Cerca nel blog

sabato 10 settembre 2011

Milano: a “TINA” il 1° premio dello smart urban stage

Soluzione per l'inquinamento urbano

Milano: a"TINA" il primo premio dello smart urban stage

 

La 'caldaia che non inquina' frutto di una collaborazione pubblico-privato

che vede insieme AREA Science Park e Ministero dell'Ambiente

 

Dopo aver toccato le principali città d'Europa in poco più di un anno, smart urban stage (www.smart-urban-stage.com), tour europeo che ha già accolto oltre 100 progetti creativi ed eco-sostenibili per la vita urbana, tocca Milano, dove è visitabile da 9 al 21 settembre 2011 al Parcheggio Pagano. "Il Futuro della Città"" secondo smart sarà delineato attraverso una mostra-concorso di dieci progetti visionari e sostenibili, scelti da cinque eccellenze italiane nell'ambito del design, dell'architettura, dei media e delle scienze.

 

Nel corso dell'inaugurazione, tenuta di ieri sera, sono stati consegnati gli smart future minds awards ai tre progetti più innovativi tra i dieci in concorso. Primo classificato è risultato "TINA – La caldaia che non inquina", l'innovativa pompa di calore ad alta temperatura collaudata con successo a Pordenone e ora in fase di industrializzazione. Al suo inventore, Gianfranco Pellegrini 10.000 euro e la possibilità, insieme agli altri vincitori di ogni tappa del road show europeo, di accedere alla fase finale, in programma a Francoforte il 13 settembre 2011.

 

Promuovere l'uso delle energie rinnovabili e l'efficienza energetica: un obiettivo strategico europeo e un'azione necessaria per la competitività e la qualità della vita nelle nostre città. Circa il 30% dei consumi di energia fossile deriva dal riscaldamento e dal condizionamento degli edifici. In città, le emissioni di CO2 sono un problema ciclico e dannoso, per risolvere il quale l'ingegnere Gianfranco Pellegrini e Innovation Factory - l'incubatore di AREA Science Park - hanno dato vita ad un'innovazione radicale, brevettata, con un prototipo da 100kw, realizzato da Rhoss SpA. Si tratta di TINA, una pompa di calore ad alta temperatura acqua-acqua, in grado di sostituire, senza ristrutturazioni, le caldaie centralizzate e di funzionare con impianti a termosifone.

 

TINA produce energia rinnovabile per almeno il 70%, con ricadute molto positive sul versante ecologico: zero emissioni in loco, drastica riduzione dell'inquinamento nelle città. Per questo TINA può trasformare il volto dei centri urbani, dando luogo anche a sistemi di tele-riscaldamento (TLR) distribuito che riscaldino le abitazioni. Questo TLR rinnovabile sarà costituito da semplici tubi in PVC. Una rivoluzione del concetto corrente di reti di TLR: dagli attuali macroimpianti che riscaldano l'acqua in un punto solo, per poi trasportarla ai singoli terminali, a una rete di generatori di calore distribuiti nei singoli edifici. TINA sarà sul mercato nel 2013. Il prototipo raggiunge oggi un COP3.

 

TINA – La caldaia che non inquina è uno dei progetti di punta di Enerplan, il piano strategico di AREA e del Ministero dell'Ambiente per la produzione e l'uso efficiente dell'energia.

 


Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI