale non solo durante il tempo libero ma anche nei tragitti casa-lavoro.
- Avvio di un percorso di confronto tra i Parchi del Nord Milano e le istituzioni locali (Comuni del Nord Milano, Comune di Milano, Provincie di Milano e di Monza e Brianza e Regione Lombardia) sui possibili interventi da fare per creare una vera rete di mobilità sostenibile integrata a livello metropolitano, a partire proprio della valorizzazione delle reti ciclabili e delle aree verdi protette.

Alcuni numeri del progetto
- 4 Parchi coinvolti (1.845 ha complessivi).
- 9 Comuni del Nord Milano coinvolti (un territorio di più di 72 km² per circa 370.000 abitanti).
- 5 itinerari di collegamento tra i Parchi, per un totale di  39 km, di cui 36 km esistenti e 3 km da progettare.
- 400.000,00€ il costo degli interventi per la realizzazione dei tratti mancanti e la messa in sicurezza degli attraversamenti.
- 10 bicistazioni ipotizzate sul territorio del Nord Milano, di cui 2 esistenti (stazione FS di Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo).

I primi 5 itinerari cicIabili definiti
- Itinerario arancio (Parco Media Valle del Lambro): 8.160 m totali tutti realizzati.
- Itinerario rosso (anello Parco Nord Milano): 10.713 m totali di cui 10.213 realizzati e 500 mancanti.
- Itinerario viola Parco della Balossa): 5.086 m totali di cui 4.585 realizzati e 501 mancanti.
- Itinerario azzurro (Parco Grugnotorto-Villoresi Ovest): 8.904 m totali di cui 7.724 realizzati e 1.180 mancanti
- Itinerario giallo (Parco Grugnotorto-Villoresi Est): 6.333 m totali di cui 5.429 realizzati e 910 mancanti (ma già finanziati).

Obiettivi strategici individuati
- L'opportunità di avviare la costituzione di un Sistema Integrato delle Aree verdi Protette del Nord Milano, un percorso di condivisione di risorse economiche, competenze e progetti di sviluppo tra i quattro Parchi del Nord Milano focalizzato al miglioramento della qualità della vita e alla riqualificazione territoriale dell'area.
- L'utilità di rafforzare la collaborazione con il Comune di Milano per integrare la rete di piste ciclopedonali del Nord Milano con quelle milanesi - in particolare con gli itinerari previsti dai progetti milanesi "Raggi verdi" e "Greenway" che collegherà il centro città con la zona Expo entro il 2015 - e con la Provincia di Monza e Brianza, per collegare il territorio con il Parco di Monza e la Brianza.
- L'opportunità di aprire un confronto permanente con le amministrazioni locali (Comuni, Provincia di Milano, Regione Lombardia) e altri operatori territoriali per sviluppare un sistema di mobilità sostenibile integrata nell'area metropolitana milanese a partire della valorizzazione delle aree protette.

Ufficio stampa
Pilar Sinusia: Comunicazione Istituzionale -Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo
sinusia@milanomet.it, Tel. 02 24126580:
www.milanomet.it

Tomaso Colombo: Parco Nord Milano, Tel.02-241016202 ,  www.parconord.milano.it, www.connaturazioni.ning.com

1 commento:

Disclaimer

Protected by Copyscape


Il CorrieredelWeb.it è un periodico telematico nato sul finire dell’Anno Duemila su iniziativa di Andrea Pietrarota, sociologo della comunicazione, public reporter e giornalista pubblicista, insignito dell’onorificenza del titolo di Cavaliere al merito della Repubblica Italiana.

Il magazine non ha fini di lucro e i contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali Industrie dell'Editoria o dell'Intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Società dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che così divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete.

Da qui l’ambizione ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.

Il CorrieredelWeb.it oggi è un allegato della Testata Registrata AlternativaSostenibile.it iscritta al n. 1088 del Registro della Stampa del Tribunale di Lecce il 15/04/2011 (Direttore Responsabile: Andrea Pietrarota).

Tuttavia, non avendo una periodicità predefinita non è da considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07/03/2001.

L’autore non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone, ma si riserva la facoltà di rimuovere prontamente contenuti protetti da copyright o ritenuti offensivi, lesivi o contrari al buon costume.

Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive.

Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio.

Eventuali detentori di diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvederà all'immediata rimozione oppure alla citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.

Per contattare la redazione basta scrivere un messaggio nell'apposito modulo di contatto, posizionato in fondo a questa pagina.

Modulo di contatto

Nome

Email *

Messaggio *