Cerca nel blog

venerdì 16 novembre 2012

Fwd: Bookcity Milano «Le Vie Di Milano dalla A alla Z» di Claudio Buzzi, Edizioni Hoepli - Presentazione - Assoedilizia, Colombo Clerici ***



       A s s o e d i l i z i a



"Le vie di Milano dalla A alla Z" di Claudio Buzzi e Vittore Buzzi a Bookcity Milano.

LA STORIA DI UNA GRANDE CITTA' ATTRAVERSO I NOMI DELLE SUE VIE   

E' una delle guide alla toponomastica più intelligenti d'Italia: "Le vie di Milano dalla A alla Z" di Claudio Buzzi e Vittore Buzzi (Hoepli Editore, pagg. 422, 39 euro) presentata alla Libreria Hoepli in occasione di Bookcity Milano: una manifestazione di tre giorni che coinvolge, con 350 eventi,  i più noti luoghi della città, a cominciare dal Castello Sforzesco ma anche scuole, biblioteche (Braidense, Sormani e le rionali), le librerie, locali pubblici, lo stadio, il Pac, il Museo del Risorgimento, Palazzo Reale, Milano è coperta di libri.

"Le vie di Milano" – alla presentazione l'autore Claudio Buzzi ( ritratto nella foto con il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici, compagno al Liceo Zaccaria )  il fotografo e storico della fotografia Cesare Colombo, lo scrittore Luca Doninelli, l'attrice Carla Chiarelli, moderatore Alberto Saibene -  non si limita a far conoscere l'origine delle strade, ma è un libro che si presta a diverse letture: sociale, economica, culturale e di costume.  

Attraverso le biografie di uomini illustri e meno noti è ripercorsa la storia della città, dall'Impero Romano all'epoca di Sant'Ambrogio, dal Comune medievale al dominio degli Sforza e dei Visconti, fino alla Milano illuminista che sfocia nel Risorgimento con il glorioso episodio delle Cinque Giornate.

E ancora si ritrovano uomini ed eventi della città ottocentesca, che diventa grande attraverso l'industria e le professioni e conosce la stagione del socialismo riformista, dei grandi benefattori e dell'operosa tradizione della diocesi ambrosiana, fino ad arrivare al Novecento con le due grandi guerre e agli avvenimenti della storia più recente.

L'opera si addentra nel tessuto minuto della città descrivendo le chiese, i teatri, i palazzi, i giardini, ma anche le cascine e i campi al limitare del territorio urbano; consente inoltre di seguire la vicenda urbanistica di Milano nel suo estendersi per cerchie successive, con l'accorpamento di vecchi borghi, fino all'esplosione novecentesca con le periferie sorte nel dopoguerra.

Questa nuova edizione è illustrata da una ricca scelta di immagini del Gruppo 66 che ritraggono una Milano inedita degli anni '60 e '70. 

Le immagini tratte dal volume saranno esposte presso la Libreria Hoepli fino al 1° dicembre 2012 all'interno della mostra Milano per le vie a cura di Ernesto Fantozzi.  
Claudio Buzzi, nato a Milano nel 1941,
appassionato di toponomastica, ha ripreso il libro del padre, aggiornandolo con oltre 700 nuove vie e rielaborandone il contenuto con una sensibilità più vicina al lettore di oggi.

Nel 2011 ha pubblicato Milano ricorda la Grande Guerra nei monumenti e nei nomi delle vie.
E' nipote di Vittore Frigerio, fondatore e direttore per ben 45 anni fino al 1957 del Corriere del Ticino, il più importante quotidiano svizzero in lingua italiana (Frigerio verrà prossimamente ricordato con un evento a Lugano).

Vittore Buzzi (Milano, 1894-1985) fu un grande industriale che nel 1941 si ritirò nella sua villa di Cernobbio, dedicandosi a opere di beneficenza e iniziando i suoi studi sulla toponomastica milanese, i cui risultati furono raccolti nel volume « Lo sapevi che…? Quello che un milanese deve sapere »  (1973), tuttora nucleo fondamentale della presente edizione.

Nel 1967 donò buona parte del suo patrimonio all'Ospedale dei Bambini di Milano, che porta il suo nome.  

Nella foto: Achille Colombo Clerici con Claudio Buzzi

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI