Cerca nel blog

domenica 31 agosto 2014

Trasporti, "LOMBARDIA 2020, LA MOBILITÀ DEL DOMANI" - Dibattito a Milano presso la Festa dell'Unita'- Mirabelli, Lupi

Dibattito:

VENERDÌ 5 SETTEMBRE 2014 ore 19.30

Presso la FESTA DELL'UNITÀ Carroponte (Via Granelli 1, Sesto San Giovanni - Milano) piazza della Condivisione

Dibattito:


LOMBARDIA 2020, LA MOBILITÀ DEL DOMANI

Partecipano:


Maurizio Lupi, Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti,

Pierfrancesco Maran, Assessore alla Mobilità e Trasporti del Comune di Milano

Franco Mirabelli, Senatore PD

moderatrice: Sara Monaci, giornalista Il Sole 24 Ore


Foto:

- Maurizio Lupi foto d'archivio

- Franco Mirabelli foto d'archivio




--
Redazione del CorrieredelWeb.it

venerdì 29 agosto 2014

Doner Music presenta BEAT BOX, la scatola trasparente del suono all'EXPO GATE di Milano dal 1 al 21 settembre!





Milano è la capitale italiana della produzione e distribuzione musicale.
Gran parte della musica italiana che ascoltiamo ogni giorno sui nostri lettori, in radio o in televisione è prodotta, distribuita o diffusa da studi, etichette, aziende, emittenti con base a Milano, le quali costituiscono un tessuto di produzione industriale e artigianale di elevata qualità in grado di competere su scenari internazionali, sulle orme di ciò che accade in settori come la moda o il design.

Per dar conto di questa realtà e dei processi di creazione musicale, Doner Music, la label del dj e produttore Big Fish, presenta a Expo Gate Beat Box, una scatola musicale dei nostri giorni che, come quelle di una volta, svela le sue meccaniche e produce musica sotto i nostri occhi.

Dal 1 al 21 settembre verrà creato all'interno dello Spazio Garibaldi di Expo Gate in Piazza Castello a Milano un vero e proprio studio di registrazione e di produzione musicale in cui Big Fish e una lunga lista di artisti e produttori ospiti da lui chiamati a collaborare lavoreranno sotto gli occhi di tutti producendo musica e offrendola in tempo reale al pubblico.

Dalle 17 alle 19 si terranno incontri di orientamento e formazione su invito o aperti a tutti:
·      colloqui di tutorship, nei quali musicisti e produttori interessati incontreranno Big Fish e i suoi ospiti per ricevere opinioni e consigli;
·      workshop e dimostrazioni delle tecnologie e delle piattaforme più avanzate nel campo della produzione, diffusione e organizzazione musicale: Easygig (piattaforma per il live booking), Roland (presentazione sintetizzatori serie Aira), Midi Music (utilizzo dei software e hardware di produzione musicale Native Instruments), Made In Etaly (piattaforma di distribuzione digitale), Apple Logic Pro e Ableton Live (Digital Audio Workstations)
·      incontri di presentazione dei corsi delle più importanti scuole milanesi di musica: Centro Professione Musica (con la presenza straordinaria del fondatore Franco Mussida), IED (Corso di Sound Design) e SAE Institute (Corsi .

Dalle 19 alle 20 un'ora di dj set quotidiana: alla console si alterneranno nelle diverse giornate i dj di Doner Music e alcuni tra gli artisti più promettenti della musica elettronica made in Italy.

Dalle 20 alle 22 Beat Box diventa una temporary street radio che trasmetterà in diretta streaming su Spreaker da Expo Gate con la conduzione di Big Fish, interviste agli artisti ospiti e performance live.

Tra gli artisti ospiti di Beat Box Radio saranno presenti: Emis Killa, Syria, Don Joe (Club Dogo), Rocco Hunt, Ghemon, Dargen D'Amico, Entics, Mixup, Santiago e altri ancora in attesa di conferma.

Dulcis in fundo, il lunedì e il giovedì dalle 21 alle 22 Beat Box Radio lascerà spazio a Casa Bertallot, il programma autoprodotto di Alessio Bertallot che sta rivoluzionando il modo di fare e concepire la radio.


Tutte le iniziative saranno visibili anche in videostreaming sul canale Youtube di Doner Music.

In occasione dell'inizio di Beat Box, la mattina del 1 settembre lo Spazio Garibaldi vedrà un intervento pittorico-installativo di Bros, al secolo Daniele Nicolosi, noto writer e artista milanese. Il risultato sarà una scatola bianca illuminata da luci UV, il cui bagliore verrà interrotto da segni neri lontani da una cultura ordinata e codificata. L'opera rimarrà visibile fino al 21 settembre.

Il calendario dettagliato delle iniziative è disponibile all'indirizzo http://www.donermusic.it/expogate, da cui sono attivi i player di Youtube per il videostreaming e di Spreaker per il programma radio.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it

mercoledì 27 agosto 2014

Al via la selezione del MEF per le demo più interessanti che ridisegneranno il futuro delle reti a GEN14


Il Metro Ethernet Forum invita a proporre dimostrazioni per lo showcase sul futuro delle reti al Global Ethernet Networking 2014 


Milano, 27 agosto 2014 - Il Metro Ethernet Forum (MEF) annuncia che il centro dell'attenzione dell'area espositiva del Global Ethernet Networking 2014 (GEN14) sarà una dimostrazione delle opportunità che la tecnologia offre per il futuro delle reti, e invita tutti i partecipanti all'evento a inviare entro il 5 settembre una proposta di dimostrazione - o proof of concept - dell'impatto della convergenza tra CarrierEthernet 2.0, Software Defined Networks, virtualizzazione e tecnologie ottiche sul cloud, sui dati e sui servizi mobili.

Il MEF suggerisce un approccio di squadra a service provider e network solution provider, per esplorare fino in fondo le potenzialità della tecnologia in termini di innovazione, e anche perché la selezione - che verrà annunciata durante il mese di settembre - sarà limitata solo alle proposte più interessanti. Tutte le informazioni per la "call for proposal" sono disponibili sul sito dell'evento:
http://www.gen14.com .

"Lo showcase sul futuro delle reti sarà particolarmente interessante per tutti i partecipanti a GEN14, perché consentirà a ciascuno di essi di valutare in anticipo l'impatto delle innovazioni che hanno la potenzialità di ridisegnare lo scenario delle tecnologie e dei servizi di rete", afferma Nan Chen, President del MEF. "Tra le altre cose, ci aspettiamo che le dimostrazioni portino alla luce quella trasformazione dell'industria che consentirà agli operatori di fornire servizi a valore aggiunto più personalizzati e sicuri, orchestrati su reti ancora più automatizzate rispetto a oggi".

L'evento General Ethernet Networking 2014, organizzato dal Metro Ethernet Forum, si terrà dal 17 al 20 novembre 2014 al Gaylord National di Washington.

Il Metro Ethernet Forum (MEF) è un consorzio globale di imprese a cui appartengono circa 120 aziende, tra cui fornitori di servizi di telecomunicazione, produttori di apparati e software di rete, produttori di semiconduttori e fornitori di servizi di test, che ha la missione di accelerare l'adozione su scala mondiale di reti e servizi Carrier Ethernet. Il MEF sviluppa le specifiche tecniche e gli accordi di implementazione per promuovere l'interoperabilità e lo sviluppo di Carrier Ethernet a livello mondiale. Per maggiori informazioni sul Forum, tra cui una lista completa di tutti i membri, è disponibile il sito del MEF all'indirizzo
http://www.metroethernetforum.org



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


martedì 26 agosto 2014

Milano, 14 settembre: Domenica delle Donne. Benessere, cultura e spettacoli.


14 settembre 2014 
Milano, Giardini Indro Montanelli


Domenica delle Donne: 
un'intera giornata dedicata alle famiglie con spettacoli, giochi, cultura e benessere.


Organizzata da Fondazione Donna a Milano Onlus con il Comune di Milano.


Tra le proposte, anche la Tavola Rotonda sul tema "benessere e qualità della vita in città"


           È fissato per domenica 14 settembre l'appuntamento ormai consueto di fine estate per tutte le famiglie milanesi: ai Giardini Indro Montanelli (MM Palestro e Porta Venezia) si tiene dalle ore 10 alle 19 la Domenica delle Donne, una giornata di festa, a ingresso libero, dedicata al benessere, alla cultura, alla musica e ai giochi per i bambini.

Giunta all'ottava edizione, la Domenica delle Donne è organizzata, in collaborazione con il Comune di Milano, da Fondazione Donna a Milano, Onlus impegnata da anni in attività volte a migliorare la condizione femminile, con particolare attenzione alla salute e all'integrazione socio-culturale.
           L'evento è l'occasione, oltre che informare sulle attività della Fondazione, per sensibilizzare i cittadini sui corretti stili di vita, sul benessere psico-fisico, sull'attenzione alla salute, sulla prevenzione sanitaria e in generale il ruolo della donna in ambito familiare e sociale.

Il programma completo della giornata è disponibile sui siti domenicadelledonne.it, fdmonlus.it e aragorn.it

In particolare alle ore 11.30 presso il palco centrale della manifestazione si terrà una Tavola Rotonda sul tema "Benessere e qualità della vita a Milano", che si concentrerà in particolare sulla condizione delle donne, mamme e non.

Per l'intera giornata, all'interno dei Giardini, saranno allestiti corner e organizzati incontri per l'interesse di tutti.

Ci sarà spazio per la salute, grazie alla presenza di diversi enti e associazioni, come l'Associazione Italiana Donne Medico e il Centro Antiviolenza Cerchi d'Acqua e la Lega Italiana Lotta ai Tumori. Sarà presente anche La Casa dei Diritti, struttura del Comune di Milano che ospita servizi e sportelli destinati alla difesa dei diritti e allo loro tutela contro ogni discriminazione.

Chiunque lo desideri potrà avere consigli sulla prevenzione delle diverse patologie femminili, indicazioni sulla corretta alimentazione, check up gratuiti su problematiche quali il colesterolo, l'udito e la pressione sanguigna.

Altri spazi saranno dedicati al benessere, con dimostrazioni di discipline olistiche dedicate in particolare all'universo femminile, come lezioni di yoga e di tecniche di rilassamento e respirazione, massaggi shiatsu, consigli di make-up e di tatuaggi con henné.

Ci sarà uno spazio dedicato ai bambini che ospiterà concerti, spettacoli di danza e teatro, arti circensi, corsi di cake design, spettacoli di magia, letture animate, trucca bimbi, un laboratorio di panificazione (a cura dei Maestri dell'Associazione Panificatori Milanesi) e uno spazio natura con didattica culturale sulla falconeria.

All'ingresso dei Giardini saranno distribuite le welcome bag contenenti numerosi prodotti di tipo estetico e alimentare, adatti a donne e bambini.


La Fondazione Donna a Milano Onlus viene istituita nell'aprile del 2005 per volontà della prof.ssa Maria Rita Gismondo e grazie al prezioso contributo di un gruppo di persone che, come lei, credono nella valorizzazione del ruolo della donna come motore primo di informazione, innovazione e di gestione della salute all'interno della famiglia e nella società.

La Fondazione è impegnata in attività di utilità sociale allo scopo di favorire lo sviluppo e il miglioramento della condizione femminile, con particolare attenzione ai temi della salute e dell'integrazione socio-culturale.
Nelle numerose iniziative organizzate annualmente della Fondazione, i volontari insieme a personale specializzato, proveniente da istituzioni e associazioni, e a sponsor offrono ascolto e informazioni sui diversi temi socio-culturali legati alla prevenzione sanitaria e aiutano le donne in difficoltà. www.fdmonlus.it


Uno speciale ringraziamento al main sponsor Boario per il contributo alla realizzazione della Domenica delle Donne e a Fondazione Cariplo. Si ringraziano inoltre Alter Ego Italy, Deborah, DHL Supply Chain, Dietor, Dietorelle, Dulcis, Eco Shopper, Guam, Modì, Ocean Spray, Pixartprinting, Pompadour, Vis, Weleda, Zuegg.



--
Redazione del CorrieredelWeb.it


venerdì 22 agosto 2014

Leonardo da Vinci, Luoghi Leonardiani Milano e Lombardia - "Leonardo testimonial della cultura lombarda" di Achille Colombo Clerici pubblicato sul "Corriere della Sera" del 21 agosto 2014


Leonardo testimonial della cultura lombarda


ITINERARIO LEONARDIANO PER EXPO 2015




"Leonardo testimonial dell cultura lombarda


L' immagine più nota nel mondo del nostro Paese è legata a Leonardo da Vinci, figlio di Ser Pietro, seguita a  distanza da quella di Julius Caesar: il  genio batte il condottiero.

E' il risultato della ricerca effettuata da IEA Istituto Europa Asia. Questi, esemplificativamente, alcuni indici di attrattivita', relativi alle voci che sono emerse nella ricerca IEA.

I nomi di Paesi e personaggi vengono riportati secondo la dizione più diffusa nel mondo: France 11- Leonardo da Vinci  9 - Spain  5,5 - Switzerland  5,5 - Napoleon  4,7 - Italy  4,6 - Mona Lisa  4,5

E' su questa straordinaria figura che dovrà essere imperniato il rilancio
dell'immagine dell'Italia nella prossima "vetrina" mondiale  di Expo.  Con positive ricadute per quanto riguarda, sia i nostri prodotti nel mondo, sia l'"appeal turistico".


Leonardo pittore, ingegnere, scienziato, architetto, scultore, disegnatore, trattatista, scenografo, anatomista, musicista, è l'Uomo Universale; perché in lui si integrano il mistero e il fascino dell'inventore e del progettista,nonche' la fantasia dell'artista; elevati a  vette sublimi, uniche nella storia dell'umanità.


Nella promozione dell'Italia attraverso Leonardo, Milano è la città  che può fare di più, perché è la città di Leonardo, dove il Genio dell'umanita' ha vissuto e operato per ben 18 anni; molto più che nel luogo di nascita, Firenze, o nella stessa Francia dove è morto. Quindi proprio a Milano dovrebbe sorgere un centro per mettere in rete  e promuovere tutte le iniziative che riguardano il tema Leonardo.


Assoedilizia ha riunito l'Associazione Amici di Milano, Asages-Associazione archivi gentilizi e storici, la Societa' Storica Lombarda e l'Associazione Dimore Storiche della Lombardia. Costituendo un "comitato di patronage" a sostegno di iniziative leonardesche: tra queste la rassegna dedicata a Leonardo  che l'Archivio di Stato-Ministero per i Beni Culturali, direttrice e vicedirettrice vicaria Paola Caroli e Alba Osimo, organizzerà il prossimo anno, in occasione dei sei mesi di Expo. Gioiello della mostra il contratto per la realizzazione della celebre Vergine delle Rocce, che Leonardo firmò il 25 aprile 1483 davanti al notaio assieme ai committenti, i fratelli Evangelista e Giovanni Ambrogio De Predis. Nel documento sono minuziosamente descritti tempi e modalità di esecuzione dell'opera, compresi i colori e le vesti dei personaggi.

Ed è in questo eccezionale documento che emerge l'unicità: la firma Leonardo da Vinci, appunto, la sola al mondo – a quanto risulta – in cui l'autore della Gioconda (conosciuta all'estero come Monna Lisa) indica se stesso in modo ufficiale davanti alla legge. In un altro caso, anche questa unica testimonianza, la firma è "magistro fiorentino",  conservata nella Pinacoteca Ambrosiana di Milano, assieme al Codice e ad altra eccezionale documentazione.

Proprio l'Ambrosiana, che del Genio da Vinci conserva il Codice ed altra eccezionale documentazione, ha arricchito Milano con un'opera straordinaria, segno del pensiero creativo di Daniel Libeskind, "Leonardo Icon", in piazza Pio XI, recentemente pedonalizzata. Uno snodo fisico importante della storia di Milano, perché da un lato conserva la traccia della città romana, essendo posta proprio all'incrocio tra gli antichi cardo e decumano che attraversavano la Milano antica; e perché, costituisce l'accesso a quella che è una delle 'case' di Leonardo, insieme al Castello Sforzesco.

Ambrosiana e Archivio di Stato, assieme al Castello, ai Navigli,agli Orti di corso Magenta con il Cenacolo, sono punti obbligati milanesi dell'"Itinerario Leonardiano" che il comitato di patrocinatori coordinato da Assoedilizia propone per Expo.  E, in Lombardia, indica fra le altre mete le Limonaie di Gargnano, sul lago di Garda;  la "Ghiacciaia" di Montorfano, borgo del Comasco sulle rive del lago omonimo. Ghiaccio e limoni, assieme all'acqua, ai tempi di Leonardo, erano fondamentali fattori per assicurare una certa qualita' della vita permettendo un minimo di igiene, di prevenzione e di sollievo in caso di bisogno di cure; e Milano, gia' allora all'avanguardia in Europa quanto a scienza medica, ne era ricca.
In questo quadro, altra meta proposta da Assoedilizia, la " Cascina Fiamberta" alla Certosa di Pavia, che domina come uno degli ultimi esempi di campagna storica milanese sulle acque del Naviglio.

Un patrimonio pubblico e privato che è doveroso far conoscere ai milioni di turisti che giungeranno nella nostra Citta' per Expo e che rappresenterà uno stimolo ulteriore ad apprezzare Milano e la Lombardia che coniugano l'ineguagliabile civiltà con la modernità e la proiezione verso il futuro.



Achille Colombo Clerici

presidente di Assoedilizia e di IEA-Istituto Europa Asia."


Foto: Achille Colombo Clerici con il vice prefetto della Biblioteca Ambrosiana Mons. Pierfrancesco Fumagalli. Alle loro spalle il monumento di Libeskind






--
Redazione del CorrieredelWeb.it

domenica 17 agosto 2014

A Milano il cognome più diffuso è Rossi ma è incalzato da Hu. Dopo Hu (4.132), restano i Colombo, i Ferrari, i Bianchi e i Russo


I Rossi resistono in testa alla classifica dei cognomi più diffusi, secondo i dati diffusi dall'anagrafe, a Milano. In tutto sono 4.281. Come negli anni scorsi, il secondo posto spetta agli Hu (4.132). Terzi, quarti, quinti e sesti restano i Colombo (3.586), i Ferrari (3.485), i Bianchi (2.688) e i Russo (2.380). Uniche differenze rispetto al 2013 riguardano i Villa (1.842) che passano dal settimo all'ottavo posto, scambiandosi con Chen (1.944), e i Barbieri che scendono in 19ma posizione (1.216), lasciando la 17esima ai Wang (1.234). Al decimo posto i Brambilla (1.491). Sempre secondo i dati dell'anagrafe, in tutto a Milano ci sono 718.674 nuclei familiari. I single in città sono più del doppio delle coppie (379.035 i primi, 164.435 le seconde). Mister Hu, sottolinea Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", ha quasi raggiunto la cima della classifica, scalzando prima i Colombo, poi i Ferrari, quindi i Bianchi e infine anche i Russo. Il sorpasso, ormai, è solo questione di tempo: una manciata d'anni, forse meno. Ma di sicuro se va avanti così, con buona pace della Lega che puntualmente soffia contro la presenza degli stranieri in Italia, il cognome più diffuso non sarà più com'è oggi quello di un italiano ma appunto quello di Hu proveniente dalla Cina.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it


sabato 16 agosto 2014

Comune di Monza, Murales e Graffiti selvaggi o vandalici - Assoedilizia

Colombo Clerici sul bando del Comune di Monza per iniziative giovanili di arredo e decoro urbano

PER I GRAFFITISTI 390.000 EURO; PER I PROPRIETARI DI CASA ZERO

La stampa ha recentemente ripreso la notizia che il Comune di Monza nei mesi scorsi ha emesso un bando con un importo di 390.000 euro per coinvolgere i giovani nella progettazione e negli usi degli spazi pubblici urbani attraverso la street art, network sale studio, arte e musica, creazione di nuovi spazi giovanili, promozione della città in vista di Expo 2015.

Una parte consistente degli stanziamenti va a giovani graffitisti che avranno a disposizione muri pubblici – dai sottopassi stradali a facciate di edifici – per esprimere la loro arte.

Commenta il presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici:

"Coinvolgere i giovani per rendere più gradevole e vivibile la propria città è senz'altro cosa lodevole. Ma sono  perplesso sull'approccio pro graffiti. Sul campo, Assoedilizia ha probabilmente l'esperienza più antica d'Italia avendo studiato, proposto,  attuato una serie di iniziative tese a contenere il fenomeno dell'imbrattamento selvaggio dei muri, che resta il problema piu' grave in questo settore.

Per citare, a Milano  decenni or sono, ai tempi gia' della giunta Formentini, proponemmo, e ottenemmo, la disponibilità di una cinquantina di muri pubblici per consentire ai graffitisti di dipingere, risparmiando le abitazioni private. E poi una piu' che decennale collaborazione con le giunte Albertini e Moratti, in iniziative di carattere social-culturale.

I risultati si sono visti.
L' imbrattamento di Milano si è continuamente aggravato. Il problema non è costituito dagli artisiti del "graffito", che  rispettano le norme del vivere civile, ma da chi queste norme le vuole infrangere.
Per questi vandali l'unica azione efficace è impedire che godano delle loro malefatte, cancellando subito gli sgorbi. Azione che dovrebbe essere svolta da strutture pubbliche con i costi a carico della collettivita'.

Ma questo talvolta non è possibile. L'onere pubblico ricade quindi sui singoli proprietari dei palazzi cittadini.
Bene sarebbe perciò che il Comune di Monza predisponesse anche  incentivi economici a favore dei privati per la ripulitura dei muri invasi dai graffiti vandalici,  se vuole davvero che la città si presenti con il volto pulito all'appuntamento di EXPO, di cui la Villa Reale diventerà sede di rappresentanza".


Foto: Achille Colombo Clerici, con l'allora assessore Vittorio Sgarbi, in un sopralluogo ai "graffiti vandalici" di Milano.




--
Redazione del CorrieredelWeb.it

giovedì 14 agosto 2014

Il futuro dell'edilizia italiana passa dal legno


Renzi: "Il futuro dell'edilizia italiana passa dal legno"

"Il legno sarà una parte importante nel futuro dell'edilizia italiana", ha dichiarato il premier Matteo Renzi in occasione della visita-sopralluogo ai cantieri di Expo 2015, che vedono un larghissimo uso della materia prima legno grazie alle sue caratteristiche ecologiche e prestazionali.
Parole, quelle pronunciate dal primo ministro, che confermano il grande lavoro svolto da FederlegnoArredo nel sensibilizzare le istituzioni nei confronti di un'edilizia attenta all'ambiente e alla sicurezza dei cittadini.
"L'affermazione di Renzi è l'ennesima dimostrazione che quando si hanno proposte credibili le istituzioni sono pronte ad accoglierle e ad appoggiarle - spiega Roberto Snaidero, presidente di FederlegnoArredo - la Federazione e le imprese associate hanno infatti lavorato intensamente per diffondere e far conoscere a tutti i livelli le eccezionali qualità delle costruzioni in legno".
"Sono certo che Expo 2015 rappresenterà il trampolino di lancio di un sistema costruttivo che permetterà al nostro Paese di fare un salto di qualità nell'edilizia ponendoci addirittura ai vertici mondiali grazie anche alle caratteristiche uniche degli imprenditori e delle aziende italiane", ha aggiunto Emanuele Orsini, presidente di Assolegno.

Milano, 14 agosto 2014





--
Redazione del CorrieredelWeb.it

mercoledì 13 agosto 2014

Il CdA di Salini Impregilo approva la proposta di autorizzazione all’acquisto e all’alienazione di azioni proprie

Secondo quanto si legge in un comunicato stampa di Salini Impregilo, il Consiglio di Amministrazione ha approvato ieri la proposta di autorizzazione all’acquisto e all’alienazione di azioni proprie da sottoporre all’Assemblea ordinaria dei soci.

Milano, 12 agosto 2014. Il Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A., riunitosi in data odierna, ha esaminato e approvato la proposta di autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie - ai sensi degli articoli 2357 e 2357-ter del codice civile, dell’articolo 132 del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dell’articolo 144-bis del Regolamento Emittenti adottato da Consob con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999, come successivamente modificato (“Regolamento Emittenti”) - alla luce delle motivazioni, secondo le modalità e nei termini di seguito illustrati.
**************************
Motivazioni della richiesta di autorizzazione
La richiesta di autorizzazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie è finalizzata a dotare la Società di uno strumento di largo uso nelle società quotate, per cogliere opportunità di investimento per ogni finalità consentita dalle vigenti disposizioni, ivi incluse le finalità contemplate nelle “prassi di mercato” ammesse dalla Consob ai sensi dell’art. 180, comma 1, lett. c), del TUF con delibera n. 16839 del 19 marzo 2009 e nel Regolamento CE n. 2273/2003 del 22 dicembre 2003.
I principali obiettivi che il Consiglio di Amministrazione intende perseguire mediante le operazioni per le quali si propone di concedere l’autorizzazione sono i seguenti:
(a)   operare sul mercato, nel rispetto delle disposizioni di legge e regolamentari vigenti e tramite intermediari, a sostegno della liquidità del titolo e a fini di stabilizzazione del corso dello stesso, in presenza di eventuali oscillazioni delle quotazioni che riflettano andamenti anomali, anche legati a un eccesso di volatilità o a una scarsa liquidità degli scambi e/o a collocamenti sul mercato di azioni da parte di azionisti aventi l’effetto di incidere sul suo corso e/o, più in generale, a contingenti situazioni di mercato;
(b)   acquistare azioni proprie in un’ottica di investimento a medio e lungo termine ovvero comunque cogliere opportunità di mercato anche attraverso l’acquisto e la rivendita delle azioni ogniqualvolta sia opportuno sia sul mercato sia (per quel che riguarda l’alienazione) nei c.d. mercati over the counter o anche al di fuori del mercato purché a condizioni di mercato;
(c)   dotarsi di un portafoglio di azioni proprie di cui poter disporre nel contesto di eventuali operazioni di finanza straordinaria e/o di incentivazione e/o per altri impieghi ritenuti di interesse finanziario, gestionale, e/o strategico per la Società.
Le operazioni di acquisto non sono strumentali alla riduzione del capitale sociale mediante annullamento delle azioni proprie acquistate.
Numero Massimo e categoria di azioni proprie acquistabili
Alla data della presente relazione il capitale sociale sottoscritto e interamente versato della Società è rappresentato da n. 493.788.182 azioni, prive di valore nominale, di cui n. 492.172.691 azioni ordinarie e n. 1.615.491 azioni di risparmio, rappresentative di un capitale sociale complessivo pari ad euro 544.740.000,00.
L’autorizzazione proposta ha ad oggetto il conferimento al Consiglio di Amministrazione della facoltà di acquistare azioni ordinarie della Società, in una o più volte, in misura liberamente determinabile dal Consiglio di Amministrazione, sino a un numero massimo di azioni ordinarie proprie, tale da non eccedere il 10% del numero complessivo delle azioni in circolazione al momento dell’operazione (ovvero, se inferiore, sino al limite massimo di tempo in tempo previsto dalla normativa di legge e regolamentare), avuto anche riguardo alle azioni ordinarie proprie eventualmente possedute dalla Società stessa a tale data sia direttamente, sia indirettamente, tramite sue società controllate. Il tutto nel rispetto delle disposizioni di legge e regolamentari vigenti alla data dell’operazione.
La Società non detiene attualmente azioni proprie.
Periodo di validità dell’autorizzazione assembleare
L’autorizzazione all’acquisto delle azioni proprie è richiesta per il termine massimo consentito dalla normativa di legge e regolamentare applicabile, attualmente pari a 18 mesi, ai sensi dell’articolo 2357, comma 3, del codice civile, con la facoltà del Consiglio stesso di procedere alle operazioni autorizzate in una o più volte e in ogni momento, in misura e tempi liberamente determinati nel rispetto delle norme applicabili, con la gradualità ritenuta opportuna nell’interesse della Società.
L’autorizzazione alla disposizione delle azioni proprie viene richiesta senza limiti temporali.
Indicazione del prezzo minimo e massimo
La Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione all’Assemblea, di cui all’art. 73 del Regolamento Emittenti, indicherà i criteri di determinazione del prezzo di acquisto delle azioni proprie.


Modalità per l’effettuazione degli acquisti
Il Consiglio di Amministrazione propone che l’autorizzazione sia concessa per l’effettuazione di acquisti di azioni proprie secondo qualsivoglia delle modalità consentite dalla normativa vigente (anche per il tramite di società controllate), da individuarsi, di volta in volta, a discrezione del Consiglio stesso.
Per quanto concerne le operazioni di disposizione, il Consiglio di Amministrazione propone che l’autorizzazione consenta l’adozione di qualunque modalità risulti opportuna per corrispondere alle finalità perseguite – ivi incluso l’utilizzo delle azioni proprie al servizio di piani di incentivazione azionaria e/o della cessione di diritti reali e/o personali e/o prestito titoli – da eseguirsi sia direttamente che per il tramite di intermediari, nel rispetto delle disposizioni di legge e regolamentari vigenti in materia, sia nazionali che comunitarie.
**************************
L’avviso di convocazione dell’Assemblea Ordinaria della Società e la relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione all’Assemblea, di cui all’art. 73 del Regolamento Emittenti, saranno messi a disposizione del pubblico con le tempistiche previste dalla normativa vigente.

venerdì 8 agosto 2014

Salini Impregilo: gli analisti hanno promosso conti superiori a stime!

Gli analisti hanno promosso conti del Gruppo Salini Impregilo del primo semestre che hanno superato le stime di consensus.

Goldman Sachs in un report ai clienti ha confermato il giudizio Buy sul titolo con un target price a 4,57 euro sottolineando in particolare il miglioramento del risultato operativo e il robusto flusso di nuovi ordini nel segmento costruzioni a 2,9 miliardi: "Questi elementi significano che il gruppo è in linea per raggiungere le previsioni per il 2014".

 Anche Intermonte ha messo in risalto il portafoglio ordini di Salini Impregilo grazie al processo di crescita all' estero (il business in Italia conta circa per il 20% sul totale).

Secondo Intermonte (giudizio sul titolo Buy e target price a 4,8 euro) Salini Impregilo è prossima a centrare i target di lungo termine di ricavi a 7 miliardi e ebit al 7% dei ricavi.

Secondo gli analisti di Mediobanca il gruppo raggiungerà i target 2014 con ricavi a 4,3 miliardi e 224 milioni di utile operativo dopo la semestrale con risultati superiori alle stime. Giudizio analogo anche per Kepler Cheuvreux, "ricavi e ebit superiori alle stime".

Gli analisti di Natixis rilevano l' accelerazione dei ricavi di Salini Impregilo nel secondo trimestre e confermano il giudizio operativo Buy e un target price a 4,2 euro. Anche Banca Imi rileva che i risultati sono stati superiori alle stime e sono in linea con i target per l' intero esercizio.

(Fonte TMNews)

Dal 10 Agosto: Arte in campo a Milano | Contemporary art in a field in Milan

A4A quantomais
Ordo Coelestis
Installazione audiovisiva
di Massimiliano Viel (audio)
e Fabio Volpi a.k.a. dies_ (visuals)
> "quantomais", campo provvisorio
> Expo Gate Milano, Spazio Sforza
> presentazione e inaugurazione:
> 10 Agosto 2014, h 18 fino a mezzanotte
> 11-24 Agosto, h 10-20

L'installazione audiovisiva "Ordo Coelestis" (videoproiezione su 8 schermi, audio su 8 canali) inaugura il programma di arte contemporanea Z.E.A. nell'ambito delle attività ed eventi di "quantomais". L'apparizione dello sciame meteorico libera le stelle in un'esplosione di luce; la loro posizione e luminosità diventano elementi sonori come in un planetario da ascoltare.
In collaborazione con Michele Porcu e Mary Zurigo.
Ordo Coelestis
Audio-visual installation
by Massimiliano Viel (audio)
and Fabio Volpi a.k.a. dies_ (visuals)
> "quantomais", a pop-up field
> Expo Gate Milano, Spazio Sforza
> presentation and inauguration:
> 10th August, from 6 pm to midnight
> 11-24 August, h 10 am - 8 pm

The "Ordo Coelestis" audio-visual installation (video projections on 8 screens with 8 audio channels) inaugurates the Z.E.A. programme of contemporary art which is part of the "quantomais" events and happenings. The appearance of the meteoric swarm frees the stars in an explosion of light; their position and luminosity are translated in sound in a sort of a sounding planetary.
In collaboration with Michele Porcu and Mary Zurigo.
A4A arc

martedì 5 agosto 2014

Citylyfe: alla scoperta della Milano eco-sostenibile

Tra i grandi progetti di riqualificazione urbana in Italia si segnala Citylige a Milano, un'area dove sorgeranno spazi e ambienti di forte attrattiva per il turismo ma anche aree residenziali, centri di business e di shopping.

Tra le iniziative più interessanti è prevista anche la costruzione di un nuovo asilo che sarà edificato sempre nell'ex area fieristica di Milano all'interno del grande parco pubblico situato accanto a piazzale Arduino, con un concept innovativo basato sul benessere dei più piccoli e sul loro rapporto con l'ambiente. La struttura sarà interamente realizzata in legno, seguendo criteri di sostenibilità e innovazione nell'uso dei materiali e delle tecnologie connesse agli impianti.

Al nuovo asilo, che si chiamerà Baby-life, hanno partecipato progettisti del calibro di Ettore Bergamasco e Andrea Starr-Stabile e un nucleo di professionisti nell'ambito della psicologa infantile e nella sociologia che influenzeranno le scelte architettoniche all'insegna di una maggiore funzionalità e comfort.

Le casette in legno, la cui richiesta è in crescita anche nei giardini dei privati con tanti modelli e proposte innovative come quelle di Gardena House andranno a scorporare lo spazio definendo una serie di aree funzionali che renderanno il progetto altamente funzionale. 

I prospetti semplici sono subito riconducibili nell'immaginario del bambino alla classica sagoma della casa. Questa scelta consente la modularità degli spazi e una maggiore flessibilità, in favore delle future esigenze funzionali e di progettazione educativa, orientando la progettazione verso una certificazione Leed di livello Platinum.

Tutte le strutture si affacceranno su un ampio atrio centrale, con una visione suggestiva per stimolare la fantasia del bambino e garantire standard di vita superiori, con una particolare attenzione all'ambiente e alle risorse.

I criteri con cui saranno disposte le casette in legno seguono le regole della bioclimatica, come orientamento, luce naturale ed esposizione prendendo l'energia fornita dal teleriscaldamento e utilizzando pannelli radianti e fotovoltaici. Anche l'acqua piovana sarà riutilizzata mentre tutti i materiali costruttivi avranno una natura riciclabile.

La competizione che si era rivolta agli architetti under 35 ed era riservata ai vincitori delle scorse edizioni del concorso AAArchitetticercasi, ha visto trionfare lo studio milanese 02ARCH.

L'asilo ospiterà 72 bambini da 0 a 3 anni all'interno di un parco esterno protetto, di 3mila metri quadrati, nel quale potranno essere organizzate numerose attività all'aperto per coniugare gioco e movimento e avvicinare i bambini ai ritmi della natura.

Dove mangiare
GHEA Laboratorio Vegetariano Ristorante Vegetariano e Vegano
Tel: 02.58110980
Via Valenza, 5 20144 Milano
Dove dormire
HMS Milano Scala  Tel: +39 02 870961
Via dell'Orso, 7 - 20121 Milano

Regolamento Edilizio adottato dal Consiglio - Comune Milano - Osservazioni presentate da Assoedilizia dopo la pubblicazione del luglio 2014

Dichiarazione del presidente di Assoedilizia Achille Colombo Clerici:

« Il Comune di Milano ha pubblicato il Regolamento edilizio adottato dal Consiglio Comunale.

Entro il 7 agosto debbono essere presentate le osservazioni di rito e la nostra Associazione si appresta a depositare il relativo documento.

Ci sono tre o quattro punti sui quali siamo abbastanza critici.

A - L'obbligo del fascicolo del fabbricato, che serve solo a procurare spese a favore dei tecnici che lo redigeranno: un obbligo dichiarato piu' volte illegittimo dalla giurisprudenza amministrativa e costituzionale, e recentemente oggetto di una impugnativa alla Corte Costituzionale, da parte del Governo Renzi, della legge della Regione Puglia che lo ha di nuovo introdotto.

B - L'obbligo di collaudo statico degli edifici ogni 50 anni e comunque entro un quinquennio dall'entrata in vigore del regolamento, se aventi piu' di 50 anni di anzianita': con la sanzione, in caso di inadempienza, della inagibilita' dell'immobile e quindi della sua non commerciabilita'.
Una norma che, a parte gli evidenti problemi di attuabilita' se si vorranno fare dei collaudi a regola d'arte ed efficaci, comportera' ingenti e costose  operazioni tecniche.

Quando poi , nella storia della nostra citta' non si son mai verificati crolli di edifici, se non per esplosioni di gas o per lavori edilizi realizzati in cantieri viciniori.

Sul piano legislativo peraltro esiste gia' l'obbligo del collaudo (oltre che per le opere nuove) a seguito della realizzazione di importanti lavori di ristrutturazione.


C - L' obbligo di opere manutentive per la riqualificazione degli immobili, e la presunzione di disuso se si tratta di immobili inutilizzati per un certo periodo di anni con la sanzione del mutamento di destinazione a favore dell' uso pubblico.

D) la norma che liberalizza il parcheggio delle biciclette nei cortili privati, la quale viola i principi della libera disponibilita' dei beni anche ai fini della sicurezza. »


OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO EDILIZIO PRESENTATE DA ASSOEDILIZIA
Art. 11 commi 1-3-4-6-

Si introduce un generalizzato controllo sulle costruzioni da parte della Amministrazione.
Premessa l'enunciazione di un generico obbligo, in capo al proprietario, di mantenere le costruzioni in condizioni di agibilità, di decoro, di idoneità igienica e di sicurezza socio-ambientale, si prescrive l'attuazione dei "necessari interventi" sugli immobili che rilevino manchevolezze riferite all'ambito dell'obbligo nei termini sopra riportati.
Ma la constatazione della presenza di tali manchevolezze comporta un giudizio che viene lasciato alla discrezionalità della Amministrazione (comma 3) che può fare eseguire in ogni momento delle ispezioni, da personale tecnico del Comune o della A.S.L., o da altro personale qualificato, destinate ad accertare le condizioni delle costruzioni e determinare gli adeguamenti da prescrivere ai proprietari degli immobili.
E la individuazione discrezionale in capo alla Amministrazione suscita perplessità non tanto quando si tratti di valutare l'agibilità o la idoneità igienica di una costruzione ma quando si vada a interpretare i concetti di "decoro" e di "sicurezza socio-ambientale"
Va poi aggiunto che le valutazioni vengono affidate ai soggetti più vari, addirittura a soggetti esterni che vengono definiti solamente come "qualificati" e che avranno il potere di decidere sulle condizioni dei beni del privato e, conseguentemente sugli interventi che il privato sarà poi obbligato ad eseguire.
L'obbligo più gravoso per la proprietà edilizia viene introdotto dal comma 6 in materia di verifica della idoneità statica degli edifici costruiti da più di 50 anni, in particolare dell'obbligo della verifica e certificazione sugli immobili che non hanno certificato di collaudo dal momento che risulta che la maggior parte degli immobili così datati sono assolutamente privi di tale certificazione.
E ne sono privi in quanto la certificazione non é più rintracciabile; il che non significa che il collaudo non sia stato fatto. Anzi é pacifico che, per tutti casi per i quali la legge lo preveda, si tratti di opera nuova o di ristrutturazione, il collaudo sia stato fatto in quanto obbligatorio e, a questo punto,nessuna legge prevede che il collaudo debba essere ripetuto periodicamente. Non lo può imporre ora una norma regolamentare.
E' pacifico che un edificio costruito abusivamente possa non avere collaudato le strutture ma é impensabile che si debba andare a ricercare questa ipotetica fattispecie operando sulla totalità degli edifici.
La verifica delle strutture del costruito richiede, se attuata con un procedimento che possa essere considerato valido, opere non di certo semplici e, per di più, gravate da costi rilevanti in quanto, non potendo accedere alle strutture, l'operatore dovrà servirsi di tutti quei mezzi e apparecchiature tecnicamente attualmente disponibili che, in ogni caso, oltre a costi rilevanti, come detto sopra, comportano una valutazione personale di chi li usa.
Ci si deve chiedere anche, a questo punto, quale disponibilità possa avere un singolo professionista ad assumersi la responsabilità di un collaudo di un qualunque edificio datato di più di 50 anni di cui non conosce alcun elemento di progettazione.
E, in ogni caso, si dovrebbe riflettere, anche qui, sulla possibilità di interpretazioni diverse relative al medesimo caso e sul derivato diverso riconoscimento di un diritto di proprietà.
Ove non si riesca ad ottenere tale certificazione, infatti, per l'immobile in discussione viene revocata l'agibilità!
Qui si arriva addirittura a prevedere, in forza di una norma regolamentare, la revoca della agibilità di un edificio, attribuita con provvedimento dovuto in forza di una espressa norma di legge.
E con questa revoca si va a determinare l'incommerciabilità dell'immobile.
Si prescrive inoltre l'obbligo dei notai di allegare queste certificazioni di verifica statica agli atti di vendita. Un altro intervento sul diritto di proprietà, in particolare la creazione dell'obbligo di introduzione di un nuovo elemento in un atto pubblico che genera la titolarità di un diritto reale.


Art. 12

Anche qui un importante intervento della Amministrazione dispositivo della proprietà privata a titolo discrezionale senza un valido supporto legislativo di indirizzo.
Si impone ai proprietari e ai titolari di diritti sull'immobile, oltre l'ordinario obbligo, certamente previsto dalla legge, di provvedere alla custodia e alla manutenzione dei beni, anche quello di provvedere al loro decoro con la finalità di evitare fenomeni di degrado urbano e occupazioni abusive.
Anche qui si introduce il concetto generico di "decoro"che si presta
a interpretazioni di assoluta discrezionalità ed inoltre si va a gravare il proprietario di un compito che é proprio del potere pubblico, addirittura la prevenzione di un reato!.
Si dispone, inoltre, la sostituzione della Amministrazione nella gestione degli immobili del privato nel momento, addirittura presupposto in termini temporali, in cui si riscontri uno stato di abbandono e il proprietario diffidato non intervenga.
In questo caso l'Amministrazione si arroga il diritto di intervenire sulla proprietà privata decidendo autonomamente consistenza, tempi e modalità dell'intervento stesso e il diritto di recuperare coattivamente quanto speso dal proprietario del bene, proprietario che, forse, non é ancora intervenuto in quanto potrebbe non averne avuto la possibilità.
Si va a prescrivere che nel momento in cui, con ogni probabilità, il proprietario di un immobile non ha la disponibilità di un determinato capitale per eseguire degli interventi sul suo immobile interviene l'Amministrazione che esegue al suo posto quello che decide lei, salvo poi farglielo pagare coattivamente!
Va tenuto presente che l'Amministrazione qualora si tratti di obiettive situazioni di pericolo ha già, in ogni caso, i mezzi per intervenire.
Di grave portata poi la attribuzione alla Amministrazione del potere di imprimere una destinazione pubblica alle aree in cui non venissero eseguiti gli interventi intimati. Qui, nella sostanza si legittima, non con norma costituzionale, ma con regolamento edilizio comunale, un potere di esproprio di aree private.

Ed infine, (comma 7) si crea in capo alla Amministrazione il diritto di bloccare gli interventi nuovi presentati, per il normale iter di assentibilità, dai proprietari di altri beni ( diversi da quelli in questione ) relativamente ai quali l'Amministrazione ha accertato il disuso e ordinato gli interventi, condizionando i permessi di costruire alla presentazione di una proposta di intervento per gli stessi fabbricati in disuso.
Non solo ma la prescrizione é riferita al richiedente cui si aggiungono "altra società controllata, controllante, o collegata ex. art.2359 c.c."
Si legittima così (con norma di regolamento comunale) una imposizione al privato di un obbligo non previsto dalla legge come condizione di un provvedimento vincolato. E, quel che é peggio, l'imposizione é rivolta anche a soggetti diversi dal richiedente.
E' pacifico, a questo punto, lo sconfinamento nel campo dei contenuti del diritto di proprietà.


Articolo 47

Si introduce nella normativa regolamentare l'obbligo di tenuta del «fascicolo del fabbricato» dopo che la relativa disciplina è già ripetutamente passata al vaglio del Giudice amministrativo che l'ha ritenuta illegittima.
La sentenza del T.A.R. Lazio n. 1230/2006 ne ha ravvisato la irragionevolezza ritenendo illegittima la pretesa della Amministrazione che scarica sul privato gli oneri di acquisizione della conoscenza di infiniti elementi, alcuni importanti, altri meno, relativi all'immobile, conoscenza che, essendo per sua natura interdisciplinare comporta l'accesso a una mole di dati che, d'altra parte, sono già in possesso della Amministrazione, determinando così un irragionevole carico in capo al privato.
La sentenza, confermata in sede di appello dal Consiglio di Stato (sent. Sez. V n. 1305/2008) riprende i principi formulati dalla Corte Costituzionale nella sentenza n. 315/2003 che, decidendo sulla legittimità di una legge della Regione Campania che aveva istituito il registro dei fabbricati, ne dichiarava l'illegittimità costituzionale avendo rilevato che il pesante onere imposto ai proprietari non trovava rispondenza nella attuazione di un interesse pubblico di pari rilievo. E che, d'altra parte, era pacifico che la maggior parte dei dati richiesti fosse già in possesso della Amministrazione.

La previsione é particolarmente onerosa se applicata agli edifici esistenti oggetto di ristrutturazione edilizia e ampliamento dal momento che i dati richiesti, nella gran parte delle ipotesi, sono riferibili a tempi lontani e a immobili che potrebbero avere subito diversi passaggi di proprietà.
In particolare enormi difficoltà, si potrebbe dire addirittura impossibilità, si presenterebbe per il reperimento della documentazione relativa alla struttura quale copie di denunce dei cementi armati o delle strutture e collaudo statico.
Va inoltre segnalata la decisione presa dal Governo nella riunione del 10 luglio u.s. di impugnare avanti la Corte Costituzionale la legge della Regione Puglia n. 27 del 20 maggio 2014 che istituisce l'obbligo della tenuta di un registro per ogni fabbricato di nuova c ostruzione.
E' pacifica, a questo punto, la valutazione di illegittimità di tale imposizione, valutazione che proviene sia da parte politica che da parte giurisdizionale.


Art. 111 commi 6 e 7

L'obbligo di consentire il parcheggio delle biciclette nei cortili é l'espressione di una acquisizione, in capo alla Amministrazione, di un potere di disponibilità della proprietà privata che non trova rispondenza in alcuna norma di legge, in forza, addirittura, di una norma regolamentare.
E se per quanto riguarda le nuove costruzioni la prescrizione é stata formulata con delle limitazioni, per gli edifici esistenti é invece assolutamente libera e indeterminata. Si stabilisce, infatti, che nei cortili degli edifici esistenti deve essere consentito il parcheggio delle biciclette di chi abita o lavora negli edifici "da esso accessibili"vale a dire che chiunque, proprietario o occupante, a qualsiasi titolo, delle varie unità immobiliari o chiunque presti la propria attività lavorativa in tali unità immobiliari (quindi anche dipendenti o collaboratori di uffici, imprese o quant'altro) potrà pretendere di parcheggiare la propria bicicletta nei cortili.

Non può essere messo in dubbio che qui l'Amministrazione si sostituisca alla volontà del soggetto privato nella gestione del rapporto con altri soggetti privati istituendo l'obbligo di tollerare che un numero indeterminato e indeterminabile di persone, ma, quel che é peggio, un numero incontrollabile di soggetti possa pretendere di entrare nei cortili ovviamente possedendo le chiavi che ne consentano l'accesso senza che i proprietari siano in grado, sostanzialmente, di controllare, e non c'è dubbio in proposito, il titolo in forza del quale il singolo soggetto pretenda di accedere.
Nessuna norma di legge che si arrogasse il potere di mettere in pericolo la sicurezza di una proprietà privata potrebbe considerarsi legittima, tanto meno una norma regolamentare.


Foto: Achille Colombo Clerici pres. Assoedilizia con il vice Sindaco di Milano Assessore al territorio Ada Lucia De Cesaris

domenica 3 agosto 2014

Vittorio Sgarbi si ispirerà a Bramante per l'Expò di Milano

L'assessore alla rivoluzione di Urbino interviene con un messaggio alla lectio magistralis di Sebastian Fleming, all'interno delle Celebrazioni Bramantesche di Fermignano



URBINO- In occasione della lectio magistralis dello scrittore tedesco Klaus Rudiger Mai, vera identità dello scrittore Sebastian Fleming, tenutasi oggi a Palazzo Ducale di Urbino, dal titolo " La fame di mondo. Bramante architetto della vita", anche Vittorio Sgarbi ha voluto salutare il grande scrittore tedesco, autore del best-seller "la Cupola del Mondo".


<Celebrare Bramante a Urbino è ridare dignità alla ragione -si legge nel messaggio di Vittorio Sgarbi- riconoscendo la città ideale nella nostra città reale. Come scrive Giovanni Battista Vico, nella cui casa ora sono, "l'ordine delle idee deve procedere secondo l'origine delle cose". Dal libro "La Cupola del Mondo" vengono idee importanti per una "scienza nuova" dell'uomo. Sto lavorando ora all'Expo di Milano per illuminarlo, a contrasto con vani ed effimeri padiglioni, con la luce della ragione delle sublimi architetture di Bramante, le Grazie e Santa Maria vicino San Satiro. Da Urbino oggi parte un segnale per il mondo grazie alla passione di Sebastian Fleming, a lui il ringraziamento della città di Urbino nella sede più alta dello Stato, in Palazzo Ducale>.



Prima dell'intervento dell'assessore "alla rivoluzione" del comune di Urbino la lectio è stata introdotta dalla Soprintendente per i Beni Culturali delle Marche Maria Rosaria Valazzi che ha ricordato il valore del lavoro di Sebastian Fleming che restituisce al mondo un grande genio del Rinascimento, troppo spesso lasciato in secondo piano.



Giorgio Cancellieri, sindaco  di Fermignano, paese natale di Donato Bramante, ha invece sottolineato <il grande onore per il mio paese di poter accogliere in un simbolo del Rinascimento come il Palazzo Ducale di Urbino uno dei più grandi studiosi al mondo di Bramante. Anche l'evento che abbiamo realizzato ieri, con regia e interpretazione di Matteo Giardini e grafiche immersive della ditta Stark, rende il giusto onore alla grandezza del nostro concittadino Donato Bramante>.


--
Redazione del CorrieredelWeb.it


Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI