Cerca nel blog

venerdì 30 aprile 2010

MILANO, imballaggi in legno a convegno, 7 maggio 2010



QUARTO CONVEGNO NAZIONALE

DEGLI IMBALLAGGI di LEGNO


Xylexpo, Fiera Milano - Rho
Sala Sagittarius, Centro Congressi Stella Polare
venerdì 7 maggio 2010, dalle 14 alle 17,30


Per il quarto anno consecutivo Rilegno, in collaborazione con il Consorzio Servizi Legno Sughero, chiama a raccolta gli operatori del settore degli imballaggi in legno (pallet, cassette per la frutta, imballaggi industriali). Tema di quest'anno: "Ambiente e sicurezza per vendere?"


Ambiente, sicurezza, mercato: tre parole chiave al centro del quarto Convegno Nazionale del settore degli imballaggi in legno promosso da Rilegno, il consorzio nazionale che coordina e promuove raccolta, recupero e riciclaggio degli imballaggi in legno (pallet, cassette per la frutta, imballaggi industriali) e dal Consorzio Servizi Legno-Sughero. L'appuntamento è a Xylexpo alla Fiera di Milano Rho, venerdì 7 maggio, dalle 14 alle 17,30 Sala Sagittarius, Centro Congressi Stella Polare.

L'incontro rappresenta un importante momento di riflessione sull'andamento del settore, e già nelle scorse edizioni (a Verona, Milano e Roma) è risultato particolarmente apprezzato dai numerosi partecipanti, produttori di imballaggi in legno e operatori del settore logistica provenienti da tutta Italia.

Gli interventi in programma toccano diversi aspetti del comparso riconducibili alle tre parole chiave scelte, ambiente, mercato, sicurezza: si parlerà del trend del riciclo dei rifiuti di legno, dello studio del ciclo di vita (LCA) del sistema Epal svolto dal Politecnico di Milano, dei risultati di una ricerca sul trattamento termico ISPM 15 condotta da CNR e Università di Torino, del mercato nazionale e internazionale del legno per imballaggi, del marchio di qualità per gli imballaggi ortofrutticoli, della filiera degli imballaggi nelle regioni del Sud, dell'utilizzo di imballaggi industriali nei porti, di certificazione della portata con il modello PalOk.

Non mancherà infine la presentazione della rivista Imballaggi & Riciclo, nuovo organo di informazione per l'intero settore degli imballaggi in legno, e il primo Dossier dell'Imballaggio realizzato da Rilegno e Conlegno.

La partecipazione al convegno è gratuita, ma la prenotazione è obbligatoria (Rilegno, tel. 0547 672946)

Il convegno è organizzato in collaborazione con: Assoimballaggi, Federlegno-Arredo, Confartigianato Legno Arredo, CNA Unione Produzione Legno Arredo, UNITAL Unione Industrie Italiane Arredi Legno.



 4° CONVEGNO NAZIONALE DELL'IMBALLAGGIO DI LEGNO
PROGRAMMA




14,00  Registrazione dei partecipanti

14,15  Introduzione e saluti (Presidente Rilegno, Presidente Conlegno, Associazioni Nazionali di Categoria)


AMBIENTE


14.30  Il trend del riciclo: tendenze e prospettive

a cura di Rilegno


14,50  LCA del sistema EPAL: anteprima dei risultati

A cura di Giovanni Dotelli, Politecnico di Milano


15,10  Trattamento termico ISPM 15: risultati in anteprima della ricerca Ivalsa/CNR e Università di Torino

a cura del prof. Roberto Zanutini e dott. Corrado Cremonini (Università di Torino)



MERCATO


15,30  Il mercato nazionale e internazionale del legno per imballaggi: oggi e domani

a cura di Paolo Ninatti, presidente Assolegno e Roberto Tengg, Agrifor International


15,50 Imballaggi ortofrutticoli: un marchio di qualità per il settore

A cura di Luca De Nardo


16,10 La filiera dell'imballaggio nelle regioni del Sud

A cura di Paolo Gardino


SICUREZZA


16,30 Porti e imballaggi industriali

a cura di ius Sitris


16,50  La portata certificata: opinioni a confronto. I nuovi modelli di PalOk

a cura del CRIL


17,10  La nuova rivista Imballaggi & Riciclo e il Primo Dossier dell'Imballaggio

presentazione


17,20. Dibattito e conclusioni.


Modera il convegno Sebastiano Cerullo, rssponsabile Assoimballaggi




--
Redazione del CorrieredelWeb.it
www.CorrieredelWeb.it

La sostenibilità del turismo arriva nei ristoranti grazie all'accordo tra Legambiente e Gruppo Ethos






Quattro ristoranti della Lombardia abbracciano il marchio Ecolabel del Cigno Verde

Grani&Braci di Milano, Sanmauro, Acqua e Farina e Risoamaro: ecco dove si potrà mangiare rispettando l'ambiente

Cenare al ristorante in modo eco sostenibile e nel rispetto dell'ambiente. Da oggi a Milano e in Lombardia si può, grazie all'accordo siglato tra Legambiente e il Gruppo Ethos, di cui fanno parte alcuni locali milanesi e della Lombardia Grani&Braci, Sanmauro, Acqua e Farina e Risoamaro, che ottengono l'etichetta ecologica di Legambiente ed entrano nell'elenco per un turismo sostenibile. Durante la conferenza stampa di ieri mattina a cui hanno partecipato, Luigi Rambelli, Presidente Nazionale di Legambiente Turismo, Beppe Scotti, Presidente del Gruppo Ethos e Damiano Di Simine, presidente Legambiente Lombardia, i gestori dei ristoranti hanno firmato il decalogo ambientalista e si sono impegnati a realizzare diverse azioni di eco sostenibilità: dall'attenzione per la raccolta dei rifiuti al risparmio energetico, dall'alimentazione alla gastronomia, il tutto per migliorare le prestazioni ambientali della ristorazione.

Si diffonde sempre di più dunque il marchio Ecolabel di Legambiente Turismo che ad oggi conta ben 384 strutture ricettive a livello nazionale e 47 nelle province lombarde. Sono alberghi, ristoranti, agriturismi e bed & breakfast che, da soli o in gruppo, si sono distinti per la corretta gestione ambientale e per aver introdotto soluzioni innovative in diversi campi: nel risparmio delle risorse, nell'offerta del biologico e di menù locali, nella promozione del patrimonio culturale e naturale del territorio. In questa direzione si colloca anche la decisione del Gruppo Ethos di far partecipare i propri ristoranti alla Giornata Nazionale di Voler Bene all'Italia che si svolge in tutto il Paese domenica 9 Maggio.

Emerge dunque la forza del progetto di Legambiente Turismo, che punta a migliorare le località di soggiorno e la qualità dell'accoglienza attraverso la tutela e la conservazione delle risorse naturali e culturali, valorizzandole anche in quanto fattori di attrazione turistica. Parallelamente, si fa sempre più strada fra gli imprenditori turistici la presa d'atto che la tutela dell'ambiente non solo è un bene in sé, ma è conveniente per il futuro del turismo e delle aziende.

mercoledì 28 aprile 2010

Milano: rassegna "Nudo Artistico"



NUDO ARTISTICO
Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea
dal 27 aprile al 10 maggio 2010

Orario: da martedì a venerdì h.16-19; sabato h.10-12; chiuso lunedì e festivi

Ingresso libero
Galleria Il Borgo


Martedì 27 aprile la Galleria Il Borgo ha inaugurato un nuovo progetto artistico dedicato al genere del nudo, reinterpretato attraverso la sensibilità di nove artisti selezionati su tutto il territorio nazionale con una presenza dall'estero, rappresentata dall'arte di Veronica Segura Ramirez, audace e provocatoria.
L'esposizione, curata dal critico d'arte Sabrina Falzone, approfondisce il tema del nudo che ha sempre avuto una grande valenza nella storia dell'arte. La rappresentazione del corpo umano ha costituito il patrimonio dei più celebri artisti come Renoir, Michelangelo, Leonardo da Vinci, Tiziano e numerosi altri, per non parlare dei più noti maestri della fotografia da Helmut Newton a Robert Mapplethorpe. La rassegna proporrà pertanto nuove forme visive del nudo, un genere artistico in continua evoluzione.
Ne costituisce testimonianza non solo la pittura a spatola di Silvia Carrara che interpone realtà e fantasia ma anche  la ricerca figurativa dell'illustratore italiano Valerio Tizzi, che con l'impiego di olio, acrilico e smalto nell'opera "Danzando coi colori" riesce ad esprimere una nudità fluttuante e leggera su uno sfondo bidimensionale contrassegnato dalla calda monocromia; eppure in Tizzi il profilo estetico si coniuga amabilmente con l'aspetto introspettivo sulla tela "Solitudine in un candido limbo".
La nitidezza dei tratti somatici si ritrova nella purezza del segno tipica di Amelia Alba Argenziano, la quale esprime la perfezione dell'essere femminile e il suo candore, utilizzando magnificamente l'olio su supporto in masonite. Tuttavia, l'immagine diviene via via più frastagliata nella pittura materica di Mauro Lacqua con un metodo pittorico in grado di rivelare la carica erotica della donna, proiettando un'intensa luminosità sul corpo, emergente da uno scenario particolarmente caliginoso.
Una nota di folgorante pathos si manifesta nell'espressione artistica di Angelo Petrucci, che sperimenta il tema del nudo su ampi supporti, spesso caratterizzati da un formato insolito e da una stesura istintiva e primordiale che si evince anche nell'arte di Maria Luisa riLLa Saliu, la cui creatività recupera l'impeto delle correnti espressioniste dello scorso secolo per rielaborarle attraverso una nuova ricerca formale ed evoluzione segnica.
Originale si configura il segno di Fabio Cucchi, artista bresciano capace di conferire un'inaspettata enfasi gestuale alle figure femminili ritratte grazie al connubio tra bellezza e movimento. Il dinamismo cromatico di Fabio Modica, invece, propone una nuova visione del nudo in chiave odierna, rafforzato dal rivoluzionario studio di luci ed ombre esente dal tradizionale uso del bianco e nero.
L'Esposizione Internazionale d'Arte Contemporanea "Nudo Artistico" sarà allestita dal 27 aprile al 10 maggio 2010.

tratto dal testo critico di Sabrina Falzone
Critico e Storico dell'Arte
sabrinafalzone.info ufficio stampa <ufficiostampa@sabrinafalzone.info>


Galleria Il Borgo
c.so San Gottardo 14, Milano



martedì 27 aprile 2010

audioscan MILANO vola a Shangai per raccontare ai visitatori dell'EXPO 2010 qual è la voce segreta della città...

7-16 GIUGNO: audioscan MILANO vola a Shangai per raccontare ai visitatori dell'EXPO 2010 qual è la voce segreta della città...



audioscan MILANO
il suono della città

Un'operazione di incontro e scambio tra la musica e la tematica ambientalista:
50 ore di registrazione, 1580 strade e piazze, milioni di automezzi e di persone,
un'intera città suona, il rumore diventa musica.



Milano, dal 20 al 30 maggio 2010
Palazzo Reale, Palazzo del Ghiaccio

Shanghai, dal 6 al 17 giugno 2010
Musica ufficiale di Milano all'Expo Shanghai 2010


Installazione
audioscan Interactive Map
dal 20 al 30 maggio
lunedì, ore 14.30-19.30
martedì/mercoledì/venerdì/domenica, ore 9.30-19.30
giovedì e sabato, ore 9.30-22.30
Palazzo Reale, piazza Duomo 12
INGRESSO LIBERO

Concerto live electronics performance
audioscan MILANO 8am Surround
giovedì 27 maggio, ore 21.00
evento inaugurale di Audiovisiva 0.6
Palazzo del Ghiaccio, via Piranesi 14
INFORMAZIONI: agon@agonarsmagnetica.it


Produzione AGON, basemental, 2009/2010
Progetto di Giorgio Sancristoforo
Musiche di Giorgio Sancristoforo e Giuseppe Cordaro
Video di Quayola
Con il contributo di Fondazione Cariplo, Comune di Milano, Regione Lombardia.

www.audioscan.it


audioscan MILANO
il suono della città


audioscan è un progetto artistico ideato da Giorgio Sancristoforo, prodotto da AGON con la collaborazione di basemental. Il progetto ha trovato il sostegno della Fondazione Cariplo, Bando Creatività Giovanile, della Regione Lombardia e del Comune di Milano – Assessorato alla Cultura.

Consiste in un'installazione multimediale interattiva e in una performance live che unisce musica e video, entrambe basate sulla mappatura sonora di Milano.
1.580 registrazioni e rilevazioni fonometriche nelle vie e piazze all'interno del perimetro della circonvallazione esterna, costituiscono la base di audioscan, che si pone come un'occasione di riflessione sulle caratteristiche del suono che circonda le nostre vite e gli spazi in cui agiamo.

Un'operazione di incontro e scambio tra l'arte contemporanea, la musica e la tematica ambientalista, una meditazione sul paesaggio sonoro e sulla dimensione uditiva dell'esperienza umana, sia dal punto di vista estetico che sociale.

Un'ambiziosa opera di catalogazione e un progetto di sensibilizzazione ambientale attraverso la trasformazione di un prodotto di scarto della società tecnologica, il rumore, in un'opera d'arte.


"Un'arte che non serve a guarire, non è arte"
Alejandro Jodorowsky


Dopo la presentazione dell'installazione a Palazzo Reale (10-20 maggio 2010) e il concerto del 27 maggio, evento inaugurale di Audiovisiva 0.6 (Palazzo del Ghiaccio, ore 21.00), audioscan MILANO sarà a Shanghai a giugno, musica ufficiale dell'esposizione di Milano all'Expo Shanghai 2010.


audioscan MILANO l'installazione

L'installazione si presenta come un video comandato da un pannello touchscreen con due modalità di funzionamento:

a) mappa sonora: il suono di Milano
La mappa consente la navigazione, via per via, con la possibilità di ascoltare l'audio relativo e la visualizzazione dei dati di analisi (pressione sonora e sonogrammi)

b) strumento musicale: Milano trasformata
I rumori elaborati in loop musicali possono essere miscelati liberamente dallo spettatore.
Analogamente le immagini proiettate si trasformeranno da dati scientifici in evoluzioni grafiche che dialogano con i suoni.



audioscan MILANO la performance

La musica è stata interamente prodotta con i rumori trasformati della città. La performance musicale, realizzata, composta e suonata da Giorgio Sancristoforo e Giuseppe Cordaro, è accompagnata dalle immagini generate in tempo reale dal video-artista Quayola.



audioscan MILANO CD+libro

Il compact disc delle musiche è completato da un libro in cui grazie ai contributi di Vittoria Broggini (Curatrice del MAGA), Marco Fringuellino (Fisico Acustico dell'Istituto di Misurazioni di Torino), Simone Tosoni (Sociologo dell'Università Cattolica di Milano), sono approfondite alcune delle tematiche portanti del progetto da punti di vista inediti.



audioscan MILANO la produzione

Prima fase: mappatura, aprile-giugno 2009
Si è innanzitutto proceduto con la registrazione dei rumori e la misurazione dei livelli di pressione sonora con l'ausilio di attrezzature professionali in 1.580 vie e piazze della città, prelevando i campioni durante i giorni feriali e sempre alla stessa ora, le 8.00 di mattina, per ottenere risultati da condizioni il più possibile omogenee.

Seconda fase: produzione delle musiche e dei video, luglio 2009-gennaio 2010
Una volta catalogati e analizzati, i rumori sono stati pazientemente trasformati in strumenti musicali attraverso software creati ad hoc. Un'immensa opera di sound design durata sette mesi.
Con questi strumenti, Giorgio Sancristoforo e Giuseppe Cordaro hanno realizzato una suite di musica ambient. Il visual artist Quayola si è occupato contestualmente della produzione dei video.

Terza fase: realizzazione dell'installazione, primavera 2010
Realizzazione finale dell'installazione interattiva - con un contestuale approfondimento sull'opera e sui temi - produzione e prove della performance dal vivo.



audioscan MILANO
il suono della città

Prendiamo una città, Milano, e proviamo ad ascoltarla nella sua interezza.
Sono milioni di automezzi e macchinari in caotico movimento, è il ritmo della nostra attività sulla Terra. Per noi questo oceano di suoni indesiderati è per lo più solo rumore. Un paesaggio sonoro al di fuori del nostro controllo che facciamo fatica a sanare, ma di cui non si può fare a meno, perché è l'autocarro che trasporta il nostro cibo, è il tram che ci porta al lavoro, è il cantiere che costruisce le nostre case.
È il suono della contemporaneità.

Ma esattamente cos'è il rumore? E come possiamo definirlo? È un dato fisico o un punto di vista? È un concetto, un pregiudizio, un elemento fondamentale della vita?
Il rumore essenzialmente è un'entità ambigua che si instaura in una realtà che cambia a seconda del sistema di coordinate che utilizziamo per misurarla.

Nel Medioevo del canto gregoriano, per esempio, l'intervallo di quarta aumentata suonava così inusuale e fastidioso da essere ritenuto di natura maligna.
Se togliessimo la quarta aumentata dall'apertura di Maria di Leonard Bernstein gran parte della suspence, e quindi con essa la sua stessa bellezza, andrà persa.
Ciò che era rumore per i monaci, oggi è musica per i compositori. Si entra così nel rumore come concetto, come fenomeno culturale.

Quando mi è stata chiesta l'idea per un'opera sonora su Milano, mi sono trovato a confronto con la disarmante considerazione che se anche avessi collezionato ogni singolo suono della città, un tale sforzo non sarebbe servito a destare l'attenzione sul caos in cui viviamo. La ragione - un po' ironica se vogliamo - è che siamo talmente assuefatti al rumore ed è talmente radicato nel nostro linguaggio sia musicale che cinematografico, che non ci troveremmo nulla di strano o quanto meno interessante. In fondo il boato dell'industria si è fatto strada nel lessico musicale per oltre un secolo: dal futurismo a John Cage, da Bruno Maderna agli Einstürzende Neubaten, il rumore in musica è stato usato e legittimato in mille forme. Ci rappresenta, ma oggi la scusa dei nuovi suoni non si può più utilizzare.
In fin dei conti, il rumore in musica, secondo la teoria dell'informazione, non è più rumore. Dunque che cosa fare?

I suoni possono essere scolpiti. Possiamo usare il rumore come materia grezza di partenza. Il rumore è nessun suono e tutti i suoni al tempo stesso.
Come la luce bianca contiene tutti i colori, il rumore contiene suoni infiniti.
Invece di usare strumenti musicali abbiamo quindi sminuzzato e sgretolato il rumore in componenti finissimi e con questi abbiamo costruito orchestre di strade e aerei, di persone e automobili. Abbiamo creato musica da un prodotto di scarto della nostra società.

Tutto viene trasformato. Niente è pìù come prima. Gli aerei diventano microscopiche percussioni, le macchine sono mutate in pianoforti metallici e bassi gommosi, soffi cavernosi e illusioni aquatiche.
Le frenate e i tubi di scappamento sono maree di sottilissime di corde. Acciaio e asfalto danno vita ad anelli ritmici binari.

Abbiamo dato vita a un'operazione di profonda trasformazione, che ricorda da vicino i processi alchemici: in pratica l'alchimia del rumore tramutato in musica.
Nella nigredo abbiamo dissolto il grido della città, catturando con infinita pazienza ogni suo suono.
Nella rubedo abbiamo purificato quei rumori. Li abbiamo sublimati, filtrati in timbri con cui abbiamo architettato i nostri strumenti.
Nell'albedo abbiamo infine organizzato il suono in un'esperienza musicale. Un coacervo di rumori dà così vita a melodie fragili e impalpabili.

La città, ignara delle trasformazioni subite, perpetua intatta la sua ritmica e il suo umore. Ecco perché anche se irriconoscibili, quei suoni raccontano ancora Milano con i suoi momenti di caos e i respiri profondi, con le sue ritmiche sincopate e quel senso di costante avvolgimento di infinite mutazioni, che è proprio di un oceano.

Riascolto le musiche di Audioscan e mi accorgo di quanto siano malinconiche.
Milano è malinconica. Non triste. Quella malinconia calviniana che invade le strade al mattino, che si insinua come un gatto fra i portici e i vialoni, fra antichi palazzi e scempi post-bellici. Quella malinconia che smussa il freddo quando passeggio catturato dalla decadenza dell'Acquario Civico o siedo fra i prati della Basilica di San Lorenzo, mentre la città mi sfreccia accanto, in onde tidali di suono.


Giorgio Sancristoforo
Milano, Marzo 2010

audioscan MILANO i soggetti

AGON
AGON è un centro di ricerca e produzione musicale fondato a Milano nel 1990 e rappresenta un punto di riferimento nell'ambito della musica contemporanea e delle nuove tecnologie applicate alle performing arts, avendo realizzato oltre 300 produzioni fra concerti, installazioni multimediali, colonne sonore, festival e rassegne. AGON ha collaborato con le maggiori istituzioni in Italia e all'estero.
Dal 2009 AGON accoglie in residenza basemental per lo sviluppo di un cantiere creativo e la realizzazione di progetti sperimentali legati all'elettronica e al multimedia, con il contributo della Fondazione Cariplo.

basemental
basemental nasce nel 2003 come agenzia di organizzazione di progetti artistici e culturali multidisciplinari, nei quali la musica sperimentale occupa un ruolo predominante. Oggi con audioscan, basemental inaugura anche l'attività di produzione di eventi musicali, collaborando direttamente con artisti italiani e internazionali e con il management di diversi artisti internazionali affermati.

Giorgio Sancristoforo (a.k.a Tobor Experiment) - Direttore artistico
Giorgio Sancristoforo è sound designer e artista multimediale.
Insegna Sintesi Analogica, linguaggio MIDI e Max/MSP presso il SAE Technology College. Lavora come fonico e video editor per il broadcast televisivo, la produzione musicale e la pubblicità,
Nel 2007 pubblica per Isbn Edizioni TECH STUFF Manuale video di musica elettronica. Prodotto dal network sperimentale di MTV Italia Qoob, TECH STUFF racchiude in un libro più dvd, dieci documentari sulla tecnologia nella musica elettronica, un saggio di approfondimento tecnico/storico e un'intervista esclusiva al Maestro Karlheinz Stockhausen.
Noto ed apprezzato sul web come programmatore di software audio per la musica sperimentale, in qualità di sound designer ha, inoltre lavorato ad importanti installazioni come BIT-SCAPES (per HFR-LAB London), che ha avuto screening in numerosi festival in tutto il mondo, fra cui Onedotzero 10 presso l'Institute of Contemporary Arts di Londra, il Nemo Festival di Parigi, lo Yokohama Art Center e la Beijing Film Academy, per l'International Digital Art Project.

Giuseppe Cordaro (a.k.a. con_cetta) - Musicista
con_cetta è lo pseudonimo dietro cui si nasconde Giuseppe Cordaro.
Chitarrista in diversi ensemble musicali, si dedica alla musica elettronica dal 2005. Dopo la pubblicazione di un album (Sclerosis) per la netlabel Zymogen arriva il primo disco, Micro rilasciato dall'etichetta inglese Moteer a cui seguirà presto un nuovo lavoro discografico. Ha collaborato con diversi artisti (Corrado Nuccini e Jukka Riverberi dei Giardini di Mirò) e realtà culturali a livello internazionale fra cui il festival di musica elettronica audiovisiva, per il quale ha condiretto la programmazione musicale.

Davide Quagliola (a.k.a. Quayola) - Visual artist
Quayola è un visual artist italiano con base a Londra.
Il suo lavoro si concentra su forme di espressione multiformi in grado di esplorare lo spazio tra video, audio, fotografia, istallazioni, live performance e stampa.
Quayola riesce a creare mondi nuovi integrando materiale generato digitalmente con materiale registrato, esplorando così le contraddizioni del realismo nel mondo digitale. La sua opera "ibrida" ha l'intento di confondere i confini tra arte, design e filmmaking costituendo un meritevole esempio di rigore formale mediato da uno sguardo visionario sulla realtà urbana. Attualmente attivo come visual artist, graphic designer e regista. Quayola rimane attento a quanto accade in italia nel movimento artistico della sperimentazione elettronica audiovisiva.



audioscan MILANO credits


Produzione
AGON
basemental

Direzione artistica
Giorgio Sancristoforo

Musiche
Giorgio Sancristoforo, Giuseppe Cordaro

Video
Davide Quagliola

Organizzazione
Danilo Cardillo

Sito internet
www.audioscan.it




Con il contributo di: Fondazione Cariplo - Bando Creatività Giovanile
Regione Lombardia - Culture, Identità e Autonomie della Lombardia
Comune di Milano – Assessorato alla Cultura



ufficio stampa
paola conforti - casi umani
www.casiumani.it
via archimede 6, 20129 milano
tel. 02 540202 - fax 02 540202.22

venerdì 23 aprile 2010

4 parchi su due ruote, mobilita' sostenible integrata nell'area metropolitana




DAI PARCHI DEL NORD MILANO
UNA PROPOSTA CONCRETA PER COSTRUIRE UN SISTEMA DI MOBILITA'
SOSTENIBILE INTEGRATO NELL'AREA METROPOLITANA

Presentati i risultati e le prospettive di sviluppo del progetto "4 Parchi su due ruote"

Scarica da questo link i materiali, le mappe e il video del progetto


"4 parchi su due ruote" è un innovativo progetto finanziato dalla Fondazione Cariplo che ha permesso di elaborare uno studio di fattibilità e di avviare la progettazione preliminare di un sistema di mobilità sostenibile verso e tra i Parchi del Nord Milano, integrato al sistema di trasporto pubblico locale (rete metropolitana, ferroviaria e metro-tranviaria). Il progetto è stato promosso e sviluppato dal punto di vista tecnico dal Parco Nord Milano (capofila), il Parco Balossa, il Parco Media Valle del Lambro e il Parco Grugnotorto-Villoresi - le quattro grandi aree verdi del Nord Milano che hanno un'estensione complessiva di 1.845 ha. - con il supporto di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo che, oltre a ispirare l'idea progettuale, si è occupata degli aspetti legati alla governance e al coordinamento tra gli attori coinvolti.

"4 parchi su due ruote" ha individuato i primi 5 itinerari ciclopedonali percorribili che già permettono di collegare tra loro i quattro grandi Parchi e nove Comuni dell'area: i sette del Nord Milano (Bresso, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano, Sesto San Giovanni) più Brugherio e Novate Milanese. Cinque itinerari con una lunghezza complessiva di 39 Km, di cui 36 esistenti, che con pochi e mirati interventi da parte delle amministrazioni comunali (tra cui la progettazione dei 3 km mancati) e un'adeguata segnaletica e promozione possono dar vita a una rete di mobilità sostenibile integrata nell'area Nord Milano, un territorio di 72 km² di estensione con una popolazione di circa 370.000 abitanti.

L'obiettivo di fondo dei Parchi del Nord Milano è quello d'incentivare concretamente l'uso della bicicletta, riducendo l'uso dell'automobile, non solo per accedere alle aree verdi nel tempo libero ma anche per spostarsi tra i vari Comuni del territorio e raggiungere il posto di lavoro, i servizi sociali e culturali, la rete di trasporto pubblico locale. Nel progetto i Parchi hanno anche ipotizzato la collocazione di 8 nuove bicistazioni nel Nord Milano (da aggiungersi alle due già esistenti ubicate alla stazione FS di Sesto San Giovanni e a Cinisello Balsamo) e l'attivazione di nuovi servizi locali di bikesharing integrati.

Oltre alla concretezza e fattibilità delle proposte, un altro importante valore aggiunto del progetto è stato l'avvio di un percorso di collaborazione tra i Parchi e di confronto tra queste realtà sovracomunali con le amministrazioni locali interessate all'implementazione delle aree protette e alla promozione della mobilità sostenibile nell'area metropolitana milanese: Comuni del territorio, Comune di Milano, Provincie di Milano e di Monza e Brianza, Regione Lombardia. In quest'ottica, Milano Metropoli sta lavorando con alcuni Comuni milanesi e altri enti sovralocali per avviare nuovi progetti e iniziative focalizzate all'implementazione delle aree verdi protette anche attraverso un miglioramento dei collegamenti tra le diverse realtà.

Il progetto "4 parchi su due ruote" ha già individuato come future aree strategiche d'intervento la connessione ciclopedonale del Nord Milano con:
- il Comune di Milano, attraverso i progetti milanesi "Greenway"(che collegherà il centro città con la zona Expo entro il 2015) e "Raggi verdi" (che raggiungeranno i parchi Nord Milano e Media Valle del Lambro);
- il Parco di Monza e la Brianza, attraverso il Parco Media Valle del Lambro;
- l'antico borgo di Castellazzo di Bollate e i boschi del Parco delle Groane, attraverso il Parco della Balossa;
- il Canale Villoresi, attraverso il Parco Grugnotorto-Villoresi.

RISULTATI DEL PROGETTO "4 PARCHI SU DUE RUOTE"
- Individuazione delle molte potenzialità e delle poche criticità dell'attuale rete di piste ciclabili esistente nel Nord Milano.
- 5 itinerari ciclabili che con limitate opere di messa in sicurezza e con una segnaletica specifica, permettono di connettere tra loro i 4 grandi Parchi e 9 Comuni dell'area.
- Progetti preliminari di intervento per risolvere le criticità riscontrate negli itinerari proposti.
- Ipotesi di localizzazione di un sistema integrato di bikesharing a partire dalle bicistazioni progettate e quelle già attive, sulla base della mappatura dei principali nodi di interscambio del sistema di trasporto pubblico ferro-metro-tranviario. Questa prospettiva è interessante perché permetterebbe di impiegare tale sistema ciclopedonale non solo durante il tempo libero ma anche nei tragitti casa-lavoro.
- Avvio di un percorso di confronto tra i Parchi del Nord Milano e le istituzioni locali (Comuni del Nord Milano, Comune di Milano, Provincie di Milano e di Monza e Brianza e Regione Lombardia) sui possibili interventi da fare per creare una vera rete di mobilità sostenibile integrata a livello metropolitano, a partire proprio della valorizzazione delle reti ciclabili e delle aree verdi protette.

Alcuni numeri del progetto
- 4 Parchi coinvolti (1.845 ha complessivi).
- 9 Comuni del Nord Milano coinvolti (un territorio di più di 72 km² per circa 370.000 abitanti).
- 5 itinerari di collegamento tra i Parchi, per un totale di  39 km, di cui 36 km esistenti e 3 km da progettare.
- 400.000,00€ il costo degli interventi per la realizzazione dei tratti mancanti e la messa in sicurezza degli attraversamenti.
- 10 bicistazioni ipotizzate sul territorio del Nord Milano, di cui 2 esistenti (stazione FS di Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo).

I primi 5 itinerari cicIabili definiti
- Itinerario arancio (Parco Media Valle del Lambro): 8.160 m totali tutti realizzati.
- Itinerario rosso (anello Parco Nord Milano): 10.713 m totali di cui 10.213 realizzati e 500 mancanti.
- Itinerario viola Parco della Balossa): 5.086 m totali di cui 4.585 realizzati e 501 mancanti.
- Itinerario azzurro (Parco Grugnotorto-Villoresi Ovest): 8.904 m totali di cui 7.724 realizzati e 1.180 mancanti
- Itinerario giallo (Parco Grugnotorto-Villoresi Est): 6.333 m totali di cui 5.429 realizzati e 910 mancanti (ma già finanziati).

Obiettivi strategici individuati
- L'opportunità di avviare la costituzione di un Sistema Integrato delle Aree verdi Protette del Nord Milano, un percorso di condivisione di risorse economiche, competenze e progetti di sviluppo tra i quattro Parchi del Nord Milano focalizzato al miglioramento della qualità della vita e alla riqualificazione territoriale dell'area.
- L'utilità di rafforzare la collaborazione con il Comune di Milano per integrare la rete di piste ciclopedonali del Nord Milano con quelle milanesi - in particolare con gli itinerari previsti dai progetti milanesi "Raggi verdi" e "Greenway" che collegherà il centro città con la zona Expo entro il 2015 - e con la Provincia di Monza e Brianza, per collegare il territorio con il Parco di Monza e la Brianza.
- L'opportunità di aprire un confronto permanente con le amministrazioni locali (Comuni, Provincia di Milano, Regione Lombardia) e altri operatori territoriali per sviluppare un sistema di mobilità sostenibile integrata nell'area metropolitana milanese a partire della valorizzazione delle aree protette.

Ufficio stampa
Pilar Sinusia: Comunicazione Istituzionale -Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo
sinusia@milanomet.it, Tel. 02 24126580:
www.milanomet.it

Tomaso Colombo: Parco Nord Milano, Tel.02-241016202 ,  www.parconord.milano.it, www.connaturazioni.ning.com

AAA ARCHITETTI CERCASI 2010, 30 aprile 2010 ore 18.00

Urban Center Milano La invita alla presentazione del Concorso Internazionale di Progettazione Under 35:

AAA ARCHITETTI CERCASI 2010

Urban Center Milano - Galleria Vittorio Emanuele II
venerdì 30 aprile 2010 ore 18.00

Invito scaricabile al link:
http://allegati.comune.milano.it/urbancenter/AAAarchitetticercasi.pdf

Ingresso libero.

giovedì 22 aprile 2010

Cellulari con doppia scheda

i cellulari dual sim rappresentano il futuro. eGlem la vetrina per tutte le offerte e le migliori occasioni su Kit Xenon, telefoni cellulari, Sensori di parcheggio, Videosorveglianza, Apple Iphone 3g,  navigatori satellitari gps. Offerte Sony, Canon, Nikon, Panasonic, Olympus, Nokia, kit xenon per auto e moto, sensori di parcheggio a led e buzzer, allarmi antifurto gsm gps, lampade xeno philips.

personale : 13 persone ; numero verde per info e assistenza 800933316

Ebizlab esiste da 2 anni


Accettiamo tutti i tipi di pagamento; carta di credito(banca sella), carta di credito(iwsmile),paypal,bonifico bancario,contrassegno e pagamento rateale con rate in rete.

Siamo certificati verisign

Importiamo dall'estero da 5 anni (2 anni con ebizlab srl), siamo licenziatari sisvel

info:

www.eglem.com

mercoledì 21 aprile 2010

Urban Center Milano: "MILANO VIVERE I PII" 29 aprile 2010 ore 18.30


Urban Center Milano  invita alla tavola rotonda sul tema:

MILANO VIVERE I PII
(Piani Integrati di Intervento)

Urban Center Milano - Galleria Vittorio Emanuele II
giovedì 29 aprile 2010 alle ore 18.30

Invito scaricabile al link:
http://allegati.comune.milano.it/urbancenter/invito_pii.pdf

La tavola rotonda prende spunto dalla mostra sui Piani Integrati di Intervento già abitati
che verrà presentata dal 23 al 29 aprile 2010 presso l'Urban Center dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18

Ingresso libero.

Parchi del Nord Milano, sistema di mobilità sostenibile metropolitano




DAI PARCHI DEL NORD MILANO
UNA PROPOSTA CONCRETA PER COSTRUIRE UN SISTEMA DI MOBILITA'
SOSTENIBILE INTEGRATO NELL'AREA METROPOLITANA



Invito al Convegno: "A ruota libera tra i parchi del Nord Milano:
 itinerari possibili per un sistema di mobilità sostenibile integrato"
Venerdì 23 aprile, Ore 9.30 - 13.00
Villa Torretta, via Milanese 3, Sesto San Giovanni


"4 parchi su due ruote" è un innovativo progetto finanziato dalla Fondazione Cariplo che ha permesso di elaborare uno studio di fattibilità e di avviare la progettazione preliminare di un sistema di mobilità sostenibile da, verso e tra i Parchi del Nord Milano, integrato al sistema di trasporto pubblico locale (rete metropolitana, ferroviaria e metro-tranviaria). Il progetto è stato promosso e sviluppato dal Parco Nord Milano, il Parco Balossa, il Parco Media Valle del Lambro e il Parco Grugnotorto-Villoresi - le quattro grandi aree verdi del Nord Milano che hanno un'estensione complessiva di 1.845 ha. - con il supporto di Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo.

Il convegno del prossimo 23 aprile sarà l'occasione per presentare i risultati dello studio di fattibilità e, soprattutto, per iniziare ad approfondire con i rappresentanti dei Parchi e delle istituzioni locali (Comuni del Nord Milano, Comune di Milano, Provincie di Milano e di Monza e Brianza e Regione Lombardia) sui possibili interventi da fare per creare una vera rete di mobilità sostenibile a livello metropolitano, a partire proprio della valorizzazione delle aree verdi protette.
Hanno confermato la loro partecipazione al convegno:  
Carmelo Gambitta, Presidente Parco Nord Milano; Carlo Lio, Amministratore Delegato Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo; Roberto Camagni, Consigliere di Amministrazione Fondazione Cariplo; Carlo Masseroli, Assessore Sviluppo Territorio Comune di Milano; Giovanni De Nicola, Assessore alle Infrastrutture, Viabilità e trasporti, Mobilità ciclabile, Opere pubbliche stradali, Provincia di Milano; Giorgio Oldrini Presidente della Conferenza dei Comuni del Nord Milano (Bresso, Cinisello Balsamo, Cologno Monzese, Cormano, Cusano Milanino, Paderno Dugnano e Sesto San Giovanni); Lorenzo Guzzeloni, Sindaco Comune di Novate Milanese;Antonino Brambilla, Assessore alla Pianificazione territoriale e ai Parchi, Provincia di Monza; Emanuele Errico, Presidente Navigli Lombardi; Riccardo Gini, Direttore Parco Nord Milano e Parco della Balossa; Luca Ceccattini, Presidente Parco della Media Valle del Lambro; Gianluca Bogani, Presidente Parco del Grugnotorto Villoresi; Aldo Colombo, Dirigente DG Infrastrutture e Mobilità Regione Lombardia; Antonino Tripodi, Progetto Mibici, Direzione Centrale Trasporti e Mobilità, Provincia di Milano; Antonio Rugari, Presidente Consorzio Trasporti Pubblici Nord Milano; Marco Menichetti, vicepresidente Associazione Verde, Ambiente e Società Lombardia; Renato Galliano, Direttore Generale, Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo.

Per scaricare il programma completo: www.parconord.milano.it,  www.milanomet.it

Ufficio Stampa:
Parco Nord Milano: Tomaso Colombo, tel.02.241016202
Milano Metropoli Agenzia di Sviluppo:Pilar Sinusia, tel. 02-24126540

martedì 20 aprile 2010

Arte, musica, suono e segno all’happy hour presso BHR Hotel Treviso in collaborazione con la Galleria ART WAY OFF


In esposizione le opere dell’artista Ketra fino al 22 aprile e dal 29 aprile fino al 27 maggio dell’artista Giacomo Ceccagno.
Continua l’ appuntamento con l’ arte offerto da BHR Hotel Treviso in collaborazione con la Galleria ART WAY OFF: da qualche mese sono infatti esposti presso il Gioja Lounge Bar i quadri di giovani artisti di Treviso da ammirare in occasione del consueto appuntamento dell’Happy Hour. Il 29 aprile in occasione della prima serata al BHR della mostra dell’ artista Giacomo Ceccagno, si terrà come di consueto il vernissage con l’artista.
Galleria d’arte Artway
L’associazione no-profit art way propone la galleria d’arte art way basata su concezioni innovative dell’esposizione artistica, offerta per educare anche il pubblico della notte. La galleria mira, infatti, a dissociare l’arte dall’etichetta elitaria a cui barriere culturali ed economiche l’hanno costretta per anni, al fine di avvicinarla all’uomo “della strada”. Questo proposito viene attuato mettendo i fruitori della struttura su un egual piano: l’artista, il critico e lo spettatore non sono separati né distinti, bensì accomunati e di vicendevole aiuto in quel processo di educazione e arricchimento che l’arte prevede. Il pubblico diventa parte integrante e fondamentale dell’evento, mentre la sede stessa della galleria diventa luogo d’incontro e di educazione, di conoscenza e di nuove possibili amicizie, fondate su una solida base di comune interesse artistico. La galleria si propone come punto d’incontro, organizzando eventi in sintonia con il territorio, piatti con i prodotti tradizionali della marca e soprattutto pregiati accompagnamenti musicali che rispecchiano il gusto e lo stile dell’artista esposto, in un connubio prezioso di arte e musica, suono e segno.


Per ulteriori informazioni:
www.bhrtrevisohotel.it

XI WBF Ata Hotel Expo Fiera a Pero




Alle porte l'undicesima edizione di WBF, l'evento leader per l'IT & Telco business community, in scena il 22 aprile a Milano.

 

Milano, 20 Aprile 2010 – Si terrà il 22 Aprile presso l'Ata Hotel Expo Fiera a Pero (Milano) l'undicesima edizione di WBF, il più autorevole appuntamento italiano che dal 2002 riunisce operatori, istituzioni e media per analizzare le evoluzioni tecnologiche delle infrastrutture ICT a supporto del business – www.wirelessforum.it

 

NGN e banda larga: a che punto siamo?

Le reti di nuova generazione (NGN), indispensabili per lo sviluppo "digitale" del Paese, saranno al centro del dibattito di WBF. Se in Italia l'interesse del pubblico su questo tema è grande e consolidato, negli ultimi anni anche l'attenzione del mondo della politica è aumentata, al tal punto che sono stati stanziati 800 milioni di finanziamento. Ma i fondi rimangono ad oggi congelati. Nel frattempo l'Europa dà il via libera per colmare il divario digitale in Lombardia: pronto un piano per portare nelle case la fibra ottica, a cui si aggiunge un protocollo d'intesa tra la Regione Lombardia e il Ministero dello Sviluppo Economico per ridurre il digital divide nel 2010 e creare una rete di nuova generazione. Con inizio dei lavori verso giugno, massimo settembre. Arriva anche il primo caso in Italia di notifica sulle NGN presentato all'Unione Europea da un ente pubblico italiano: la Provincia di Lucca si è candidata a diventare soggetto attuatore per una sperimentazione su scala nazionale. Importanti quindi le iniziative a livello locale, singolarmente meritevoli ma per lo più scollegate tra loro. Manca una strategia a livello centrale, che porti l'Italia a superare un ritardo inaccettabile nella modernizzazione delle infrastrutture di TLC rispetto ad altri Paesi Europei.

In occasione della sessione plenaria di WBF si farà il punto sullo stato dell'arte delle reti di nuova generazione in Italia e in Europa: in particolare, verranno analizzate le prospettive di sviluppo, focalizzando l'attenzione sugli aspetti operativi e di business e le previsioni di mercato, e verranno presentati i principali risultati del Programma di "Ricerca Infrastrutture e Servizi a Banda larga e Ultra Larga" (ISBUL) sullo sviluppo delle NGN.

 

Digital Cities: l'estensione ed evoluzione delle reti e i servizi ai cittadini

Il potenziamento e l'estensione dell'accesso alla connettività - con un arricchimento di servizi a costi sostenibili sul territorio - migliora la cooperazione e la comunicazione fra le organizzazioni pubbliche e il loro rapporto con i cittadini. Le città diventano sempre più digitali e competitive, offrendo ai cittadini servizi sempre più integrati.

È questo il secondo tema caldo che verrà affrontato nel corso della sessione plenaria di WBF. Si parlerà di interoperabilità tra strutture pubbliche e private che portano alla creazione di valore aggiunto sia per le reti WiFi esistenti sia per quelle di nuova implementazione. Importante approfondimento anche su Expo 2015, una grande opportunità per il mondo ICT, in considerazione degli impatti su progetti di digitalizzazione, controllo delle infrastrutture e migliore gestione delle Utility che il progetto richiederà.

Non mancheranno anche le case history su Municipal Wireless e Utilities, relative alla copertura wireless pubblica del territorio. In evidenza i progetti al servizio del cittadino, ma anche innovazione e infrastrutture per migliorare la competitività dei servizi di pubblica utilità: il progetto Banda Larga della Provincia di Milano, le Smart Cities - il futuro delle città frontaliere in Friuli Venezia Giulia e in Carinzia, il WiFi a Reggio Emilia, e i servizi di connettività per multiutility sul territorio di Brescia, Bergamo e Milano.

Non mancano le tematiche trattate nel corso delle conferenze pomeridiane.

Technologies & Solutions: standard, architetture e soluzioni per realizzare ed estendere reti wireless con business case profittevoli e un importante approfondimento dedicato allo stato dell'arte di Expo 2015 ed alle opportunità per il mondo ICT per capire gli impatti su progetti di digitalizzazione urbana, controllo delle infrastrutture e migliore gestione delle Utility. Green ICT: un approccio pratico su risparmio energetico e

sostenibilità per le tecnologie ICT, in particolar modo sulle strategie di riconversione più economiche e sostenibili e sull'impatto che esse hanno sulle scelte di investimento e sulla riduzione del TCO. Unified Communication: sessione dedicata alle soluzioni di Unified Communication & Collaboration, proprietarie e Open Source, dalle piattaforme infrastrutturali ai modelli di integrazione nei processi di comunicazione. Channel 2.0, come cambia l'ecosistema digitale: Unified Communication, Voice over IP, messaggistica istantanea, mobilità, networking: tutto un mondo di tecnologie e servizi sta rapidamente convergendo al centro del Web, con interessanti opportunità di business per il canale degli operatori. Cabling & Networking: il punto su reti, cablaggi, sicurezza, professionalità e certificazione degli operatori.

 

Keynotes Speaker
Fra i relatori di Istituzioni, Associazioni e Partner che hanno confermato la loro presenza a WBF, vi segnaliamo:

Fulvio Ananasso, Direttore Studi, Ricerche e Formazione, AGCOM

Roberto Bernardis, Program Manager, BIC Incubatori FVG

Cristina Bonera, Consigliere, ASSOTEL - Associazione Operatori Telefonia & Telematica
Giovanni Cancellieri, Presidente, CReSM - Centro Radioelettrico Sperimentale G. Marconi

Eugenio Capra, Dipartimento di Elettronica e Informazione, Politecnico Milano

Massimiliano Cassinelli, Connessioni & Cablaggi - Il Sole 24 Ore Business Media

Maurizio Del Corso, Direttore responsabile, Rivista "Firmware"

Gabriele Falciasecca, Presidente, Lepida S.p.A.associato AssinterItalia

Claudio Ferrara, Giornalista, e-Gov Magazine
Enrico Frascari, Direttore ICT, Expo 2015 S.p.A.

Oreste Galasso, AD, Selene- Gruppo A2A

Eros Guareschi, Dirigente Sistemi Informativi, Comune di Reggio Emilia

Leonardo Kosarew, Direttore relazioni internazionali e Progetto Banda Larga,  Provincia di Milano 

Marco Maria Lorusso, Responsabile redazione, Top Trade Informatica

Fabio Magrino, Direttore Responsabile, BELTEL

Arturo Manera, Vice Presidente, ANPCI - Associazione Nazionale Piccoli Comuni d'Italia

Mario Massone, Fondatore, Forum UCC
Massimo Alessio Mauri, Responsabile
Gruppo Facility, CINECA

Gaetano Montingelli, Direttore Generale, ASSOTEL – Associazione Operatori Telefonia & Telematica

Riccardo Mortillaro, Divisione nuove tecnologie,  responsabile gestione e sviluppo rete partner, Cdc

Sabrina Mossenta, Partnerships Manager, Viadeo.com Italia

Alessio Pennasilico, Security Evangelist, AIPSI - Associazione italiana Professionisti Sicurezza Informatica

Daniela Rao, Tlc Research Director, IDC Italia e VP, ANFoV

Fulvio Sarzana di S. Ippolito, Avvocato, Studio Legale Sarzana e Associati

Fabio Spagnuolo, Segretario, Associazione Anti Digital Divide

 

La partecipazione a WBF – gratuita previa registrazione sul sito – è riservata agli operatori del settore, sino ad esaurimento posti. Per la registrazione online: www.wirelessforum.it

 

Informazioni su WIRELESS

Dal 2000, WIRELESS è il punto di riferimento italiano della filiera di operatori nel settore delle tecnologie ICT, in particolare wireless - mobile e multimedia. WIRELESS anticipa scenari e soluzioni, offre occasioni di dibattito, confronto, scambio commerciale e networking tra aziende.

WIRELESS è il partner ideale per disegnare, organizzare e realizzare eventi B2B di successo nel settore delle tecnologie ICT e multimedia.

Nel 2009 sono stati organizzati cinque grandi eventi totalizzando oltre 12.000 visitatori e 310 aziende partecipanti, più di un milione di pagine web viste e 400.000 visitatori unici, 4.300 nuovi nominativi inseriti nel database.

 

Contatti:

Media Relation

Michela Gnemmi

mgnemmi@gowireless.it

Cell +39 329 9020204

Event Manager

Alessia Massari

amassari@gowireless.it
Cell +39 340 0695514

WIRELESS Srl

Via Monte Rosa, 11

20149 MILANO - Italy

Tel +39 02 48100306

 

 

 



--
Postato da wireless su CorrieredelWeb.it L'informazione fuori e dentro la Rete.

mercoledì 14 aprile 2010

Donne Teatro Diritti: in scena Princese al Teatro Oscar di Milano


PRINCESE

Diario di bordo. Memorie di teatro e carcere:

sezione femminile

25 aprile h 21.00

 

Progetto Donne Teatro Diritti

con il contributo della Fondazione Cariplo di Milano

 

h 19.30 presentazione del libro

Recito quindi So(g)no. Teatro Carcere 2010

Teatro Oscar - Via Lattanzio 58b, Milano

 

All'interno del progetto Donne Teatro Diritti il CETEC replica il 25 aprile al Teatro Oscar Princese. Diario di Bordo Memorie di Teatro e Carcere, tappa di un percorso iniziato nelle carceri di San Vittore e Bollate e che proseguira' a Parigi il 22 maggio ospite del Festival Migration.

 

In scena la regista Donatella Massimilla e le attrici Gilberta Crispino e Francesca Romana Nasce' narrano un viaggio teatrale intenso e insolito nei luoghi di reclusione, accompagnate alla chitarra dalle canzoni di Fabrizio De Andre', eseguite da Juri Aparo. Una storia sul filo dei personaggi imperfetti di Faber, una storia di Princese, di donne segnate dalla droga, immigrate, madri di famiglie mafiose che attraverso il teatro si ri-conoscono, da Le Serve di Genet a Victoria Station di Harold Pinter, rivivendo sulla scena frammenti di vita, memorie di teatro, speranze di futuro.

Uno spettacolo manifesto del CETEC dal 2005 a oggi e' stato messo in scena in luoghi liminali e invisibili, dalle carceri ai teatri, coinvolgendo detenuti, ex detenuti, operatori del settore e artisti.

 

Prima dello spettacolo, alle ore 19.30 sara' presentato Recito dunque So(g)no. Teatro Carcere 2010, di Emilio Pozzi e Vito Minoia, un libro che raccoglie  testimonianze ed esperienze teatrali nelle carceri e attraverso la pratica teatrale offre una visione nuova sull'importanza dell'arte nei luoghi reclusi.

 

Dopo Movable Barres, iniziativa che ha promosso la musica e la danza nelle carceri d'Europa, il CETEC continua il suo viaggio europeo grazie al progetto Cultura 2007-2013 della CEE dedicato all'Edge Festival che si svolgera' tra Londra, Belfast, Sofia, Tunisi e Parigi dal 2010 al 2013 per testimoniare e continuare  a raccontare su scala internazionale le arti nel disagio e nei luoghi reclusi.

 

PRINCESE

Diario di bordo. Memorie di teatro e carcere: sezione femminile

Una narrazione teatrale di Donatella Massimilla

Con Gilberta Crispino, Donatella Massimilla,  Francesca Romana Nascè

Accompagnata dalle canzoni di Fabrizio De Andrè eseguite da Juri Aparo

Installazione video Fabio Giorgetti (Blowaz.net)

 

Ingresso intero 12 euro, ridotto 10 euro

 

Ufficio Stampa CETEC: Marta Volterra marta.volterra@gmail.com 340.96.900.12

 



Plinio Il Giovane presenta la Collezione tessile “Lago di Como”



In occasione del Salone del Mobile 2010 Plinio Il Giovane presenta la nuova collezione tessile “Lago di Como”. Materassi, guanciali, lenzuola, coperte e accessori per il sonno, tutto rigorosamente biologico e disegnato da Mario Prandina per Plinio Il Giovane per vestire gli ormai storici sistemi per il sonno da lui ideati.
I materassi, fatti a mano, sono realizzati utilizzando un materiale simile alla spugna di mare che permette al corpo di traspirare, uno strato di lana e uno di cotone. Il tutto viene poi rivestito, come da tradizione di Plinio Il Giovane, con il traliccio di cotone e legato con il vecchio sistema dei fiocchetti di cotone.
Anche le lenzuola sono completamente naturali: puro lino e cotone tinto con colori che non utilizzano fissanti chimici, ma ammorbidenti che sfruttano principi cosmetici che rigenerano la pelle durante il sonno.
Per info:
www.plinioilgiovane.it

Davide Rampello, il nuovo Mosé, «A maggio presenterò la Tavola dei principi»

Il Presidente della Triennale fa progetti per valorizzare le eccellenze. E propone
di trasformare il Compasso d'Oro negli Oscar del Cinema per premiare la filiera

Era il febbraio del 2009, la crisi economica era già un tema e un problema di grande attualità. E Davide Rampello, presidente della Triennale dal 2003, ha lanciato sulle pagine di uno dei due quotidiani più letti del Paese - Il Corriere della Sera - il Manifesto della cultura (Leggi l’articolo su Il Corriere della sera). Una risposta ai problemi economici, alla perdita dei valori e della tradizione, un invito al mondo della cultura milanese e una provocazione: riscopriamo il fare e valorizziamo le eccellenze del territorio.
HOUSE LIVING AND BUSINESS è andato a trovare il presidente Rampello nel suo ufficio in Triennale, alle spalle del Castello Sforzesco, quasi un anno dopo quella pubblicazione per capire che cosa è successo in questi mesi, per capire chi ha risposto al suo appello, per capire soprattutto come il fare e le eccellenze possano essere valorizzate. E lui, nonostante ancora nessuno gli abbia risposto, difende la città da chi la crede morta e lancia un nuovo messaggio. Questa volta rivolto alla Presidente dell’ADI - Associazione per il Disegno Industriale - Luisa Bocchietto.
Leggi tutto...

«Londra, pietra miliare: le Olimpiadi del futuro, nuovo modello all’insegna della sostenibilità»

Un confronto a più voci tra l'architetto Mario Kaiser, il sindaco londinese Boris Johnson, Dave Hill del Guardian e il consulente dell'Independent Marcus Dixon

L’organizzazione dei Giochi Olimpici di Londra 2012 è guardata con grande attenzione da Milano. Precedendo l’Expo 2015 milanese di tre anni, può diventare un esempio molto interessante da seguire. In comune le due grandi manifestazioni internazionali hanno due aspetti fondamentali: la sostenibilità del progetto e l’elemento acqua.
L’architetto italiano Mario Kaiser è principal design advisor del progetto. A HOUSE LIVING AND BUSINESS spiega da quali riflessioni nasce: «Londra sarà la pietra miliare per fondare un nuovo modello di olimpiadi del futuro all’insegna della sostenibilità. Per il progetto abbiamo appositamente scelto una zona a est della capitale da riqualificare e rilanciare: Stratford, un quartiere periferico con elevata disoccupazione e il maggiore tasso di criminalità di tutta la Gran Bretagna. Vogliamo farla rinascere con il verde - non a caso abbiamo insistito sulla parola parco - infrastrutture, trasporti pubblici, nuove case e zone di shopping».
Sostenibilità significa per Kaiser puntare alla rigenerazione futura dell’area: «Si costruisce non tanto per i Giochi ma per il futuro, per gli anni successivi all’evento. Significa che nel Parco olimpico l’80% degli impianti sportivi sul fiume saranno smantellati dopo settembre 2012. Ne resteranno solo quattro. Due di questi, lo stadio ed il centro acquatico, saranno riconvertiti e ridimensionati. Le tribune temporanee per gli spettatori del Centro Acquatico, per esempio, saranno smontate per passare da una capienza di 17.500 posti richiesta dai giochi a 2.500 per l’uso futuro».
L’elemento dell’acqua poi, per Kaiser, «unisce e nobilita un paesaggio». «A Londra - prosegue il principal design advisor - abbiamo scelto il Lea, un affluente del Tamigi che unisce quattro circoscrizioni cittadine. Una zona finora ad uso prettamente industriale, popolata di chiatte. Diventerà un parco, il Olympic Park (la zona è la Lower Lea Valley)».
Grazie ad un investimento di 9,3 miliardi di sterline (di cui solo il 25% sarà speso per il Giochi e il 75% per la fase successiva) il pool di progettisti ha calcolato che si accelererà di 25 anni la rigenerazione di Stratford.
La sfida è di non trovarsi dopo l’evento con un fardello di edifici mastodontici inutilizzati in aree ritornate desertiche. Un problema che sembra essere molto sentito anche a Milano.
Leggi tutto...

Aldo Cibic, L’architettura oggi è estremamente superficiale perché non dà risposte ragionate

Designer e architetto con un'anima da urbanista. L'ex allievo di Sottsass disegna nuovi stili di vita ecosostenibili, alla base del suo lavoro strategia e narrativa

È un designer e un architetto, ma non ama essere classificato né come l’uno o né come l’altro perché Il mondo della progettazione interessa in modo indifferente sia l’architettura che il design. Aldo Cibic, nato artisticamente con Memphis e Ettore Sottsass negli anni ‘80, oggi è più famoso come urbanista, come l’ha definito il critico Alberto Bassi, e lui non rinnega questa nuova sfida professionale. Prima disegnava oggetti, oggi - complice la crisi - interpreta nuovi modi di abitare e riscopre gli antichi valori: la natura, le stagioni, l’orto davanti a casa. Una vita insomma lontana dal traffico e dalla città, immersa nei Paesaggi rurali, per citare un vecchio progetto, circondata solo da ciò che davvero serve. Via il superfluo, quindi. E nel superfluo annovera anche prodotti nati più dallo svago di un designer che da un reale bisogno.
Le parole di Cibic riecheggiano il movimento di Maurizio Pallante, la Decrescita Felice, della quale però condivide i principi ma non lo slogan. E spinto da una nuova sensibilità verso il mondo naturale, lavora a More with less: progettare un villaggio nella campagna vicentina, perché le persone si innamorino di un film.


Lei è conosciuto come designer e come architetto: si sente più l’uno o più l’altro?
È tipico della mentalità italiana voler fare una distinzione tra l’architetto e il designer. Però è sbagliato: il mondo del progetto è tutt’uno. L’architettura è una disciplina progettuale che si muove a 360° gradi e a me piace disegnare oggetti d’arredamento quanto nuovi modi di vivere. Io non mi sento né l’uno né l’altro: come designer studio le tecniche, come architetto analizzo il quadro generale; mentre il design crea un oggetto che viene poi vissuto da fuori, l’architettura valuta il rapporto con le funzioni. Pensiamo ad esempio a una sedia: interagisce con l’uomo proprio perché viene usata per sedersi, ma è un oggetto tridimensionale che viene guardato dal fuori, dall’esterno, mentre le opere architettoniche implicano una relazione tra spazi, funzioni e persone e quindi una relazione con il quadro generale.
Leggi tutto...

martedì 13 aprile 2010

49° Salone Mobile Milano: eccellenze salentine e pugliesi




Domani l'inaugurazione presso Palazzo Bovara al Circolo del Commercio

Al 49° Salone del Mobile di Milano

"abitano" le eccellenze salentine e pugliesi

Nel "Fuori Salone" allestita la mostra d'immagine, "Puglia, l'eccellenza italiana abita il futuro"

con 26 tra le più innovative aziende di design e arredo pugliesi, Caminopoli è tra queste

Aprirà domani e chiuderà il 19 aprile il Salone Internazionale del Mobile di Milano. Giunto alla sua 49a edizione, il Salone è la principale vetrina italiana a livello internazionale dedicata al settore dell'arredamento dove si presentano le nuove soluzioni per la casa tradizionale e di design, mobili per ufficio, complementi d'arredo, tessile, arredo bagno, illuminazione. Accanto al Salone del Mobile, si svolgono: Eurocucina, il Salone Internazionale del Bagno, il Salone Internazionale del Complemento d'Arredo, oltre al Salone Satellite.

Oltre al'area espositiva vera e propria, è previsto anche un ricco programma di eventi inseriti nel cosiddetto "Fuori Salone", e, tra questi, la Regione Puglia – Area Politiche per lo Sviluppo Economico, il Lavoro e l'Innovazione ha organizzato nella prestigiosa cornice di Palazzo Bovara - Circolo del Commercio di Milano, la mostra d'immagine, intitolata "Puglia, l'eccellenza italiana abita il futuro" e dedicata all'esposizione dei prodotti più innovativi e di design delle imprese pugliesi del settore arredo-mobile, si articolerà in una serie di "salotti", intesi come luoghi di incontro e di socializzazione, arricchiti e nobilitati con le produzioni di eccellenza delle imprese pugliesi aderenti all'iniziativa. La mostra immagine rappresenterà un punto di incontro per gli operatori di settore italiani ed esteri che potranno approfondire l'evoluzione dello scenario regionale e le relative potenzialità di sviluppo del settore dell'arredo-mobile; nonché costituirà un utile volano di promozione della partecipazione delle aziende pugliesi che espongono al Salone.

Sono ventisei le aziende pugliesi presenti alla mostra, le quali esporranno articoli e prodotti che spaziano dalla lavorazione della pietra locale ai pavimenti in legno, passando attraverso alcune soluzioni e proposte d'arredo molto innovative e dal design raffinato. Tra queste emerge l'azienda salentina Caminopoli, che nel giro di pochissimi anni è divenuta leader nazionale nella vendita di attrezzi e accessori per camini e caminetti. Conosciuta in tutta la penisola grazie all'attività svolta on-line attraverso il portale www.caminopoli.it, l'azienda è riuscita ad innescare una particolarissima trasformazione in questo settore d'arredo, ha fatto sì che gli attrezzi venduti sino a poco tempo fa solo presso i negozi di ferramenta diventassero degli oggetti di culto, ricercati e di gran prestigio. Prova ne è l'ordine pervenuto dal governo dell'Arabia Saudita a nome della principessa Rola Al-Ghair per arredare i prestigiosi camini delle ambasciate di Praga e di altre capitali europee.

L'azienda salentina torna ad affascinare Milano dopo appena sette mesi. Ha infatti esposto presso il Macef di settembre dove è riuscita a distinguersi con un particolarissimo stand progettato dal designer Renzo De Maria. Lo spazio espositivo è stato concepito non solo per presentare nel miglior modo possibile gli articoli trattati dall'azienda, ma soprattutto per far sì che i visitatori potessero essere accolti in un'atmosfera che richiamasse la tradizionale e rinomata ospitalità della terra in cui ha sede l'azienda, ossia il Salento. Fichi d'India, ambientazioni marine e rurali e tanto altro per ricreare in fiera il grande fascino della penisola italiana.




--
Postato su TuttoFiere

ClubdelMarketingedellaComunicazione: Premio Dentro Milano




 
Club del Marketing e della Comunicazione

  INVITO
" Premio Dentro Milano - 20 Anni"


Gentile Collega,

il Club del Marketing e della Comunicazione ha il piacere di invitarti, Lunedì 19 Aprile
ore 20:00, al "Premio Dentro Milano 20 anni"
e al Talk show "Marketing and the city", presso il Teatro San Babila, p.zza San Babila, 2/a, a Milano.

Per dettagli sull'evento: clicca qui

Per conferma ( necessaria per se e per i propri singoli ospiti) Cliccare QUI .

Per info: 02 2610052 - info@clubdelmarketingedellacomunicazione.com
 
 


 

 

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI