Cerca nel blog

venerdì 13 dicembre 2013

Fondazione Politecnico Milano - Concorso “Tra pubblico e privato. Nuove forme del vivere, del lavorare, dell’abitare”. - Premiazione - « Citta' Ecologica, Citta' Etica » Assoedilizia

Premiati alla Fondazione Politecnico di Milano i giovani vincitori del concorso

PUBBLICO E PRIVATO PER RECUPERARE UN'AREA INDUSTRIALE DISMESSA


Interventi del Presidente Giampio Bracchi e dell'Architetto Stefano Boeri.

Gli apprezzamenti del Presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici

 

A Paderno Dugnano, in provincia di Milano l'area industriale dismessa Mhs Riboldi-Toscanini, conosciuta come area Breter, in posizione centrale per il quartiere Calderara del comune lombardo, è stata al centro di un concorso aperto a giovani architetti e urbanisti – due le fasce d'età, fino a 29 e fino a 40 anni - lanciato da Mhs spa, con il patrocinio di Tec, la Scuola di Formazione del Gruppo Bosch in Italia e il supporto della Fondazione Politecnico di Milano.


Il titolo del concorso "Tra pubblico e privato. Nuove forme del vivere, del lavorare, dell'abitare". Dieci i finalisti che sono stati chiamati ad illustrare i rispettivi progetti tra i quali la Giuria ha proclamato i primi tre classificati della categoria, annunciando anche il nome del vincitore della categoria futuri professionisti: Abitare, camminare, lavorare; Una nuova urbanità rurale per Calderara; In+Out; Al riparo del (Quadrato); Citylife 2.0; Una nuova centralità per Calderara; Nuovo centro Mhs a Paderno Dugnano; reFabbrica. Abitare intimità estroverse; The urban canyon; Come sopravvivere alla crisi.


Tra gli altri premi, due corsi di formazione (in project management e self marketing) organizzati da Tec, scuola di Formazione del Gruppo Bosch in Italia.

L'area Breter, di proprietà di Mhs si sviluppa su una superficie di 12mila metri quadri e va riqualificata sia come spazio, sia come contesto urbano.

Le proposte progettuali sono state articolate tanto dal punto di vista economico, quanto da quello finanziario, prevedendo spazi pubblici e privati, spazi destinati alle abitazioni e nuovi ambienti di lavoro.

La cronaca della giornata ha visto gli interventi di Giampio Bracchi, Presidente e di Eugenio Gatti, Direttore generale della Fondazione Politecnico; di Francesca Cognetti del Politecnico; di Gerhard Dambach, Amministratore delegato Robert Bosch Italia; di Roberto Padovani, Amministratore delegato di Mhs Italia.


Il Presidente di Assoedilizia
- Property owners' Association Milan Italy-  Achille Colombo Clerici ha apprezzato le modalità e le finalità dell'iniziativa, lodando « l'intento di perseguire l'ideale della citta' ecologica, come citta' etica ».


Nell'illustrare la collaborazione della Fondazione Politecnico alla nuova iniziativa a favore dei giovani professionisti, il Presidente Bracchi ha ricordato l'istituzion che presiede.

Creata dal Politecnico di Milano e da importanti Fondatori nel 2003, la Fondazione Politecnico è nata come motore per lo sviluppo del contesto socio-economico, perseguendo scopi e svolgendo attività strumentali alla missione dell'Ateneo.  

La Fondazione rinnova lo spirito dell'originaria Fondazione Politecnica Italiana, nata nel 1926 per iniziativa di Giacinto Motta, illustre professore e uno tra i primi a intuire i bisogni, gli scopi e le funzioni dell'Ateneo milanese.
Da inizio 2013 la Fondazione ha preso in gestione - con il contributo del Comune di Milano - PoliHub, Startup District&Incubator del Politecnico di Milano.

PoliHub offre: un programma di empowerment imprenditoriale; un network unico per le startup; spazi appositamente pensati per le startup; servizi innovativi per le startup.

PoliHub nasce dall'esperienza pluriennale dell'Acceleratore d'Impresa, creato nel 2000 grazie al contributo di importanti strutture pubbliche e private, tra le quali il Comune di Milano, da sempre attento a sostenere i giovani e lo sviluppo tecnologico.

Di particolare interesse la lecture "Sei idee per una metropoli della biodiversità. Sei stati di transizione tra città, natura e agricoltura. Sei energie per un nuovo modello di abitare".

Milano, come ogni grande città del mondo, è oggi davanti ad un bivio. Può continuare a crescere divorando suolo agricolo, boschi e porzioni di natura, riducendo di continuo la biodiversità vegetale e i territori a disposizione di altre specie animali. Oppure può scegliere di diventare una Metropoli della biodiversità, a partire da un nuovo patto tra natura, città e agricoltura.

Biomilano illustra sei idee per una metropoli della biodiversità, sei stati di transizione tra città, natura e agricoltura per un nuovo modello di economia urbana: sei progetti nati in diversi ambiti e contesti, dallo studio di progettazione, al laboratorio di ricerca multiplicity.lab, da incarichi privati a ricerche e tesi universitarie.

Orto Botanico Planetario per EXPO 2015 produrrà cibo per una società cosmopolita; Metrobosco svilupperà intorno a Milano una fascia di riforestazione destinata a ospitare le specie animali non domestiche; Bosco Verticale affida a uno schermo vegetale il compito di assorbire le polveri sottili e creare un adeguato microclima; Casa Bosco realizzerà case di edilizia sociale a bassa densità e a basso costo sfruttando l'intera filiera del legno; Ruralità Urbana bonificherà suoli industriali e infrastrutture obsolete per nuovi insediamenti e aree di verde pubblico; Cascine recupererà 60 cascine comunali abbandonate che circondano Milano per trasformarle verso un'agricoltura variegata che produca beni e ospiti esperienze di ricerca, formazione e lavoro.

 
Foto: Achille Colombo Clerici con Giampio Bracchi

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI